17°

30°

shopping

Tappeti moderni: dove cercarli

Tappeto moderno Ikat.
0

 

TAPPETI MODERNI: DOVE CERCARLI

TAPPETI:
Tappeto meccanico?
Tappeto Taftato?
Tappeto intrecciato?
Tappeto annodato a mano?
Oggi chi ha intenzione di acquistare un tappeto moderno generalmente non si pone questo quesito. Questa che dovrebbe essere la prima opzione, viene lasciata al caso e ci si concentra sulla ricerca del disegno o del motivo o del colore che più ci aggrada.
Il grosso sforzo che quotidianamente devo affrontare è quello di far conoscere i tappeti moderni annodati a mano.

Tappeto moderno Ikat.
 
Questo tappeto Ikat è ad esempio annodato a mano in Pachistan con il nodo persiano
 Il prossimo tappeto invece è annodato in India con nodo persiano ed ha un disegno moderno si chiama Bhadohi dalla città omonima.

Tappeto moderno romantico 
 
Anche in Iran alcune correnti che definirei artistiche propongono rarissimi tappeti moderni contemporanei annodati a mano. 
purtroppo sono difficilissimi da reperire ed essendo annodati in qualità eccezionali hanno un costo abbastanza sostenuto

Tappeto moderno persiano 
 
Sul sito propongo alcune collezioni di tappeti moderni annodati a mano
tra queste alcune collezioni
come la collezione Hymalayan dalla eccezionale qualità e prezzi contenuti,
oppure la collezione di tappeti Bhadohi che hanno un prezzo talmente basso da essere confusi con i tappeti taftati o meccanici, invece fanno parte della importazione anticrisi partita di tappeti importata con una speciale attenzione al prezzo risparmiando su ogni cosa tranne che sulla qualtà.
di seguito un bel tappeto della collezione Hymalayan

Tappeto moderno Hymalayan
← Tappeto Peshawar: nuova proposta dello store online di Morandi Tappeti


I tappeti Agra →
LE NUOVE MANIFATTURE

Tappeto di nuova manifattura lane filate a mano e colori vegetale

Nel descrivere le nuove produzioni di tappeti non si può fare a meno di considerare quella vasta area che comprende le repubbliche della “ex unione sovietica” ed ancor oggi sotto la stretta influenza di Mosca : il Tagikistan, il Kirghizistan, il Turkmenistan e l’Uzbekistan, più l’Afganistan ed il Pachistan.
Oggi in questa parte di mondo si annoda più della metà di tutta la manifattura mondiale di tappeti ed i processi di produzione sono profondamente mutati. Innanzitutto i tappeti non vengono quasi mai annodati con lane di ovini locali ma utilizzando lane importate, talvolta filate in villaggi molto lontani; in secondo luogo gli annodatori vengono reclutati tra la popolazione più povera e spesso tra rifugiati ed esuli. Solo queste due condizioni bastano a far capire che la manifattura è ormai completamente svincolata dal luogo di origine.
Noi occidentali siamo abituati dalla tradizione persiana a dare un nome ai tappeti in base alla loro provenienza, ad esempio: tappeti Kirman annodati nel villaggio di Raver quindi Tappeti Kirman Raver; perciò quando ci troviamo di fronte ad un tappeto pachistano desideriamo che venga chiamato con un nome che ne identifichi l’origine pensando che questa sia sinonimo di una determinata qualità.
Per anni noi commercianti, pur trovandoci di fronte ad una mutata situazione, abbiamo continuato a denominare alcune produzioni con nomi di città;  Karaci  (porto del Pachistan meridionale) era diventato sinonimo di una qualità di tappeto annodata con un mezzo nodo Senneh e lane di scarso valore; con il nome Islamabad ( città capitale) si denominavano tappeti dal nodo e disegno persiano.
Oggi la situazione è ulteriormente cambiata, non vi sono più punti di riferimento ed il nome dei tappeti è diventato un aggettivo di pura fantasia. Basti pensare ai tappeti detti Gaznì (Gazni è una città afgana centro del commercio delle lane); Herat invece è una storica città che ha dato il nome ad uno dei più famosi motivi dei tappeti, oggi nome appiccicato a qualsiasi tipo di manifattura quasi sempre dai motivi completamente diversi dal fiore di Herat. Ed ancora il caso più eclatante: il nome di Bukhara dato a qualsiasi tappeto con il gul Tekke.
Molto diffuse sono le manifatture denominate Ziegler, che in realtà è il nome di una ditta fondata nel tardo diciannovesimo secolo a Manchester in Inghilterra, una delle prime, con base a Tabriz e Sultanabad, a far annodare tappeti per il mercato occidentale.
Conseguenza di questa situazione è che  molte persone si chiedono giustamente:” che tappeto sto acquistando? o che tappeto è questo? oppure come si chiama questo tappeto? “.
Pur conoscendo ogni produzione posso solo chiarire di quale tipo di annodatura si tratta, se è lana filata a mano o se è stata tinta con colori vegetali, posso individuare l’area di provenienza finale e posso presumibilmente indovinare con quale nome è stato chiamato quel tappeto ma al contrario non posso sapere a quale manifattura abbiano fatto  corrisponde un determinato nome.
Questo non succede per i pezzi nei miei negozi e sul mio sito web  in quanto da anni ho chiaramente indicato quali caratteristiche tecniche hanno i tappeti che propongo.
Qui di seguito verrei ricordare le tre principali manifatture “pachistane” che si possono trovare appunto nei mie negozi e sul sito:
Con la denominazione
Hyderabad

Tappeto Hyderabad
 
chiamiamo i tappeti che hanno le seguenti caratteristiche:
Lane pregiate filate a mano in Uzbekistan.
Colori vegetali.
Fine nodo Senneh realizzato da maestri afgani.
Trama ed ordito in cotone.
Vello in lana.
Orditi completamente depressi.
Doppio filo di trama tra i nodi, uno più spesso teso ed uno sottile.
Nuovi disegni di ampio respiro decorativi e raffinati
Rasati, lavati e rifiniti al sole del Pachistan.
Consideriamo queste caratteristiche quanto di meglio si possa oggi desiderare da un tappeto di nuova manifattura.
 
Spendo ancora due parole per questa piccola produzione assolutamente di nicchia che ho chiamato con il nome della mitica città in quanto già alla fine del XIX secolo ad Hyderabad si annodavano tappeti cercando di riunire le migliori caratteristiche tecniche di zone molto diverse e lontane tra loro.
Peshawar

Tappeto Peshawar
 
Rara e fine manifattura diretta dai migliori Ushtah pachistani che hanno rielaborato classici motivi indiani e persiani rendendoli piacevolmente adatti a soddifare le nuove tendenze stilistiche. Strizzando l’occhio al passato nei motivi decorativi, ripetono meticolosamente tutte le fasi della antica lavorazione con scrupolosa attenzione fin nel dettaglio all’apparenza insignificante.
Lane filate a mano lavate con sapone senza uso di detersivi, mordenziatura secondo le antiche tradizioni, tintura con colori vegetali, finissima annodatura tra 3500 e 5000 nodi Ghiordes ogni dmq, ordito in fili sottili di robusto cotone ritorto.
Le trame passano alternativamente ogni fila di nodi 2 o 3 volte; quando passano due volte sono una lasca ed una tesa, quando passano tre volte due tese ed una lasca.

Tappeto Agra

 
Nella moderna manifattura chiamiamo con questo nome i tappeti provenienti dal Pachistan che adottano un disegno di Agra oppure un disegno di origine persiana ripreso ad Agra il secolo scorso e che abbiano anche queste caratteristiche:
Nodo Ghiordes simmetrico.
Ordito semidepresso.
Due fili di trama in cotone.
Lane filate a mano.
Colori vegetali.
Questi tappeti li selezioniamo accuratamente  in Pachistan acquistando solo quanto di meglio si possa trovare sul mercato.
A differenza delle due qualità Hyderabad e Peshawar che sono piccolissime produzioni assolutamente di nicchia praticamente irreperibili in Italia questi Agra possono anche essere acquistati presso altri negozi e i disegni di questi tappeti è più probabile che siano imitati da altre manifatture più scadenti. In questo caso funziona la clausola prezzo minimo garantito in quanto possiamo garantire che sul mercato italiano la qualità simile non può essere acquistata ad un  prezzo inferiore.
Per concludere questa panoramica posso raccomandare a tutti gli appassionati che mi seguono di non focalizzare mai l’attenzione sul nome del tappeto ma di considerare le caratteristiche tecniche ed estetiche che il tappeto possiede.

(informazione commerciale dal blog di Morandi tappeti Parma)

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Notiziepiùlette

Timbri
la parola all'esperto: notaio

Seconde nozze e figli attenti alla successione

Cher, a 71 anni look ose' a Billboard Music Awards

MUSICA

Cher, look osé. A 71 anni incanta ancora

1commento

Lealtrenotizie

Incendio all'ex scuola di Baganzola, in fumo l'archivio della Magnanini

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

LEGA PRO

Il Parma vuole la qualificazione

allarme

Sorbolo, non solo parkour. "Ora fingono di finire sotto le auto"

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

1commento

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

polizia

L' "ordinaria" sequenza di furti nei supermercati: denunciati in tre

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

VIABILITA'

Industria 4.0 in fiera: code al casello di Parma

LANGHIRANO

Motorini, proteste per l'«invasione»

PERSONAGGIO

Picelli, il «vecio dei Capannoni» e la storia del quartiere Cristo

Volontariato

Sorbolo piange Lina, l'angelo degli anziani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Italiano rapito in Siria riappare in un nuovo video

MILANO

Fiamme al carcere minorile Beccaria: dramma sventato

SOCIETA'

CESENA

La triatleta Julia Viellehner è morta: donati gli organi

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

3commenti

SPORT

Giro d'Italia

Dumoulin e i problemi intestinali: tappa a bordo strada Video

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare