19°

Zibello

Censi anticipa tutti: «Sono indagato»

Andrea Censi

Andrea Censi

1

Andrea Censi, già sindaco di Polesine prima e di Zibello poi, oggi candidato per la medesima carica nel nuovo Comune rivierasco, alla guida della lista civica «Polesine Zibello, il domani è per tutti» è finito sul registro degli indagati. Questa la conseguenza delle attività portate avanti in questi giorni dai carabinieri, disposte dalla Procura della Repubblica di Parma, nei municipi di Polesine e Zibello. L’avviso di garanzia gli è stato consegnato mercoledì e lui stesso, con chiarezza, ha deciso di comunicarlo ai cittadini. Lo ha fatto giovedì sera, a Polesine, aprendo la prima delle quattro serate sul tema «Le cose che contano». Ai presenti è stato consegnato un comunicato, dal titolo «La calunnia è un venticello» in cui si precisa, immediatamente, che la verifica in corso sui documenti comunali riguarda «contributi elargiti ad associazioni non specificate, l’uso dell’automobile del Comune e i rimborsi per un paio di viaggi» e si ricorda che un avviso di garanzia è un «documento che tutela colui o coloro nei confronti dei quali è stata promossa un’indagine». «Chi possono essere i mandanti? » si legge nel volantino e la risposta è che sono «coloro che con il loro no al referendum sulla fusione dei Comuni di Zibello e di Polesine non volevano una comunità unita capace di affrontare i tempi difficili che stiamo vivendo. Sono gli sconfitti dalla volontà della maggioranza dei cittadini. Quella maggioranza che ben ha compreso che le opportunità derivanti dalla fusione avrebbero garantito un domani migliore per tutti. Sono coloro che dopo aver alimentato la divisione tra Polesine e Zibello oggi vorrebbero parlare di amore, che coraggio!, nei confronti della comunità che noi, con la maggioranza dei cittadini di Zibello e Polesine abbiamo voluta unita».
E qui ecco l’evidente riferimento alla lista «I love Polesine Zibello amore per il territorio» sottolineando che «sono coloro che vorrebbero parlare d’amore ma nascondono la parola “amore” dietro un “I love” che non è la loro lingua, che non è la nostra lingua e che con il logo della loro lista travisano la parola amore con uno scopiazzato simbolo, di origine americana, vecchio di quarant’anni. Coloro che invece di confrontarsi, sul piano amministrativo, per le cose fatte nell’interesse dei cittadini e sui programmi per le cose da fare per il domani dei cittadini, spargono calunnie e veleno nei confronti delle singole persone con insinuazioni che sono ignobili non per coloro che ne sono vittime ma per coloro che le diffondono. I mandanti - attacca - sono coloro che non credono nell’intelligenza e nella saggezza dei cittadini e che avendo poca stima di se stessi e delle proprie capacità amano praticare il sotterfugio. Sono coloro - si conclude nel foglio - che temendo di non meritarsi la fiducia della maggioranza dei cittadini, perché questa è la democrazia, diffondono la discordia: quella discordia che è esattamente il contrario dell’amore».
Andrea Censi, a margine, si è detto «preoccupato e dispiaciuto rispetto a questo clima, così velenoso e cruento che sta assumendo la campagna elettorale. Personalmente - ha aggiunto - sono tranquillo e mi metto a totale disposizione della magistratura, pronto a collaborare e ad essere sentito su tutto quello che sarà necessario chiarire. Non entro oggi nella questione del merito perché ritengo che in questa fase sia giusto lasciar lavorare la magistratura in un clima di assoluta tranquillità. Rispetto invece alle vicende che si stanno susseguendo, e sentito il parere di molti cittadini - ha concluso - dico che è molto triste assistere ai veleni, e ai personalismi, che si stanno spargendo. Una competizione elettorale, tutto sommato, dovrebbe essere qualcosa di piacevole, e soprattutto interessante, in cui i “competitori” si confrontano su idee e programmi, lasciando decidere liberamente alla gente quali proposte preferiscono: questa è la democrazia che ci è stata consegnata da gente che ha sacrificato, direi immolato, la propria gioventù nemmeno troppi anni fa». Con insistenza, Censi, ha chiesto di «riportare la discussione su temi di interesse per i cittadini, recuperando, tutti insieme, quella serenità che la gente stessa ci chiede di mantenere».
Proprio per parlare di progetti realizzati, e da realizzare in futuro ha chiesto, in vista della imminente campagna elettorale, un pubblico confronto fra tutte le parti che saranno «in campo». r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Massimiliano

    30 Aprile @ 23.02

    Ancora??? Prima per una cosa, poi per un'altra il Sig. Censi è spesso iscritto nel registro degli indagati ( cronaca nota). Ma anche qui pare impossibile, sicuramente ci sarà un'errore oppure sarà vittima di un accanimento giudiziario.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Parma

Grave un pedone investito alla Crocetta

Via Imbriani

Vende 1.600 dosi in pochi mesi: condannato a 4 anni

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

2commenti

Droga

San Leonardo, stavolta niente «rito»

13commenti

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

1commento

tg parma

Formaggio contraffatto: 27 indagati, l'inchiesta coinvolge Tizzano e Torrile Video

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

Tragedia

«Giovanni adesso è insieme a Dio»

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

3commenti

Imprenditori

Morto Primo Ferrari, una vita per il latte

CALCIO

Buffon a quota 1000

Fidenza

Sottopasso, i residenti propongono un progetto alternativo

CONCERTO

Mario Biondi al Regio, voce e ricordi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

TREVISO

19enne uccide la ex: era incinta di sei mesi

MILANO

"Ho rotto il femore a un'anziana per allenarmi": primario accusato di lesioni

SOCIETA'

COLORNO

Con il Fai a scoprire l'appartamento del duca don Ferdinando Fotogallery

Luca Donadel

"La verità sui migranti": il video che fa discutere il web

5commenti

SPORT

F1: SI PARTE

Il calendario 2017 e le dirette tv

LA POLEMICA

Cipollini disintegra il ciclismo italiano

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

LA PROVA

Fiat 500L Living a metano