20°

36°

Gian Franco Bellè

"Un finto burbero, ma soprattutto un vero Capitano"

Il ricordo affettuoso di Gabriele Balestrazzi

"Un finto burbero, ma soprattutto un vero Capitano"
Ricevi gratis le news
4

Il ricordo che Gabriele Balestrazzi ha dedicato all'amico e collega Gianfranco Bellè, scomparso nella notte a 71 anni.

“Ciao Sandro”, “Ciao Nonno”, “Ciao Gian”… Ognuno aveva il “suo” soprannome, e tutti suonavano a festa quando si incontrava una bella persona come Gian Franco Bellè.
Veneziano parmigianissimo giornalista, poche ore fa Bellè ha lasciato la sua famiglia che adorava, colleghi amici che gli volevano bene, e ha lasciato più triste e più povera la città che lo aveva adottato e alla quale lui ha dato tantissimo. Sì, perché non è stato solo un giornalista: in tutta la sua vita Bellè ha incarnato e trasmesso l’immagine bella e vera dello Sport, che si trattasse di impegnarsi sul lavoro o sul campo di un torneo interaziendale o, soprattutto, nei rapporti con le persone.
Neppure quando si infiammava nelle discussioni in pizzeria del dopo-lavoro, la domenica sera, e neppure quando batteva il pugno sul tavolo con le sue proverbiali espressioni, affiorava in lui la minima reale cattiveria: era un buono, a volte un finto burbero che però più spesso trasmetteva tenerezza. E mai come in questi ultimi mesi: sapeva che la partita era persa, sapeva che il tempo stava per scadere, ma non ha smesso di sforzarsi per regalare sorrisi a chi lo andava a salutare. E l’ultima sua firma sulla Gazzetta resterà quella con cui aveva ringraziato ed elogiato i vari reparti dell’Ospedale che ha purtroppo conosciuto in queste settimane.
Per tantissimi di noi è stato davvero un preziosissimo fratello maggiore. Lo sport in Gazzetta, allora, era quello di Fregoso-Bellè: definirli caratteri diversi è un eufemismo, anche se quando c’era da fare squadra (che ammirazione e che bei ricordi nel vederli al lavoro ed essere con loro allo spareggio di Vicenza) quella Gazzetta era inimitabile. E se il caposervizio tendeva sempre allo sport di vertice, e alla notizia o polemica che facesse titolone, quando era di turno Bellè le pagine si dividevano (o si moltiplicavano?) perché tutte le discipline e i volti dello sport “minore” trovassero il loro angolo di celebrità. Sapeva che a volte ne risentiva l’estetica della pagina, ma così Gian Franco ha seminato a Parma i valori dello sport più vero, lui che lo Sport lo aveva nel sangue letteralmente, perché figlio di un arbitro di fama come Ferruccio Bellè.
E poi i libri, tantissimi e preziosi. Anche qui con tanto sport: ad iniziare dalla mitica sequenza dei “Tutto il Parma minuto per minuto” scritti insieme a Aldo Curti. E poi i nuovi esaltanti capitoli gialloblù raccontati insieme a Giorgio Gandolfi. Ma anche tante altre pubblicazioni, non solo sportive: con una passione contagiosa per il proprio lavoro e per le storie degli altri, campioni o comprimari che fossero: perché, come ripeteva sempre, “il giornalismo non è lavoro per gli impiegati”. Che spesso si abbinava ad un’ altra affermazione con cui chiudeva sorridendo tante discussioni: “Ricordati che quando tu ti svegli io ho già preparato due pagine”… Lui che nello storico 1968 era stato anche giovanissimo inviato a Praga, a raccontare per la Gazzetta la primavera dei sogni e poi della repressione con i carri armati sovietici.
Ci manchi già, collega amico che ci hai e mi hai accompagnato per una vita: tu che mi spingesti alla incerta ma poi meravigliosa avventura di Tv Parma; tua la spalla amica su cui scaricai tutta la tensione e la tristezza uscendo dallo studio del mio ultimo tg, tuo il primo biglietto di incoraggiamento sulla scrivania del ritorno in Gazzetta. Parole da Capitano e da vero Sportivo della vita: ciao Nonno orgoglioso, ciao Sandro, ciao indimenticabile Gian Franco Bellè.
Gabriele Balestrazzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    15 Settembre @ 12.41

    Il suo primo incarico alla "Gazzetta" fu di andare , come inviato speciale , a Budapest , quando i carri armati sovietici intervennero contro le istanze autonomiste del segretario del Partito Comunista ungherese , Dubcek.. Ma Bellè non tornò a Parma da solo. Con lui arrivò un giovane giornalista magiaro , che si chiamava Nicola Pressburger . Nicola lavorò per alcuni anni come giornalista alla "Gazzetta" . Conobbe una giovane parmigiana e la sposò , poi si trasferì a Milano , a lavorare , mi sembra , ad "Epoca" , il settimanale italiano più prestigioso di quei tempi. Purtroppo è morto giovane , di cancro.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      15 Settembre @ 16.14

      DOMANDO SCUSA , NEL MIO PRECEDENTE MESSAGGIO C' E' UN EVIDENTE LAPSUS : il Segretario del Partito Comunista Ungherese che , nel 1956 , tentò di ribellarsi alla sudditanza al Cremlino (ed al Patto di Varsavia) , fu IMRE NAGY . Dubcek tentò successivamente di fare una cosa analoga in Cecoslovacchia.

      Rispondi

  • Andrea

    14 Settembre @ 19.01

    Oggi è un giorno molto triste per Parma e per noi sportivi. Ci ha lasciato Gianfranco Bellè. Un grande giornalista, un grande sportivo ma soprattutto una grande persona che mi ha onorato dalla sua amicizia. Ciao Gian !!! Grazie di cuore per tutto quello che abbiamo condiviso insieme. R.I.P. Andrea Paini

    Rispondi

  • Jack

    14 Settembre @ 10.28

    Un giornalista come ce ne sono stati pochi. Buon Viaggio!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

Lavori in corso

Tutti i cantieri nelle strade della città

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

Calcio

Serie A al via: i pronostici di Perrone

Violinista

Borissova, una bulgara «parmigiana»

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

tg parma

Charlie Alpha, 27 anni fa la tragedia: il racconto e le immagini dell'epoca Video

politica

"Fare! con Tosi": "Referendum per l’autonomia anche per l'Emilia Romagna"

POLESINE

Cavallo sprofonda nel fango: salvato dai vigili del fuoco Video

1commento

DELITTO DI NATALE

Suicidio di Turco, si indaga per omicidio colposo

2commenti

CONCORSO

Miss Italia, Bedonia incorona Asia. Secondo posto per Miss Parma Foto

Eletta la quinta delle 11 ragazze che andranno alle prefinali di Jesolo

Tragedia

La disperazione degli amici di Diawara: «Non siamo riusciti a salvarlo»

1commento

ANTEPRIMA GAZZETTA

Inchiesta Pasimafi: negata la libertà a Fanelli Video

Le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Nuovo attacco con un'auto a Cambrils: uccisi cinque kamikaze. "Tre italiani feriti"

barcellona

Furgone sulla folla: almeno 13 morti e 80 feriti. C'è un terzo arresto

2commenti

SPORT

FORMULA 1

Alonso (McLaren): "Senza un progetto vincente lascio"

YOUTUBE

Totti passa la palla a un tifoso... da una barca all'altra

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

1commento

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti