-3°

L'INSERTO

La 'ndrangheta nel Parmense. Le 5 cose da sapere

Un inserto speciale domani con la Gazzetta

Inserti 'ndrangheta
Ricevi gratis le news
0

Dalle infiltrazioni dei primi anni Ottanta al maxi processo Aemilia, con 239 imputati, 58 condanne e 305 anni di pena. La storia dello sviluppo della ‘ndrangheta in Emilia, a casa nostra. Boss, traffici, soldi riciclati, droga. Personaggi insospettabili affiliati alle cosche calabresi. Domani i lettori della Gazzetta di Parma troveranno in edicola, con il giornale, un inserto di quattro pagine, gratuito, dedicato alla criminalità organizzata di casa nostra. Per capire come la mafia si è infiltrata nella ricca e laboriosa Emilia: inchieste e storie, anche quelle dolorose e coraggiose dei familiari delle vittime di mafia che hanno scelto di vivere tra noi. Ecco allora in cinque punti chiave la storia della ‘ndrangheta nel Parmense.

1. Dalla Calabria all’Emilia. L’assalto della cosca madre alla terra da spolpare iniziò il 9 giugno del 1982, con l’arrivo a Quattro Castella, nel Reggiano, in soggiorno obbligato, del boss Antonio Dragone. I tentacoli della ‘ndrangheta si allungano così sulla provincia di Reggio,che diventerà il cuore della mafia in trasferta dalla Calabria, fino ad arrivare al Parmense, solo una manciata di chilometri distanza, paesi ricchi e indifesi da assaltare. Dragone sarà ammazzato nel 2004 a Cutro, il suo posto sarà occupato da Nicolino Grande Aracri, ma la terribile faida tra le famiglie farà vittime anche da noi: delitti su commissione, esplosioni, roghi dolosi. La magistratura reagisce, iniziano le grandi inchieste sulla criminalità organizzata. Le indagini Scacco Matto, Ri-Scacco, Edilpiovra, Grande Drago, Point Break e altre. Fino all’inizio del 2015, quando all’alba del 28 gennaio scatta il blitz Aemilia, un’operazione che taglia le gambe alle criminalità organizzata calabrese in trasferta, la cosca Grande Aracri in versione emiliana. 117 le misure cautelari, tra carcere e domiciliari, di cui 56 per associazione mafiosa. Molti i volti noti, ma anche tantissimi gli insospettabili. Il risultato di quattro anni di inchiesta. Si arriva così al traguardo del processo Aemilia, ai riti abbreviati di Bologna e alle udienze, tuttora in corso, nell’aula bunker del tribunale di Reggio Emilia. 147 imputati. C’è anche Michele Bolognino, il boss di riferimento per le ‘ndrine parmigiane.
2. Dagli spari ai conti in banca. Al trasferimento geografico corrisponde anche una mutazione genetica della criminalità organizzata, che al Nord diventa sempre più silenziosa, attenta alle operazioni economiche, in mano a personaggi insospettabili. Esperti di riciclaggio, in grado di “ripulire” denaro sporco con attività economiche ben inserite nel territorio. La ‘ndrangheta cutrese diventa sempre più holding e si arricchisce con proprietà immobiliari, locali da ballo, società commerciali. Si profila così il caso di Sorbolo, il comune parmense in cui i boss hanno messo in scena una maxioperazione immobiliare del valore, sulla carta, di 15-20 milioni di euro: sulle pagine della Gazzetta di domani, la ricostruzione di come il grande affare si sia trasformato in un infinito guaio per le cosche. Oppure di Brescello, il primo comune della nostra regione commissariato per mafia. Il tutto sotto l’ombrello della famiglia dei boss Grande Aracri.
3. Le testimonianze delle vittime. Non lo sappiamo, ma vivono accanto a noi. Sono i familiari delle vittime di mafia che hanno scelto di rifarsi una vita quassù. Senza rinunciare alla lotta per i diritti e la libertà, portando la loro voce in giro tra scuole e paesi. Sulla Gazzetta di domani, ci saranno le interviste a Margherita Asta, Emanuele Modica e Gabriella Corsaro. Margherita Asta era solo una bambina, aveva 11 anni, quando una bomba cambiò per sempre la sua vita. La mamma e i fratellini vennero fatti esplodere per errore nell’attentato al giudice Palermo (Pizzolungo, 1985); la donna stava accompagnando a scuola i due gemellini di 6 anni, la sua auto si venne a trovare tra la macchina del giudice e la bomba. Emanuele Modica è un artista 80enne, che oggi vive a Langhirano, e combatte la mafia con il pennello: va in giro per l’Italia con una mostra sotto una tenda itinerante per lanciare un messaggio di pace. Suo padre venne assassinato dalla mafia. Gabriella Corsaro, famoso soprano, è nipote della vittima di mafia Giuseppe Rechichi, vicepreside della scuola di Polistena, che nel 1987 venne centrato da un proiettile vagante, destinato al direttore di banca del paese. Tutti e tre i testimoni vivono nel Parmense e sono impegnati con l’associazione Libera nella lotta alle mafie
4. Il tesoro dei mafiosi. A Berceto c’è una villa comprata con i soldi della camorra che oggi è un centro civico aperto a tutti. A Casatico di Langhirano, vicino al castello di Torrechiara, c’è una casa confiscata alla criminalità organizzata che viene utilizzata per le famiglie che rischiano di finire in strada, senza un tetto. Vicino a Salsomaggiore ci sono un grande rustico e nove ettari di terreno, gestiti dal Parco dello Stirone, che sono stati confiscati alla mafia e trasformati in un’area verde a disposizione della gente. I tesori della criminalità organizzata sono tanti e sconosciuti. Appartamenti, locali da ballo, negozi, società immobiliari. Un patrimonio stimato milioni e milioni, localizzato a Parma, Sorbolo, Soragna e Montechiarugolo. La mappa dei beni è uno strumento prezioso per capire lo sviluppo criminale nel nostro territorio: sulla Gazzetta l’elenco de patrimoni confiscati ai condannati per associazione mafiosa.
5. I grandi pentiti. False fatturazioni, soldi nei sacchetti della spazzatura, rapporti con la politica: Giuseppe Giglio è una figura chiave nelle inchieste sulla ‘ndrangheta emiliana. La sua collaborazione con la magistratura ha alzato il velo su affari e complicità insospettabili. Così come il parmigiano Paolo Signifredi, imputato nel processo Pesci a Brescia, considerato il faccendiere della cosca, ha ricostruito le ramificazioni della ‘ndragheta tra Emilia e Lombardia. Le loro testimonianze fanno capire la portata della ragnatela che stava soffocando l’Emilia,

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Il dolore del cuore” di Giovanni Scialpi (Shalpy) si trasforma in un messaggio universale d’amore

MUSICA

“Il dolore del cuore”: ecco il nuovo singolo di Scialpi Video

Lealtrenotizie

Itis Berenini

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

9commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

6commenti

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

SPORT

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento