20°

Il caso

Cellulare in bici, 161 euro: una multa che divide

Cellulare in bici, 161 euro: una multa che divide
Ricevi gratis le news
71

Una multa da 161 euro e non poca amarezza: questo il costo di una telefonata fatta in bicicletta. Il commercialista pizzicato dalla municipale mercoledì in pausa pranzo racconta la sua versione e si sfoga: «Se l’amministrazione fosse così solerte nell’indirizzare gli agenti in altri controlli forse la città non sarebbe in questo stato». E parla anche di «razzismo al contrario».

Chiara Pozzati

Dopo la falcidiata degli automobilisti «telefonino-dipendenti», bacchettati come non mai negli ultimi mesi, tocca a un ciclista. Il popolo delle due ruote è avvertito: mani (libere) e ben in vista sul manubrio, pena una multa salasso. In pratica anche chi viaggia con l’ombrello aperto rischia di buscarsi la contravvenzione. E il bilancio è presto fatto: 161 euro di multa e non poca amarezza. Un vero e proprio «caso metropolitano» perché il giovane pizzicato dalla municipale mercoledì in pausa pranzo racconta la sua versione e si sfoga: «Non discuto sulla sanzione e neppure sull’operato dei vigili: so che esiste un regolamento e va rispettato- mette i puntini sulle “i” - Trovo però che se l’amministrazione fosse così solerte nell’indirizzare gli agenti in altri controlli forse la città non sarebbe in questo stato. Penso allo spaccio in pieno giorno, al degrado più volte lamentato in diversi quartieri…». La lista è lunga. Lui è un giovane commercialista «under 30», mantovano d’origine ma parmigiano d’adozione. Per riavvolgere il filo dell’accaduto occorre tornare indietro a due giorni fa. Sono da poco passate le 12,30 quando il libero professionista esce dal suo studio e inforca la bici diretto verso casa. «Intorno a me c’era una via Garibaldi deserta e ho fatto una chiamata - ammette senza tanti giri di parole -. A onor del vero ero parecchio stupito: non avevo capito il nocciolo della questione finché non mi hanno chiesto i documenti e hanno iniziato direttamente a scrivere». Ma il chiarimento (con verbale annesso) arriva direttamente dall’agente: violazione del Codice della strada, ergo contravvenzione. «A quel punto ovviamente ho incassato il colpo e la multa – prosegue il ciclista - Però non posso negare la rabbia: ci sono quartieri – via Bixio in primis - in cui cammini con la paura. In alcune occasioni anche la mia fidanzata che abita in Oltretorrente preferisce che io la vada a prendere per evitare d’incappare in brutti ceffi. Questa è una città con molte potenzialità, ma sta finendo al collasso: è sotto gli occhi di tutti. Evidentemente per il Comune la priorità è dare le multe ai ciclisti solitari, invece di puntare su controlli seri. Senza parlare poi del “razzismo al contrario“: forse se fossi stato vestito in maniera diversa e non avessi potuto garantire il pagamento del verbale mi avrebbero risparmiato». Il giovane tiene a precisare che la sua è una critica nei confronti di chi «reputa più costruttivo fare cassa con le multe che mantenere sicura questa città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • cellcell

    26 Giugno @ 18.14

    Quella non l'ho capita nemmeno io. La mano o è libera o è sul manubrio. Applicato alla lettera ogni ciclista è sanzionabile

    Rispondi

    • salamandra

      26 Giugno @ 18.52

      A me sembra invece chiarissima: 1. almeno una mano deve reggere il manubrio 2. le mani e le braccia devono essere libere da impedimenti (borse, ombrelli e... cellulari)!

      Rispondi

  • lella

    26 Giugno @ 13.32

    falcidiati? ma se sono triplicati più multe anche ai ciclisti

    Rispondi

  • cellcell

    26 Giugno @ 10.45

    Se la gente amasse leggere quanto ama scrivere. Cosa cz dici fosfirino dove te lo sei inventata la storia dell'altra mano libera. Il codice della strada lo trovi anche su internet dacci un'oxchiata va la. A te e a quelli che si lamentano dell'ombrello. Anche questa mi tocca leggere

    Rispondi

    • salamandra

      26 Giugno @ 11.57

      Per leggere ho letto, potrei non aver capito ma la parte iniziale del comma 2 dell'art. 182 del CdS recita: "I ciclisti devono avere libero l'uso delle braccia e delle mani e reggere il manubrio almeno con una mano..." Tu come lo interpreti?

      Rispondi

  • aldo

    26 Giugno @ 10.13

    Ho un conoscente amputato di un braccio, che si muove sempre in bici. Dovrà stare attento anche ai vigili d'ora in poi....

    Rispondi

  • salamandra

    26 Giugno @ 08.59

    Ho sempre difeso i ciclsiti su questo giornale online ma se commettono infrazioni vanno multati. Punto. Usare il cellulare mentre si guida è pericoloso. Io sarei per proibirne l'uso anche ai pedoni mentre attraversano la strada. Chiaro che se guidi un autobus sei pi ú pericoloso che se guidi una bicicletta ma pericoloso rimane. Poi si può discutere sull'importo. Preferirei tanto che la multa fosse piú bassa ma data con regolarità e non una volta su mille!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

IGERS

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

2commenti

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

GAZZAREPORTER

Parma 2017, bello spettacolo Barriera Garibaldi...

1commento

Incidente

Auto contro scooter a Fontevivo

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

2commenti

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

1commento

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

7commenti

Comune

Sciopero generale di venerdì 27 ottobre, i servizi garantiti

ambiente

Prima l'acqua poi il vento, ma misure d'emergenza fino a giovedì

6commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

RUGBY

Doppia intervista: Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CONTROLLI

Autovelox, la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

3commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

Gossip Sportivo

Nuovo look, Wanda Nara è diventata mora

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

2commenti

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

L'UTILITARIA

Skoda Fabia Twin Color più ricca

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro