22°

32°

INCHIESTA

Alluvione, indagati il sindaco e 4 dirigenti

Il procuratore: "Aperto fascicolo per fuga di notizie"

Alluvione, indagati il sindaco e 4 dirigenti
Ricevi gratis le news
29
 

Caso alluvione, il procuratore Rustico non smentisce ne conferma le iscrizioni sul registro indagati, dal momento che non ci sono atti ufficiali suscettibili di comunicazione. "A prescindere della fondatezza o no della notizia- si limita a dichiarare il procuratore - e ' in corso l'apertura di un fascicolo per rivelazioni di segreti d'ufficio, a carico del pubblico ufficiale che possa aver dato tali notizie, vere o false che siano".

La notizia data dalla Gazzetta: cinque iscrizioni nel registro degli indagati

(di Georgia Azzali)

È ancora in attesa del verdetto di Grillo (fuori o dentro il Movimento?), ma intanto si profilano nuove preoccupazioni per Federico Pizzarotti. Dopo l'avviso di garanzia per le nomine del Teatro Regio, il sindaco è finito sul registro degli indagati per l'alluvione del 13 ottobre 2014. Un'iscrizione registrata all'inizio della scorsa settimana, ma senza alcuna informazione di garanzia perché finora la procura non ha svolto atti (interrogatori o perquisizioni, per esempio) che richiedano la presenza di un difensore, e quindi l'invio di un avviso. Disastro colposo, il reato ipotizzato, di cui il sindaco deve rispondere come autorità di protezione civile in città. Ma accanto al nome di Pizzarotti figurano anche quelli del comandante della polizia municipale, Gaetano Noè, del direttore dell'Agenzia regionale di protezione civile, Gabriele Mainetti, dell'ex responsabile del Servizio tecnico di bacino, Gianfranco Larini (andato in pensione il mese dopo l'alluvione), e dell'allora numero uno del Servizio di protezione civile della Provincia, Gabriele Alifraco, ora a capo dell'Area ovest protezione civile e attività estrattive della Regione. Stessa accusa anche per i quattro dirigenti, iscritti nel registro insieme a Pizzarotti.

Il fascicolo contro ignoti era stato aperto dal pm Paola Dal Monte pochi giorni dopo l'alluvione. E ora, dopo un'inchiesta approfondita portata avanti da corpo forestale e polizia municipale, sono stati messi nero su bianco gli indagati. Numerose le persone sentite dagli inquirenti in questo anno e mezzo di indagine per tentare di ricostruire come abbia funzionato il sistema di pre-allerta e di allarme. Per capire come abbia marciato la macchina della protezione civile non solo quel 13 ottobre, in cui le acque del Baganza sommersero una parte della città, ma anche nei giorni precedenti. L'inchiesta, però, si è anche concentrata sugli interventi che non sarebbero stati fatti (o sarebbero stati realizzati solo in parte) per almeno limitare i danni dell'inondazione. Nulla trapela dal fronte investigativo, ma certo è che al centro dell'attenzione degli inquirenti non ci sono solo le eventuali inadempienze di Pizzarotti ma di tutto il sistema: Comune, Provincia e Regione.

Partiamo dai lavori sul Baganza. Oggi, per quanto ci sia ancora molto da fare, la zona del ponte dei Carrettieri è cambiata: pulizia dei punti luce, lavori sulla struttura e sugli argini, anche se, in base a un'ultima variante al piano di assetto idrogeologico, pare che l’autorità di bacino regionale abbia deciso di mantenere l’argine storico, innalzandolo solo in caso di piena con sacchetti di sabbia e una paratia mobile. Al di là di questo, resta la domanda: perché determinati lavori di messa in sicurezza non sono stati attuati prima? E cosa è stato fatto dagli enti competenti per gli insediamenti abusivi in riva al Baganza? Resta, poi, l'annosa questione della cassa di espansione, inserita nell'estate dello scorso anno tra le opere del piano «ItaliaSicura»: dopo la progettazione definitiva serviranno almeno altri sei anni per vederla realizzata, ma in questo caso la catena di responsabilità arriva fino al governo centrale.

Dalle opere (non fatte) per la messa in sicurezza del Baganza alle procedure seguite dalla Protezione civile quel 13 ottobre ma anche nelle 48 ore precedenti: è l'altro fronte su cui si è concentrata l'inchiesta. Con l'ondata di maltempo in arrivo, il Comune si è mosso in modo adeguato e, soprattutto, con la necessaria tempestività? Secondo gli investigatori, è possibile che ci sia stata qualche inadempienza. I riflettori sono stati puntati sulla catena di comunicazione, a partire da quel fax, che aveva scatenato mille polemiche già all'epoca, partito dalla prefettura sabato 11 ottobre alle 13,49 e protocollato in Comune lunedì 13, il giorno del disastro. Tutto regolare, o qualche leggerezza c'è stata? «L'annuncio della fase di "attenzione" di sabato - aveva spiegato allora il sindaco - era il 144esimo annuncio in regione dall'inizio dell'anno. Peraltro era di livello 1, cioè il più basso, mentre il pre-allarme e l'allarme sono giunti alla Protezione civile esattamente un'ora dopo rispetto a quando sarebbero dovuti arrivare, rispettivamente alle 14,57 e alle 16,57 (a esondazione già avvenuta)».

Verità o scarica-barile? E' probabile che gli inquirenti abbiano già la risposta. Perché l'inchiesta ha puntato l'attenzione su tutti gli attori in campo, non solo su Pizzarotti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • SUPREMO

    09 Giugno @ 14.16

    Se non ricordo male, in quel periodo il sindaco andò a Roma alla festa di partito. Voleva parlare ma Grillo non lo fece salire sul palco, non gli diede nessuno spazio. Una TRANVATA nei denti !!! Nel frattempo, la città senza guida veniva alluvionata dal Baganza. Non ci sono scuse.... si tratta di NEGLIGENZA. Ora il giudice che indaga (le indagini furono a seguito di IGNOTI......) ha identificato il sindaco come responsabile del tragico evento.

    Rispondi

  • Fede

    08 Giugno @ 22.24

    Egregio Sig.Maurizio, si rivolga a qualcun'altro e commenti solo gli articoli non i commenti per difendere i suoi amici......regione , comune, tutti responsabili, lei invece è di parte perché difende solo le competenze comunali.......e cosa centra se la legna non serve per riscaldare??Allora lasciamola li ad ostruire i ponti..... io non le rispondero mai più cerchi di fare uguale Grazie

    Rispondi

    • Maurizio

      09 Giugno @ 23.08

      Mi spiace deluderla ma non ho amici in regione, conosco solo persone che fanno il proprio dovere ma vengono criticate spesso a torto e magari sono persone che lavorano nell'ombra ma hanno l'unica colpa di essere dipendenti pubblici, io non difendo nessuno ma se una persona ben sapendo che tali compentenze sono di tizio da la colpa a caio beh forse qualche cosa di strano c'è..... La legna? bene vada lei a raccoglierla visto che non è vietato, ne il pd ne i verdi e legambiente vietano di farlo, le dirò di più legambiente e i verdi sono tra i pochi che vanno a pulire i fiumi quindi le sue parole sono fuori luogo. In ultimo lei deve accettare le regole, quì nei limiti dell'educazione si scambiano opinioni, se lei scrive io sono libero di rispondere, se lei scrive cose scorrette facilmente smentibili a rigor di logica non è un mio problema

      Rispondi

  • Massimiliano

    08 Giugno @ 22.08

    Il mio defunto nonno mi ha sempre insegnato che non bisogna mai gioire dei guai degli altri, perché potresti avere anche tu quei guai..... Caro Pizzanulla, tu che gongolavi dei guai di chi ti ha preceduto, ora come ti senti??? Vedi che i reati per i quali sei indagato non sono mica bruscolini, anzi..... Fossi in te mi troverei un ottimo avvocato.

    Rispondi

  • rradamess

    08 Giugno @ 20.47

    Visto il risalto su organi di stampa nazionali, viene naturale a pensar male circa la tempistica 10 giorni prima dei ballottaggi.. Poi se verrà confermata la fuga di notizie, per la quale è stato aperto un fascicolo per rivelazioni di segreti d' ufficio......altro che sciacalli cari compagni

    Rispondi

  • Uccio

    08 Giugno @ 19.16

    A Firenze, dove è collassato un tratto di 300 metri di lungoarno per motivi riguardanti la negligenza del comune (non solo del sindaco attuale, leccapiedi del Fonzie nazionale) ma, soprattutto, per colpa della multiutility locale che è a partecipazione mista, pubblico-privato ma in cui molti dirigenti sono amici e amici degli amici del giglio magico fiorentino, ...è arrivato qualche avviso di garanzia a qualcuno? Nel caso dì Firenze è assodato che vi siano responsabilità per incuria nella manutenzione, tant'è vero che il crollo è stato causato da perdite continue per giorni, senza riparazione...sino al crollo. Due pesi e due misure? Tempismo diverso a seconda delle mandate elettorali? Decidete voi. A chi si riferisce il magistrato quando parla di fuga di notizie date in pasto alla stampa? Decidete voi ma io...un'idea me la sono fatta.

    Rispondi

    • Maurizio

      08 Giugno @ 20.44

      ci credo, pizzarotti indagato dopo un anno e mezzo, a genova se te lo sei già scordato è successo tutto da una settimana... guarda che la realtà è diversa dai film dove si risolvono i casi in due ore

      Rispondi

    • marco850

      08 Giugno @ 20.04

      infatti Pizzarotti viene indagato dopo due anni... non sai che in Italia la cosiddetta giustizia va a passo di bradipo? Prima o poi faranno lo stesso anche a Firenze. Pizzarotti si è dimostrato inadeguato e prima finisce il suo mandato prima smette di fare danni. Se poi ha sbagliato è giusto che paghi, quando decidi di fare il sindaco ti becchi oneri e onori

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

13commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

turku

Finlandia, c'è anche un'italiana tra i feriti a colpi di coltello. La Polizia: "E' terrorismo"

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti