16°

Arte-Cultura

"Paolotti", splendore ritrovato

"Paolotti", splendore ritrovato
0

Mariagrazia Villa

Sette anni per costruirla. Almeno per l’iscrizione che, stando alle fonti storiche, stava sull'arcata del presbiterio. E sette anni per riportarla, con attenzione e sensibilità, a un antico consapevole del nuovo. Venerdì, alle 11, sarà inaugurata dal Rettore dell’Università degli Studi di Parma, Gino Ferretti, l’ex chiesa dei Paolotti in via  D’Azeglio, recentemente restaurata e recuperata dal nostro ateneo.
Tutti sono invitati al taglio del nastro, davanti alla scenografica facciata tardo-barocca, inquadrata dalle due torri gemelle.
Perché finalmente, non è più una facciata «di facciata». Non più il simulacro vuoto, la quinta architettonica con dietro il nulla. Ma il fronte principale della nuova biblioteca dei dipartimenti della Facoltà di Lettere e filosofia.
Già nel Duecento, nell’allora Strada Maestra di Santa Croce, esisteva la chiesa di San Giovanni Battista con annesso convento, di proprietà dell’Ordine di Malta che, nel 1574, la cedette ai religiosi Minimi, detti «Paolotti» dal loro fondatore, San Francesco di Paola. Rivelandosi il complesso insufficiente alle loro esigenze, nel 1625 i Minimi decisero di ricostruire chiesa e convento. I lavori della basilica, a una sola navata con tre cappelle laterali per parte, un’ampia e profonda abside circolare, e campate coperte da volte a botte lunettate, divise da archi ribassati, terminarono nel 1632. Tranne la facciata, completata nel 1689, su progetto dell’architetto piacentino Carlo Virginio Draghi.
Nel 1810, dopo la soppressione napoleonica degli ordini religiosi, il complesso venne confiscato dallo Stato e utilizzato come alloggio di truppe. Nel 1813, su decreto di Maria Luigia, venne adibito a «Ospedale dè Pazzarelli» e la chiesa, a eccezione della facciata, fu abbattuta.
Nel 1872, quando il manicomio fu trasferito nella residenza ducale di Colorno, il complesso venne utilizzato come ospedale pediatrico fino al 1926, quando il reparto fu spostato al Maggiore. Nel '32 il complesso venne acquistato dal Comune di Parma, che lo cedette nel '36 all’Università di Parma che vi collocò gli Istituti di Chimica, Farmacia, Fisica e Geologia. Con la decisione, nell’85, di trasferire le Facoltà scientifiche al Campus, l’Università ha pensato di destinare gli spazi dell’ex complesso dei Paolotti a Lettere e filosofia. Nel 2004 ha redatto un progetto preliminare (esecutivo approvato nel 2006), a cura dell’architetto Anna Barozzi con gli ingegneri Paolo Bertozzi e Luca Guardigli e il coordinamento dell’ingegner Livio Mingardi dell’Ufficio Tecnico dell’ateneo, e sottoscritto una Convenzione con il Comune di Parma e il Provveditorato per le Opere pubbliche per l’Emilia Romagna, per concordare le modalità di intervento sul complesso edilizio. Nell’area dell’ex basilica sono stati condotti scavi archeologici. «Un’operazione proceduralmente corretta, far intervenire gli archeologi prima del restauro e non durante, come spesso accade», osserva Sauro Gelichi, ordinario di Archeologia medievale all’Università Cà Foscari di Venezia e coordinatore degli scavi nel plesso dei Paolotti. «Pochissimo restava delle pavimentazioni e di una serie di sepolture che coprivano dal tardo Cinquecento l’area occupata dalla chiesa». Purtroppo, non ne è stato trovato il contenuto.
 «L'ipotesi è che queste sepolture per più inumazioni vengano svuotate dopo l’editto napoleonico di Saint Claude, che impone il trasferimento dei cadaveri fuori dalle città. Nemmeno le identità dei defunti conosciamo, perché non rimane nulla delle lastre funerarie». Dagli scavi emergono «tracce riferibili all’utilizzo dell’area nel XIII e XIV secolo, ma come spazio aperto, pertanto, la chiesa medievale doveva essere più spostata verso l’interno; non esiste alcuna traccia, invece, della successiva destinazione ospedaliera dell’edificio».
Il progetto di consolidamento, restauro e rifunzionalizzazione ha eliminato, nel sedime dell’ex chiesa, tutte le alterazioni all’impianto originario. «Le linee guida - spiega Luciano Serchia, soprintendente per i Beni architettonici e del paesaggio di Parma e Piacenza - sono state recuperare la preesistenza storico-architettonica a livello planivolumetrico e riutilizzarla, in modo da sottolinearne quegli elementi architettonici di invariante storica che possono acquisire pregnanza anche ora». L'elemento di maggior rilievo del nuovo spazio è senz'altro la copertura, realizzata in vetro e acciaio, in parte opaca, in parte trasparente.
«Le travi trasversali ad arco ribassato hanno connettori puntuali che, per sottolineare la ripartizione storica della struttura, sono in corrispondenza delle paraste binate che la chiesa presentava tra una cappella e l’altra. L’azione restaurativa deve far sì che il nuovo, come architettura e materiali, lasci intatta la capacità interrogante del testo architettonico ereditato».
La stessa teoria dei valori, per citare Riegl, ha guidato i lavori nel chiostro e il consolidamento e il restauro della facciata.  «Massacrata da imprudenti interventi restaurativi, abbiamo cercato di ripristinarne tutti gli elementi decorativi e di recuperarne, non solo i forti risalti plastici e architettonici, tipici del barocco, ma anche le più sottili modanature, sottolineandole con variazioni cromatico-tonali».
Così, uno dei monumenti più caratteristici dell’Oltretorrente ritorna alla città, abbandonando la china del mero resto archeologico. E la bellezza che si era allontanata, e con lei l’autenticità, riparano quel che sembrava irreparabile: la sopravvivenza di un significato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia