×
×
☰ MENU

LIBRO

Il tempo della resilienza: una città e la pandemia

Una pubblicazione promossa dalla Croce rossa

Il tempo della resilienza: una città  e  la pandemia

15 Dicembre 2021,20:34

Nicolò Bertolini e Antenore G. Martin invitano ad acquistare il libro pensando al futuro, pensando a quando «tra parecchi anni, rileggendolo, capirete, ricorderete, rivivrete (o vivrete la prima volta) il significato del Covid: come questo virus ha scritto la storia». E la storia che raccontano Bertolini e Martin, curatori del volume, è la storia che ha vissuto e purtroppo dovrà vivere ancora Parma. È questo, in sintesi, «Parma, il tempo della resilienza», il libro che sarà in vendita sabato prossimo in edicola con la Gazzetta di Parma.
Oltre sessanta testimonianze, la prima è del sindaco Federico Pizzarotti, che riassumono cosa è stata la pandemia per la gente della nostra città. Sessanta storie personali, sessanta punti di vista necessariamente parziali, ma che insieme hanno il pregio di raccontare tutti noi. Perché in questi racconti ci sono davvero tutti: amministratori locali, imprenditori, commercianti, liberi professionisti, segretari, operai, educatori, studenti, sportivi, ricercatori, dipendenti pubblici, giornalisti e, ovviamente, medici, infermieri, forze dell’ordine e tanti, tanti volontari, a partire dalla grande famiglia della Croce rossa italiana, comitato di Parma, primo promotore di questa iniziativa editoriale. Perché obiettivo del libro, spiegano gli autori, era proprio «una presentazione a 360 gradi di come il Covid abbia “girato” per Parma e di come la nostra popolazione ne abbia sentito le conseguenze. Una presentazione unica e dettagliata che ha visto volontari e non, affrontare le vicissitudini legate a questa bestia e che ne vuole descrivere i momenti salienti».
Nei racconti ci sono così le tragedie, i drammi, i terribili lutti che abbiamo vissuto per colpa del Covid, come la telefonata di Emanuela Zanni, infermiera operatrice del 118, o la terribile notte di marzo di Elena Antelmi, dottoressa e volontaria Cri, ma anche i grandi momenti di solidarietà e, appunto, di resilienza espressi dalla comunità di Parma. Perché non va dimenticato, al di là dell’eroico impegno in campo sanitario, il gran numero di persone che, scrive Giuseppe Zammarchi, presidente di Croce rossa di Parma, «portavano la spesa e i farmaci a domicilio e altri ancora, più coinvolti, dal punto di vista psicologico, che ascoltavano le chiamate delle persone che non sapevano a chi rivolgersi e necessitavano di essere rincuorate, oltre che assistite». Ultimo ma non ultimo, anzi è ad inizio di libro, l’intervento di Eleonora Rossi, volontaria della Croce rossa, che scrive come «oggi più di ieri siamo cristalli in frantumi, tenuti insieme da uno sterile collante, in apparenza solidi ed efficienti ma fatti di una materia frangibile». Un libro da leggere e da conservare. Anche grazie alle foto di Francesca Bocchia e ad un prezioso disegno di Milo Manara dedicato ai volontari della Cri. «Parma, il tempo della resilienza» è  in edicola  con la Gazzetta al prezzo di 12 euro più il prezzo del quotidiano.

r.c.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI