×
×
☰ MENU

1954: disco volante sopra il Petitot

1954: disco volante sopra il Petitot

di Filippo Marazzini

06 Novembre 2021,10:11

Molti testimoni stupefatti dichiararono di averlo visto girare su se stesso

Il pomeriggio del 20 giugno 1954, nel cielo sopra il Petitot, comparve un oggetto che emetteva una luce color rosso cupo. Decine di parmigiani scesero in strada per osservarlo e, poco dopo, altrettante telefonate giunsero alla redazione della Gazzetta: «Ha forma semisferica», «Ha un’appendice sotto: sembra un fungo», «Gira su se stesso», «Al suo passaggio la radio non ha più funzionato». Date le numerose testimonianze, non poteva trattarsi di una suggestione o di un’illusione ottica e neppure di un meteorite; l’ “oggetto” infatti, si muoveva a grandissima velocità e, sostenne un presente, «ad un tratto si è fermato in aria e ha cominciato a roteare. Era un ordigno meccanico, ma non produceva alcun rumore». La curiosità si convertì in diffidenza, la diffidenza in timore. Così, anche se nessuno voleva dirlo, scappò detto (e scritto): un disco volante è arrivato a Parma! Del resto, quasi negli stessi giorni, il signor Renzo Pugina di Erba dichiarava di aver ricevuto la visita di un marziano. La prova? Un’orma - una sorta di macchia - lasciata sul suo prato. Un gruppo di biologi era immediatamente corso sul posto per prelevare la zolla di terra e studiarla. Dunque, tra il giornalista del Corriere della Sera Maner Lualdi che spesso affermava: «Negli alieni non ci credo, ma nei dischi volanti sì» e gli avvistamenti - quasi quotidiani - di astronavi a forma di giganteschi sigari, pochissimi erano rimasti immuni dalla febbre aliena. 
Anche quando Alberto e Mariano, due amici di 17 anni residenti in via Torelli, provarono a spiegare che proprio quel pomeriggio avevano deciso di testare una piccola mongolfiera di forma quadrata e di carta rossa di loro invenzione, nessuno diede loro ascolto. Tutti preferirono credere che l’incursione extraterrestre di mezz’ora ci fosse stata e che l’astronave, dopo il sopralluogo, fosse tornata a navigare nello spazio profondo.
 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI