×
×
☰ MENU

Vaccinazioni al via da oggi nei nuovi centri di Langhirano e Borgotaro

23 Febbraio 2021,02:04

La capacità massima sarà di 600 vaccinazioni al giorno, al momento disponibili per gli ultra-ottantacinquenni. Angiolina, 96 anni, la prima vaccinata stamattina E’ stata la signora Angiolina, anni 96, stamattina alle 8 a Langhirano ad inaugurare il nuovo centro vaccinale dell’Azienda Usl alla casa della Salute di via Roma. La sua è la prima delle 120 dosi di vaccino già prenotate per oggi per altrettanti anziani ultra 85enni, aventi diritto in questa fase, che da questa mattina possono essere immunizzati nel nuovo punto vaccinale Ausl . Quello della Casa della salute di Langhirano è un ulteriore nuovo centro vaccinale Ausl operativo in provincia, dopo quello aperto il 19 febbraio all’ospedale di Vaio e quello nella sede Avis di Borgotaro (al via da oggi), che si aggiungono al centro vaccinale dell’ospedale Maggiore in funzione da dicembre. “Con grande soddisfazione oggi inauguriamo un nuovo centro vaccinale, il primo realizzato all’interno di una Casa della salute - commenta il commissario straordinario dell’Ausl di Parma Anna Maria Petrini - In questa sede saremo in grado di vaccinare, come massima capacità, fino a 600 persone al giorno in 5 ambulatori ma tutto dipende dalle consegne dei vaccini. Intanto partiamo con 120 vaccinazioni oggi e 240 domani, e i cittadini hanno già espresso il loro apprezzamento positivo per l’accoglienza”. Oltre 200 metri quadrati, tre ambulatori subito operativi per dodici ore al giorno con la possibilità di arrivare a cinque una volta entrate a regime anche le consegne del vaccino, il centro vaccinale di Langhirano è stato allestito al piano terra dell’edificio di Via Roma. “Oltre ai tanti professionisti e operatori sanitari coinvolti, ho il dovere di ringraziare il Cav. Alberto Ilari che ha voluto mettere a disposizione a titolo gratuito un’area adiacente all’attuale parcheggio della Casa della salute per poter ampliare la capienza di posti auto, un’esigenza che sentiremo sicuramente a breve”, sostiene il direttore del distretto Sud-est Ausl, Valerio Giannattasio. Oltre alla Commissaria straordinaria Ausl, al direttore del distretto e altri dirigenti Ausl, all’apertura del nuovo centro vaccinale erano presenti oggi il sindaco di Langhirano, Giordano Bricoli, il presidente del Comitato di distretto e sindaco di Sala Baganza, Aldo Spina, le autorità militari locali. Si ricorda che le prenotazioni sono attualmente aperte solo per le persone che hanno 85 anni compiuti e oltre, e che dal primo marzo saranno estese anche alle persone dagli 80 agli 84 anni inclusi, con le stesse modalità.

Anche nel distretto Valli Taro e Ceno da oggi è possibile effettuare le vaccinazioni anti-covid19. E’ stato il signor Adelmo di 85 anni, residente a Varano de Melegari, il primo dei 180 cittadini ad essere immunizzati nel nuovo punto vaccinale Ausl di Borgotaro, attivo da questa mattina alla sede Avis di Via Stradella. “E’ una grande soddisfazione vedere in attività anche il punto vaccinale di Borgotaro – ha commentato il commissario straordinario Ausl Anna Maria Petrini - che sarà il riferimento per tutta la popolazione del distretto Valli Taro e Ceno. Oggi e nelle prossime giornate si vaccinano 180 persone ma se sarà necessario, e se avremo adeguate scorte di vaccino, potremo anche aumentare l’operatività” Come per la sede di Fidenza infatti, anche a Borgotaro l’attività delle postazioni seguirà un percorso graduale e compatibile con la disponibilità delle dosi di vaccino: si parte con tre postazioni, attive dalle 8 alle 14, che potranno tuttavia essere aumentate fino a cinque e la cui apertura potrà essere estesa fino a dodici ore al giorno. In questo modo la sede valtarese potrà essere in grado di somministrare fino a 600 dosi al giorno. “Siamo molto soddisfatti ed emozionati: – hanno commentato Diego Rossi, sindaco del comune di Borgotaro e Davide Riccoboni, presidente del Comitato di distretto – in Valtaro il centro vaccinale inizia la propria attività ad un anno preciso di distanza dal primo contagiato in provincia di Parma. Vogliamo ringraziare tutto il personale dell’Avis Borgotaro-Albareto e gli operatori che da oggi saranno impegnati in questa fondamentale attività di immunizzazione. Le prenotazioni sono attualmente aperte solo per le persone che hanno 85 anni e oltre, mentre dal primo marzo saranno estese anche alle persone dagli 80 agli 84 anni inclusi, con le stesse modalità.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI