-2°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Data - Ora inizio 14/03/15 - 21:00

Data - Ora fine 14/03/15 - 23:30

Tipologia Teatro

Dove Teatro Due

Località Parma

Via Basetti Teatro Due , 43121 Parma PR , Italia

Teatro Due

Elisabetta Pozzi entra nel mito. Facendosi in tre

Un percorso da Cassandra a Clitennestra a Medea. «Figure dal passato che ci indicano il futuro»

Elisabetta Pozzi entra nel mito. Facendosi in tre

Elisabetta Pozzi al centro dell'articolato progetto di Teatro Due. (Foto di Filippo Testori)

http://www.gazzettadiparma.it/http://www.gazzettadiparma.it/scheda/256450/Elisabetta-Pozzi-entra-nel-mito-.html 23/01/2017 09:43:44 23/01/2017 09:43:44 40 Elisabetta Pozzi entra nel mito. Facendosi in tre Via Basetti Teatro Due, 43121 Parma PR, Italia false DD/MM/YYYY 0

A Elisabetta Pozzi, che nella sua carriera d’attrice ha dato voce a molte eroine tragiche, viene data «carta bianca» per una nuova esplorazione dei più grandi ruoli femminili della classicità. Fondazione Teatro Due con il progetto «Un’attrice nel mito: carta bianca a Elisabetta Pozzi» affida a questa grande protagonista della scena italiana Cassandra, Clitennestra e Medea, eroine che saranno raccontate con le parole della tragedia attica del V secolo a.c., contaminate da testi di autori contemporanei, e filtrati dallo sguardo profondo e contemporaneo dell’attrice.

Tre tappe
Un viaggio in tre tappe che prenderà il via proprio con la messa in scena di «Cassandra» a Teatro Due, il 14 e 15 marzo, drammaturgia e regia della stessa Elisabetta Pozzi, cura del movimento Alessio Maria Romano, scene e costumi Guido Buganza e le musiche di Daniele D’Angelo.
Proseguirà con «Clitennestra» l’11 aprile, la cui drammaturgia sarà curata da Angela Demattè con la regia di Carmelo Rifici.
Si concluderà con «Medea», drammaturgia di Elisabetta Pozzie e regia di Andrea Chiodi, il 14 e 15 maggio.
L’inascoltata veggente stuprata nel tempio di Atena e poi assassinata, la moglie del re miceneo cui la Realpolitik ha sottratto la figlia e gonfiato il cuore d’odio fino all’omicidio del marito, la maga barbara tradita e dal cuore assetato di sangue: tre donne che non accettano di essere vittime. Ragionano a Teatro Due: «Il mistero della loro forza ieratica e lontana, unito alla sensibilità dell’io attoriale di una grande interprete, promettono un’alchimia di forte impatto, mentre il dialogo che s’instaura fra le vicende narrate dai poeti tragici antichi e le riflessioni scaturite dagli autori contemporanei generano figure che camminano lungo i secoli e ci offrono un vissuto carico di stimoli e riflessioni sul potere, la vendetta, l’emarginazione».

Sguardo al futuro
«Cassandra, Clitennestra e Medea - ha affermato la Pozzi - sono archetipi più che personaggi; figure che parlano dell’essenza e della purezza dell’animo umano e che indicano una strada di comportamento. Ci parlano da lontano proiettandoci verso un futuro assoluto».
Scaturisce dalle parole antiche di Seneca, Eschilo ed Euripide, ma anche da quelle più vicine e contemporanee di Christa Wolf, di Jean Baudrillard, T.S. Eliott, Wislawa Szymborska, il disegno che Elisabetta Pozzi fa, con la collaborazione dell’autore e giornalista Massimo Fini, di Cassandra (primo spettacolo a debuttare), l’eroina tragica destinata ad avere il dono della preveggenza, ma a non essere creduta per aver rifiutato l’amore del dio Apollo. Cassandra è l’emblema della lucidità, una donna capace di vedere il futuro conoscendo il passato e comprendendo il presente, un personaggio che parte dal mito ma che Elisabetta Pozzi porta all’oggi per indagare la nostra civiltà orfana di identità e il suo declino, proprio come avvenne ai troiani con il cavallo di Troia, dono fatale di cui Cassandra anticipò le nefaste conseguenze, restando inascoltata.
Informazioni e biglietteria 0521/289644 - biglietteria@teatrodue.org - www.teatrodue.org. R. S.

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto via Doberdò

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

3commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

12commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

9commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria