16°

femminicidio via sidoli

Uccisa a coltellate dopo l'addio: fermato l'ex fidanzato

Elisa Pavarani e Luigi Colla

Elisa Pavarani e Luigi Colla

23

Doveva essere l’incontro risolutore, quello che nell’intenzione di Elisa avrebbe definitivamente chiuso una relazione ormai usurata. Aveva deciso così di ritornare in quella casa in zona Sidoli a Parma dove per qualche tempo aveva vissuto insieme a Luigi, prendere gli ultimi abiti rimasti e dire addio. Forse quella parola non è riuscita nemmeno a pronunciarla. Elisa Pavarani, 39 anni, operaia, nata a Parma ma residente a Sala Baganza, è stata uccisa ieri sera con almeno quattro fendenti al corpo. Su di lei si sarebbe accanito con un coltello Luigi Colla, parmigiano di 42 anni, l’ex compagno che non si dava pace per quella storia d’amore finita.
Ieri sera attorno alle 20.30 i due erano nell’appartamento dell’uomo, ancora non è chiaro che cosa sia successo, ma alla fine Elisa è rimasta a terra, senza vita, mentre Luigi è fuggito. I carabinieri, avvisati da una telefonata, sono accorsi nel palazzo ma, dopo avere forzato un ingresso con l’aiuto dei Vigili del Fuoco, non hanno potuto fare altro che constatare assieme ai medici il decesso della donna. Nel frattempo sono cominciate le ricerche dell’uomo, ritrovato poi attorno alle 2,30 nella zona sud di Parma in stato confusionale. Non ha opposto resistenza quando è stato fermato. Da lì è stato condotto nella caserma provinciale dei Carabinieri e, scrivono in una nota gli inquirenti, «vista la sussistenza di gravi indizi per la commissione dell’omicidio, risultato causato da contrasti di natura personale, il pubblico ministero della Procura della Repubblica di Parma ne disponeva il fermo».
Il pm Salvatore Ausiello, assieme al capitano dei carabinieri Giovanni Mura, che ha coordinato le ricerche dell’uomo, avrebbero insomma già chiarito ogni aspetto della terribile serata. Luigi Colla non voleva proprio mettere la parola "fine" alla storia. Nonostante i continui litigi, i vicini oggi ammettono di avere sentito «violente discussioni e di avere avuto anche paura per le urla molto alte», l’uomo voleva proseguire a tutti i costi. Nella foto di copertina della sua pagina facebook era arrivato a pubblicare una foto abbracciato ad Elisa ma rispondendo ad un post di un amico aveva anche ammesso: «Pace? Non ancora». La città emiliana è di nuovo sotto choc a dieci anni esatti di distanza da un altro efferato omicidio. Nel 2006 Silvia Mantovani, 28 anni, laureanda infermiera e operaia in un’azienda alimentare, moriva per mano dell’ex fidanzato, Aldo Cagna, anche lui 28enne. Una storia ed una dinamica del tutto simile a quella che è costata la vita ieri sera alla povera Elisa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Daniela

    12 Settembre @ 12.55

    Se gli passano la temporanea infermità mentale....sarà in giro fra pochissimo purtroppo!!!

    Rispondi

  • Biffo

    12 Settembre @ 10.38

    io mi ricordo di questa ragazza, quando era compagna di classe di una mia figlia, al Giordani, nel corso per Operatori turistici. Lei e mia figlia, con altre compagne di classe, si trovavano spesso per andare in discoteca. Ho dato la notizia a Marta, che è rimasta sconvolta; conosceva anche Luigi.

    Rispondi

  • Luke

    12 Settembre @ 09.10

    Uomini di m....a senza p...e !! (detto da un uomo). Finisce una storia, te ne fai una ragione ! Non te la fai ? ok, ti butti sotto un treno TU, ma non uccidi !!!!!!!!!! Io la vedo così !! Povera ragazza .

    Rispondi

  • ab9pr

    11 Settembre @ 22.57

    alberto_bianco@alice.it

    @Enzo ... consentimi un'ultima considerazione... La ragazza poveretta non c'è più e giustifichi la mancanza di commenti solo perché l'assassino é gia in carcere ... cioé, dato che é dentro allora caso chiuso e niente da dire?! Cinismo e poca coerenza.

    Rispondi

    • Enzo

      12 Settembre @ 11.07

      e se ci fossero 140 commenti cosa cambierebbe? è una mancanza che va giustificata? commenta tu allora, visto che l'unico commento che hai fatto è per dire che mancano dei commenti.

      Rispondi

      • ab9pr

        12 Settembre @ 12.26

        alberto_bianco@alice.it

        Veramente la mancanza di commenti sei tu che l'hai giustificata, io non giustifico proprio niente. I commenti non possono cambiare la realtà, sono d'accordo con te, ma se si decide di commentare in maniera dura bisogna avere la coerenza di farlo anche in questi casi. Dato che non sono tra quelli che si riempiono la bocca dei luoghi comuni che ho citato prima, il mio obbiettivo era di capire dai "soliti noti" il perchè è così difficile essere coerenti quando le stesse dinamiche succedono a individui extracomunitari. Spero di essermi fatto capire, bye.

        Rispondi

        • andrea66

          12 Settembre @ 13.35

          Ti sei fatto capire perfettamente, peccato che hai speso tanto del tuo tempo per scrivere di una cosa che non ha niente a che vedere con la tragedia di cui si dovrebbe discutere. Bianco, rosso o nero, italiano, magrebino o sudamericano, nessuno ha "giustificato" questo lurido personaggio dovrebbe solo marcire in galera, senza scuse e senza ma. Che poi in Italia ci siano tanti delinquenti, e/o potenziali tali, nessuno lo può negare: è quindi necessario anche importarne di altri?

          Rispondi

        • ab9pr

          12 Settembre @ 16.15

          alberto_bianco@alice.it

          Se hai capito veramente la tua ultima domanda non ha molto senso. Non ho scritto, nemmeno pensato che qualcuno volesse giustificare questa persona, ho solo detto che "i soliti noti" che si riempiono la bocca di luoghi comuni tardano a commentare. Purtroppo per questi reati non esiste una vera giustizia perché anche se scontasse realmente l'ergastolo, i genitori, i parenti e gli amici della vittima non la potranno rivedere comunque mai più. Dopodiché entrano in ballo leggi, avvocati difensori, spesso anche trasmissioni tv e non se ne esce.

          Rispondi

  • ab9pr

    11 Settembre @ 22.51

    alberto_bianco@alice.it

    @Enzo ... probabilmente é come dici tu, ma non ne sono proprio convinto. Ti chiedo di immaginarti se lui non fosse di Parma ma di Tunisi o di Rabat, poi mi sai dire.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

1commento

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

1commento

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

1commento

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

gazzareporter

Quando il buongiorno è uno spettacolo: l'arcobaleno "in posa" Foto

Inviate anche le vostre foto

LEGA PRO

Parma, pronto a cambiare

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

2commenti

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

nepal

Intrappolato in un burrone nell' Himalaya, trovato vivo dopo 47 giorni

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling