11°

17°

Gian Franco Bellè

"Un finto burbero, ma soprattutto un vero Capitano"

Il ricordo affettuoso di Gabriele Balestrazzi

"Un finto burbero, ma soprattutto un vero Capitano"
Ricevi gratis le news
4

Il ricordo che Gabriele Balestrazzi ha dedicato all'amico e collega Gianfranco Bellè, scomparso nella notte a 71 anni.

“Ciao Sandro”, “Ciao Nonno”, “Ciao Gian”… Ognuno aveva il “suo” soprannome, e tutti suonavano a festa quando si incontrava una bella persona come Gian Franco Bellè.
Veneziano parmigianissimo giornalista, poche ore fa Bellè ha lasciato la sua famiglia che adorava, colleghi amici che gli volevano bene, e ha lasciato più triste e più povera la città che lo aveva adottato e alla quale lui ha dato tantissimo. Sì, perché non è stato solo un giornalista: in tutta la sua vita Bellè ha incarnato e trasmesso l’immagine bella e vera dello Sport, che si trattasse di impegnarsi sul lavoro o sul campo di un torneo interaziendale o, soprattutto, nei rapporti con le persone.
Neppure quando si infiammava nelle discussioni in pizzeria del dopo-lavoro, la domenica sera, e neppure quando batteva il pugno sul tavolo con le sue proverbiali espressioni, affiorava in lui la minima reale cattiveria: era un buono, a volte un finto burbero che però più spesso trasmetteva tenerezza. E mai come in questi ultimi mesi: sapeva che la partita era persa, sapeva che il tempo stava per scadere, ma non ha smesso di sforzarsi per regalare sorrisi a chi lo andava a salutare. E l’ultima sua firma sulla Gazzetta resterà quella con cui aveva ringraziato ed elogiato i vari reparti dell’Ospedale che ha purtroppo conosciuto in queste settimane.
Per tantissimi di noi è stato davvero un preziosissimo fratello maggiore. Lo sport in Gazzetta, allora, era quello di Fregoso-Bellè: definirli caratteri diversi è un eufemismo, anche se quando c’era da fare squadra (che ammirazione e che bei ricordi nel vederli al lavoro ed essere con loro allo spareggio di Vicenza) quella Gazzetta era inimitabile. E se il caposervizio tendeva sempre allo sport di vertice, e alla notizia o polemica che facesse titolone, quando era di turno Bellè le pagine si dividevano (o si moltiplicavano?) perché tutte le discipline e i volti dello sport “minore” trovassero il loro angolo di celebrità. Sapeva che a volte ne risentiva l’estetica della pagina, ma così Gian Franco ha seminato a Parma i valori dello sport più vero, lui che lo Sport lo aveva nel sangue letteralmente, perché figlio di un arbitro di fama come Ferruccio Bellè.
E poi i libri, tantissimi e preziosi. Anche qui con tanto sport: ad iniziare dalla mitica sequenza dei “Tutto il Parma minuto per minuto” scritti insieme a Aldo Curti. E poi i nuovi esaltanti capitoli gialloblù raccontati insieme a Giorgio Gandolfi. Ma anche tante altre pubblicazioni, non solo sportive: con una passione contagiosa per il proprio lavoro e per le storie degli altri, campioni o comprimari che fossero: perché, come ripeteva sempre, “il giornalismo non è lavoro per gli impiegati”. Che spesso si abbinava ad un’ altra affermazione con cui chiudeva sorridendo tante discussioni: “Ricordati che quando tu ti svegli io ho già preparato due pagine”… Lui che nello storico 1968 era stato anche giovanissimo inviato a Praga, a raccontare per la Gazzetta la primavera dei sogni e poi della repressione con i carri armati sovietici.
Ci manchi già, collega amico che ci hai e mi hai accompagnato per una vita: tu che mi spingesti alla incerta ma poi meravigliosa avventura di Tv Parma; tua la spalla amica su cui scaricai tutta la tensione e la tristezza uscendo dallo studio del mio ultimo tg, tuo il primo biglietto di incoraggiamento sulla scrivania del ritorno in Gazzetta. Parole da Capitano e da vero Sportivo della vita: ciao Nonno orgoglioso, ciao Sandro, ciao indimenticabile Gian Franco Bellè.
Gabriele Balestrazzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    15 Settembre @ 12.41

    Il suo primo incarico alla "Gazzetta" fu di andare , come inviato speciale , a Budapest , quando i carri armati sovietici intervennero contro le istanze autonomiste del segretario del Partito Comunista ungherese , Dubcek.. Ma Bellè non tornò a Parma da solo. Con lui arrivò un giovane giornalista magiaro , che si chiamava Nicola Pressburger . Nicola lavorò per alcuni anni come giornalista alla "Gazzetta" . Conobbe una giovane parmigiana e la sposò , poi si trasferì a Milano , a lavorare , mi sembra , ad "Epoca" , il settimanale italiano più prestigioso di quei tempi. Purtroppo è morto giovane , di cancro.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      15 Settembre @ 16.14

      DOMANDO SCUSA , NEL MIO PRECEDENTE MESSAGGIO C' E' UN EVIDENTE LAPSUS : il Segretario del Partito Comunista Ungherese che , nel 1956 , tentò di ribellarsi alla sudditanza al Cremlino (ed al Patto di Varsavia) , fu IMRE NAGY . Dubcek tentò successivamente di fare una cosa analoga in Cecoslovacchia.

      Rispondi

  • Andrea

    14 Settembre @ 19.01

    Oggi è un giorno molto triste per Parma e per noi sportivi. Ci ha lasciato Gianfranco Bellè. Un grande giornalista, un grande sportivo ma soprattutto una grande persona che mi ha onorato dalla sua amicizia. Ciao Gian !!! Grazie di cuore per tutto quello che abbiamo condiviso insieme. R.I.P. Andrea Paini

    Rispondi

  • Jack

    14 Settembre @ 10.28

    Un giornalista come ce ne sono stati pochi. Buon Viaggio!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Molestie sessuali: 30 donne accusano il regista James Toback

Il regista James Toback

Dopo Weinstein

Molestie sessuali: 30 donne accusano il regista James Toback

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

Autovelox mobile

CONTROLLI

Autovelox, la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Arrestato cittadino dominicano residente nella città termale per violenza e resistenza a pubblico ufficiale

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

19commenti

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

L'autore del terzo gol dei crociati nella partita con l'Entella dedica la sua rete alla figlia

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Gran Bretagna

Allerta in un bowling: forse ci sono ostaggi

LA SPEZIA

Sarzana, architetto muore in strada: aveva una profonda ferita alla testa

SPORT

SERIE A

Bonucci espulso con lo "zampino" del Var: è il primo cartellino rosso con la videoassistenza

Calcio

Parma, tre punti d'oro

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL SALONE

Non solo Suv: Tokyo rilancia le sportive