×
×
☰ MENU

solidarietà

Gli ospedali dell’Ausl per le profughe ucraine: a Vaio e Borgotaro operate e in cura tre donne

Gli Ospedali dell’Ausl per i profughi dell’Ucraina: ricoverate tre donne

20 Aprile 2022,06:55

Anche gli ospedali dell’Azienda Usl di Parma si sono fatti trovare pronti ad accogliere i profughi provenienti dall’Ucraina che hanno bisogno di cure ospedaliere.

Ad oggi, sono tre le persone, tutte donne, che hanno trovato assistenza nei due Ospedali della provincia: due sono state ricoverate a Fidenza, all’Ospedale di Vaio e una al Santa Maria di Borgotaro. Due di loro sono già state dimesse, dopo il necessario intervento chirurgico, una terza è tuttora ricoverata.

La prima a trovare le cure all’Ospedale di Vaio è stata un’anziana donna, che durante la fuga, a causa di una caduta ha subito la lussazione della protesi dell’anca. Dopo l’intervento chirurgico di endoprotesi la signora è stata dimessa dall’U.O. di Ortopedia e Traumatologia per proseguire il recupero in una struttura del territorio piacentino, dove ha dei familiari. A distanza di pochi giorni, una giovane donna è stata ricoverata nell’U.O. di Chirurgia dell’Ospedale di Borgotaro. L’intervento di routine, eseguito con urgenza con la tecnica laparoscopica, ha consentito il rapido recupero e quindi la dimissione dopo pochi giorni.

Infine, un’altra giovane donna ha trovato assistenza all’Ospedale di Vaio, nell’U.O. di Neurologia. Dopo aver trascorso una decina di giorni in un bunker senza poter assumere i necessari farmaci, è arrivata in Ospedale in condizioni critiche, ora superate, grazie alle terapie e alla riabilitazione tuttora in corso.

L’Azienda Usl, con il coordinamento di Regione Emilia-Romagna e Prefettura, in stretta collaborazione con gli Amministratori comunali e le Associazioni del Volontariato locale, ha messo in campo tutti i servizi, per dare la migliore assistenza ai cittadini ucraini, provati dalla guerra e dal lungo viaggio affrontato per raggiungere un familiare, un amico, un luogo sicuro dove stare.

Oltre ai 4 punti di prima assistenza operativi fin da subito, a Parma, (prima in via Quasimodo, ora in via Chiavari), Langhirano, Fidenza e Borgotaro, dove sono garantiti i necessari screening, vengono proposte le vaccinazioni e consegnate le tessere STP (Stranieri Temporaneamente Presenti) utili per usufruire dei servizi sanitari, anche i due Ospedali hanno risposto e rispondono al bisogno di salute di queste persone.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI