×
×
☰ MENU

fede

Camisasca lascia (per l'età), Morandi nuovo vescovo di Reggio Emilia

Camisasca lascia (per l'età), Morandi nuovo vescovo di Reggio Emilia

10 Gennaio 2022,16:27

Papa Francesco ha accettato la rinuncia al governo pastorale della Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla presentata per raggiunti limiti di età da mons. Massimo Camisasca. Il Papa ha quindi nominato vescovo di tale Diocesi mons. Giacomo Morandi, finora arcivescovo titolare di Cerveteri e segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede, conferendogli il titolo di arcivescovo 'ad personam'.

Mons. Giacomo Morandi, nato il 24 agosto 1965 a Modena, che lascia così il suo incarico all’ex Sant'Uffizio, ha conseguito la Licenza in Scienze Bibliche presso il Pontificio Istituto Biblico di Roma (1989-1992) e la Licenza e il Dottorato in Teologia dell’Evangelizzazione presso la Pontificia Università Gregoriana (2008). L’11 aprile 1990 è stato ordinato sacerdote ed incardinato nell’Arcidiocesi metropolitana di Modena-Nonantola, dove ha svolto i seguenti incarichi: direttore dell’Ufficio del Servizio Biblico Diocesano (1994-2013); vicario episcopale per la Catechesi, l’Evangelizzazione e la Cultura (2005-2010); arciprete del Capitolo della Cattedrale (2011-2015); vicario generale (2010-2015); amministratore diocesano (2015). Inoltre, è stato docente di Sacra Scrittura presso lo Studio Teologico Interdiocesano di Reggio Emilia-Guastalla, Modena-Nonantola, Carpi, Parma (1993-2015) e presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Modena-Nonantola (1993-2015).
Il 27 ottobre 2015 è stato nominato sotto-segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede. Il 18 luglio 2017 è stato nominato arcivescovo titolare di Cerveteri e segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede, ricevendo l'ordinazione episcopale il 30 settembre 2017.
E’ Consultore della Congregazione per i Vescovi e del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani.

«La gioia è il primo sentimento profondo che più si è impresso nel mio cuore nell’istante in cui mi è stata comunicata la nomina». Sono le prime parole da vescovo di Reggio Emilia di monsignor Giacomo Morandi. Il suo messaggio di saluto è stato letto stamattina in Duomo a Reggio Emilia dal suo ormai predecessore Massimo Camisasca che ha indetto a mezzogiorno una convocazione episcopale per annunciare il suo addio alla città.
«Questa Diocesi non mi è proprio così estranea, anzi. Gli anni di studio in preparazione al presbiterato, seguiti da quelli di insegnamento presso lo Studio Teologico Interdiocesano (ex Seminario, ndr) di Reggio Emilia, mi hanno dato la possibilità di conoscere tanti futuri presbiteri, laici e religiosi», le parole di mons. Morandi.
Camisasca - che in questo periodo di 'vacatiò resterà comunque amministratore apostolico della Diocesi, in attesa che fra febbraio e marzo avvenga l’insediamento ufficiale del successore - è stato salutato da circa un centinaio di fedeli presenti in Cattedrale per la sua ultima benedizione da vescovo. «Nella mia lettera al Papa, con la quale rinunciavo al mandato per raggiunti limiti di età secondo quanto previsto dal codice di diritto canonico, ho trasmesso il desiderio che un vescovo più giovane potesse provvedere ai compiti numerosi e, talvolta, pesanti implicati nella guida di una Diocesi così significativa come Reggio Emilia-Guastalla. Gli chiedevo anche di concedere alla nostra Chiesa un uomo di grande fede, speranza e carità. Posso dire che egli mi ha esaudito».
Monsignor Morandi, modenese, è stato ordinato sacerdote nell’Arcidiocesi di Modena-Nonantola che con una nota ha voluto fargli gli auguri: «La diocesi di Reggio Emilia - scrive l'arcivescovo Erio Castellucci - è una vera e propria 'sorellà. La vicinanza geografica e pastorale della nuova Chiesa di monsignor Giacomo renderà più intense le relazioni tra le nostre due diocesi».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI