17°

32°

detenuti

Sappe: "Suicidio in carcere a Parma"

Il sindacato: "Occorre rivedere il sistema dell’ esecuzione penale il prima possibile"

Sappe: "Suicidio in carcere a Parma"
4

 

Il suicidio di un detenuto a Parma (il terzo caso dall’inizio dell’anno), un’aggressione a tre poliziotti a Prato e la protesta di un altro detenuto ad Alessandria, salito per protesta sul tetto del carcere. Sono i tre "gravi eventi critici" avvenuti nell’arco di poche ore e segnalati da Donato Capece, leader del sindacato della polizia penitenziaria Sappe.

"La situazione resta allarmante nelle nostre carceri. Quello di oggi a Parma è il terzo suicidio di un detenuto in un carcere italiano. Segue quelli di Roma-Rebibbia e Ivrea. Alla luce degli accadimenti che stanno attraversando le dinamiche penitenziarie in questo ultimo periodo occorre rivedere il sistema dell’ esecuzione penale il prima possibile, altro che vigilanza dinamica nelle galere", commenta Capece. "Quella del suicidio è una notizia triste, che colpisce tutti noi che in carcere lavoriamo in prima linea, 24 ore al giorno. Ed è una sconfitta per lo Stato che a morire sia una persona in attesa di giudizio. Ma in poche ore abbiamo registrato una grave aggressione ai poliziotti della Penitenziaria a Prato, feriti da un extracomunitario che ha dato in escandescenza, e un altro detenuto straniero salito sul tetto del carcere di Alessandria per protesta, nonostante recentemente fossero stati spesi ben 16mila euro per una fantomatica 'messa in sicurezzà".

La situazione, sottolinea il Sappe, "resta grave: ma va detto che il Parlamento ignora colpevolmente il messaggio del Capo dello Stato dell’8 ottobre, che chiedeva alle Camera riforme strutturali per il sistema penitenziario a fronte dell’endemica emergenza che tra l’altro determina difficili, pericolose e stressanti condizioni di lavoro per gli Agenti di Polizia Penitenziari. Addirittura il Capo del Dap, Tamburino, che nostro malgrado è anche Capo della Polizia Penitenziaria, ha avuto l'ardire di sostenere che l’Italia non sarà in grado di adottare entro maggio 2014 quegli interventi chiesti dall’Unione Europea per rendere più umane le condizioni detentive in Italia".

Capece rileva le criticità delle carceri italiane: "Nei 206
penitenziari del Paese il sovraffollamento ha raggiunto livelli patologici, ma il Capo Dap Tamburino alza le mani di fronte alla sentenza Torreggiani. Il nostro organico è sotto di 7.000 unità. La spending review e la legge di Stabilità hanno cancellato le assunzioni, nonostante l’età media dei poliziotti si aggira sui 37 anni. Altissima, considerato il lavoro usurante che svolgiamo".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Bastet

    14 Maggio @ 12.55

    macchè indulto!!!!! ma per favore!!!! che qui,la gente già fa quello che vuole,perchè tanto non succede nulla!! Ovvio che chi viene trovato con della cannabis,non dovrebbe nemmeno andare dentro....ma i vari riina,i vari Livraga....altro che....e presi a schiaffoni,anche!!!

    Rispondi

  • Maurizio

    19 Gennaio @ 13.40

    Veramente nella pubblica amminitrazione sotto organico ci sono solo gli enti o i corpi fondamentali, i vari uffici sono sovraorganico, gente che fa poco o nulla non perchè non vuole fare nulla ma perchè non c'è nulla da fare

    Rispondi

  • Massimiliano

    19 Gennaio @ 00.57

    AMNISTIA E INDULTO SUBITO, e depenalizzazione dei reati minori. Molto meglio le misure alternative e pene pecuniarie per i reati minori. Furtarelli e truffette andrebbero puniti con grosse pene pecuniarie. Flagranza di reato , niente processo, sanzione e basta. Meno ingorghi nei tribunali, meno detenuti a ingolfare le carceri e più denari nelle casse statali e se il reo non può pagare lavoro non retribuito nelle aziende statali. Quindi meno spese per carceri e vigilanza, meno spese per processi infiniti e più soldi da investire in sicurezza e ordine pubblico

    Rispondi

  • Vercingetorige

    17 Gennaio @ 20.36

    INSOMMA , LA POLIZIA PENITENZIARIA CHIEDE CHE I DELINQUENTI STIANO LASCIATI FUORI DAL CARCERE ! Quindi , l' extracomunitario che, a Prato , ha aggredito e ferito gli agenti , dovrebbe starsene libero in mezzo a noi , e dico "libero" perchè , se si deve sostituire un luogo di detenzione con un altro, il problema non si sposterebbe. Dalle cosiddette "comunità di recupero" , gestite da società e cooperative di civili , più o meno volontari , si entra e si esce come si vuole. Agli arresti domiciliari basta telefonare in Questura dicendo che si deve andare dal Medico per uscire ed andarsene dove si vuole. Per i tecnologici "braccialetti" si sono spesi milioni , ma ne sono in funzione due o tre. Del resto , a cosa serve sapere che io sono in via Mazzini, se non si sa cosa ci sto a fare ? Con la libertà vigilata basta trovare dieci minuti per passare in caserma a firmare il registro delle presenze . Le cronache sono piene delle notizie di delitti compiuti da criminali in libertà per "buona condotta" o per "licenza premio". Ma vogliamo lasciali fuori . E va bene ! Andando di questo passo si rischia che ogni cittadino debba organizzarsi per provvedere da solo alla propria sicurezza. Il Far West ! Certo , non è giusto che ci siano sei detenuti in celle da due , per cui i reclusi devono stare sempre coricati in branda , perchè non c' è il posto per stare in piedi . Non è giusto che si suicidi in carcere una persona che non ha ancora ricevuto nessuna condanna , è in attesa di giudizio, quindi , fino a prova contraria , è ancora innocente. Non è giusto che la Polizia Penitenziaria sia sotto organico , ma tutta la Pubblica Amministrazione lo è . Sono sotto organico gli Ospedali, sono sotto Organico la Polizia e i Carabinieri , sono sotto organico i ferrovieri.................

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Glamour e sensualità per il red carpet di Twin Peaks

Cannes

Glamour e sensualità per il red carpet di Twin Peaks - Gallery

La domenica pomeriggio al Colle San Giuseppe

FESTE

Un pomeriggio al Colle... foto

Il pallone di Totti ce l'ha Thomas: "Non lo vendo, è sacro"

la storia

Il pallone di Totti ce l'ha Thomas: "Non lo vendo, è sacro" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo - Laura Chimenti

L'INDISCRETO

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Nuova razzia in palestra. I ladri ripuliscono la Magik

DOPO IL PALACITI

Nuova razzia in palestra. I ladri ripuliscono la Magik

SALA BAGANZA

Investito sulle strisce: gravissimo

1commento

SORBOLO

Scoperti i ragazzi che «giocano» a buttarsi sotto auto e treno

VIA ALEOTTI

69enne travolto da un pirata

università

Lo sfogo di Gallese: "Ecco l'ultimo paradosso del Miur: escludere i migliori"

BASEBALL

Davide, il fuoriclasse che non dimenticheremo mai

VIA TOSCANA

Bertolucci, rubata una bici al giorno. E le telecamere?

1commento

RUGBY

Gavazzi, «ultimatum» alle Zebre

MUSICA

Il dj Luca Giudici: «Sarò al fianco di Clementino»

play-off

Lucchese (mercoledì): oltre 6mila biglietti venduti

Problemi on line, Majo: "Fisiologico quando c'è richiesta". Per il ritorno a Lucca: prevendita nella sede del Centro di Coordinamento

1commento

VIA BUDELLUNGO

Prima l'incidente, poi la lite e la "fuga" con il trattore: condannato agricoltore

1commento

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

37commenti

PARMA

Ruba una borsetta nella chiesa dell'Annunziata: inseguita e bloccata 56enne parmigiana Video

1commento

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Via Amendola: i pusher si allontanano, gli invitati restano. E si arrabbiano

18commenti

baseball in lutto

Lo sport di Parma piange Davide Bassi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

La nostra vita blindata nell'epoca della paura

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

TORINO

Neonato abbandonato in strada, muore in ospedale

modena

Sniffano la "droga del diavolo" a una festa, due 30enni in coma

1commento

SOCIETA'

panama

E' morto Noriega, ex dittatore-presidente

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

SPORT

calciomercato

Voci dalla Liguria: "Faggiano in pole per il dg dello Spezia"

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

MOTORI

Volkswagen

Golf, è l'ora della variante a metano

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione