11°

17°

Governo

Brescello, Comune sciolto per mafia: il primo in Emilia

Brescello, il sindaco si dimette. E a Reggio polemica su Vecchi

La chiesa di Brescello

Ricevi gratis le news
6

Il Comune di Brescello è stato sciolto per infiltrazioni mafiose dal Consiglio dei ministri. E' il primo caso in Emilia-Romagna. 
Il municipio di Brescello è guidato da un commissario prefettizio dopo le dimissioni di Marcello Coffrini, che guidava un'amministrazione sostenuta dal Partito Democratico. Coffrini si è dimesso il 30 gennaio dopo che M5S e lo stesso Pd gli avevano chiesto un passo indietro, per le polemiche seguite a una vecchia intervista in cui aveva definito il condannato per mafia Francesco Grande Aracri come persona «molto gentile e tranquilla». 

Dice il comunicato del governo:
Su proposta del Ministro dell’interno, Angelino Alfano, il Consiglio dei ministri ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Brescello (RE), a norma dell’articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, nel quale sono state accertate forme di condizionamento della vita amministrativa da parte della criminalità organizzata.

Nel pomeriggio, l'ex sindaco Marcello Coffrini fa sapere che si riserva di leggere gli atti e dichiara: "Ho la coscienza a posto". E ai microfoni del TgParma si dice molto addolorato per la decisione del governo. Secondo il parroco don Evandro Gherardi, il paese sconta la sua notorietà ma qui non c'è contiguità con la criminalità organizzata

Video
La cronaca del TgParma

Parla Coffrini: "Sono molto addolorato". La gente difende l'ex sindaco

Intanto sul caso Brescello si infiamma il dibattito politico: Lega Nord e Movimento 5 Stelle rivendicano il merito politico della decisione finale sullo scioglimento per mafia del Comune, mentre il Pd ritiene che non abbiano questo merito poiché lo stesso partito chiese un passo indietro a Coffrini dopo le dichiarazioni su Grande Aracri. 


SALVINI: "VITTORIA DELLA LEGA". 
Dapprima i "rumours" della stampa reggiana, poi l'annuncio della Lega Nord in Regione, secondo cui «lo scioglimento per mafia è una vittoria di Ln che da anni sta conducendo una battaglia per la legalità». «Ora aria pulita a Brescello, siamo pronti a collaborare col commissario, come già fatto con la commissione prefettizia», scrive l’attivista antimafia del Carroccio Catia Silva, consigliera comunale di Brescello.  «Bene lo scioglimento del comune di Brescello per infiltrazioni mafiose. Una vittoria della Lega: abbiamo restituito il paese alle persone. Se ci siamo noi, la criminalità organizzata resta fuori». Lo dice in una nota il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini.

Interviene anche Gabriele Delmonte, vicecapogruppo della Lega Nord in Emilia-Romagna, cui nei mesi scorsi erano arrivate minacce di morte su Facebook da uno degli imputati del processo Aemilia. «L'ho detto più volte a muso duro tanto che negli ultimi mesi qualcuno ha pensato bene di paragonarmi a un maiale e poi di ricordarmi che in Calabria, con i maiali, si fanno salsicce - dichiara Delmonte -. Ma non mi arrendo e lo scioglimento per mafia del Comune di Brescello è una grandissima vittoria». «Mi auguro che il Grande Fiume - ha scritto il consigliere - riesca a portare via dalla nostra terra queste schifezze e che il Commissario possa traghettare Brescello alle prossime elezioni in un clima diverso da quello che abbiamo vissuto fino a ieri. In Regione ho più volte chiesto interventi decisi ma purtroppo tutto, compresa la nostra proposta di creare una speciale commissione Antimafia, è stato rigettato». 

MOVIMENTO 5 STELLE: "E' FINITA COME DOVEVA". La parlamentare M5S di Reggio Emilia Maria Edera Spadoni e i parlamentari pentastellati della Commissione antimafia commentano: «E' finita come doveva finire ed il Movimento 5 Stelle si auspicava e chiedeva da tempo. E’ una vittoria della legalità. Il Comune di Brescello, il paese di Peppone e Don Camillo, è stato sciolto per mafia come proponeva il Prefetto di Reggio Emilia. Le responsabilità politiche di chi ha portato a questa situazione dovranno essere indagate fino a fondo».  
«Ribadiamo che solo pochi giorni fa erano emersi nuovi fatti inquietanti dal punto di vista politico. Francesco Grande Aracri, condannato per mafia che intervistato da Ferruccio Sansa difendeva l’ex sindaco Marcello Coffrini definendolo «un galantuomo lo hanno fatto dimettere solo perché mi ha difeso» - spiegano i parlamentari M5S -. Sempre pochi giorni fa un altro quotidiano, la Gazzetta di Reggio scopriva che il padre di Coffrini junior, Ermes Coffrini, per anni sindaco Pd e DS era stato dal 2002 al 2006 avvocato al Tar per i Grande Aracri in procedimenti in Calabria. Fatti politicamente inaccettabili».
«Ora dalla lettura degli atti della Commissione di accesso si vedranno tutti gli intrecci di anni tra politica, imprenditoria e crimine organizzato. I mesi di Commissariamento dovranno servire per provare a ripulire ogni commistione con il crimine organizzato» spiegano i parlamentari M5S e Maria Edera Spadoni.
Il deputato M5S Alessandro Di Battista commenta su Twitter lo scioglimento del Comune di Brescello per mafia: «C'erano Don Camillo e Peppone, ora c'è la mafia a Brescello, comune a guida PD. Senza i politici corrotti la mafia non sarebbe così forte». 

IL PD: "LEGA E 5 STELLE SI ASSUMONO MERITI CHE NON HANNO". Il senatore Stefano Vaccari, capogruppo del Pd nella Commissione Ambiente e membro dell'Antimafia, commenta: «Lega e M5S cantano vittoria su Brescello, sbagliando due volte. La prima perché non è mai un successo quando un Comune viene sciolto per mafia. La seconda perchè si assumono meriti che non hanno, visto che il primo a chiedere le dimissioni del sindaco di Brescello Marcello Coffrini, per i suoi apprezzamenti nei confronti della famiglia Aracri, sono stato io nel 2014, in qualità di parlamentare eletto in Emilia Romagna e componente della Commissione Antimafia. Aggiungo che il sindaco, ora ex, non è del Pd. Ma per M5s e Lega tutto fa brodo, pur di andare contro il partito di governo».
«Lo scioglimento del Comune di Brescello dopo gli esiti della Commissione d’accesso - continua Vaccari - è un atto dovuto. Non prendiamo lezioni di legalità da nessuno, tanto meno in Emilia Romagna, una regione in cui la ricostruzione post terremoto è avvenuta tenendo lontana la criminalità organizzata e le imprese collegate. Sia gli esponenti del Carroccio che i grillini parlano poi di questioni che non possono conoscere, come nessuno del resto, visto che gli atti della Commissione d’accesso sono secretati. Non a caso, sia Lega che M5s hanno rilasciato dichiarazioni analoghe anche sul caso del Comune di Finale Emilia, che poi invece non è stato sciolto». 

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA: "NOTIZIA DOLOROSA". «Lo scioglimento per mafia del Comune di Brescello, primo in Emilia-Romagna, è una notizia dolorosa, dinnanzi alla quale non possiamo sottrarci a ulteriori riflessioni e a nuove responsabilità sul tema della legalità, ma nemmeno dimenticare il cammino che tutta la comunità ha da tempo intrapreso per contrastare ogni tentativo di infiltrazione». E' il commento di Giammaria Manghi, presidente della Provincia di Reggio Emilia, alla decisione del Consiglio dei ministri.
In particolare, prosegue, «lo dico anche da pubblico amministratore della Bassa Reggiana della cui Unione Brescello fa parte, da oggi siamo chiamati ad innalzare ulteriormente il livello di guardia e a rafforzare il nostro impegno collettivo per aiutare la comunità brescellese ad affrontare e superare questa delicata fase. In questo senso credo che l’Unione stessa possa svolgere un ruolo fondamentale».
«Ma non dobbiamo dimenticare - aggiunge - che la stessa decisione assunta oggi dal Consiglio dei ministri si basa sul serio lavoro coordinato dal prefetto Ruberto, anche attraverso la commissione d’indagine preposta, il cui lavoro è stato sottoposto al vaglio di un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica al quale io e il sindaco Vecchi abbiamo partecipato. Questo, al pari della volontà di Provincia e di tanti Comuni reggiani, tra i quali lo stesso Brescello, di ribadire proprio in queste ore al processo Aemilia la costituzione a parte civile, dimostra come le istituzioni reggiane stiano collaborando in maniera alacre, costante e credibile per contrastare la mafia».

LA REGIONE: "IL CONSIGLIO DEI MINISTRI HA FATTO BENE". «Bene ha fatto il Consiglio dei ministri a sciogliere il Comune di Brescello, la lotta contro le mafie e per la legalità, che questa Regione sta portando avanti con forza e convinzione, non deve guardare in faccia a nessuno. E la decisione presa dimostra, a differenza di quanto sostenuto nelle settimane scorse da qualcuno che ha fatto inutili polemiche, che non c'è alcun atteggiamento di riguardo nei confronti dei governi locali di questo territorio». Così l'assessore regionale alla Legalità, Massimo Mezzetti, ha commentato il provvedimento disposto dal Governo nei confronti del Comune del reggiano.
«Sicuramente per l’Emilia-Romagna - ha aggiunto l’assessore - si tratta di un’onta che ci colpisce ma che non subiamo e non subiremo passivamente. Brescello è il primo Comune della nostra regione ad essere stato sciolto per mafia e questo ci sprona a fare ancora di più e ancora meglio sul fronte del contrasto alla criminalità organizzata e della prevenzione». L’assessore ha ricordato come quello che stava accadendo a Brescello sia stato portato all’evidenza dei cittadini da una video inchiesta dell’associazione culturale antimafia di Reggio Emilia Cortocircuito, formata da giovani studenti universitari, nell’ambito di un progetto sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna e che la Regione sta intervenendo anche sul piano legislativo «e per questo approveremo entro l’estate il Testo unico per la legalità, oltre a intensificare l’impegno per fare informazione, per la trasparenza amministrativa e per la partecipazione civica». 

CLAUDIO FAVA (SINISTRA ITALIANA): "UN ATTO DOVUTO".  «Lo scioglimento del comune di Brescello è un atto dovuto, opportuno e istruttivo per chi continua a pensare che l’insediamento delle mafie al nord sia solo letteratura». Lo dice il vicepresidente della commissione parlamentare antimafia Claudio Fava, di Sinistra Italiana.
«Ci auguriamo - prosegue - che l’ex sindaco Coffrini impari finalmente a riconoscere chi porta in quelle terre linguaggi e comportamenti mafiosi. Alla Lega - conclude Fava - che si appunta al petto improvvide medaglie, vorrei ricordare che un anno fa la richiesta al ministro per una commissione d’accesso sul comune di Brescello portava solo la mia firma, non certo quella dei loro colleghi». 

CGIL EMILIA-ROMAGNA: "SCIOGLIMENTO ESTREMAMENTE GRAVE". Lo scioglimento del Comune di Brescello è «una decisione estremamente grave, la prima volta dello scioglimento per condizionamenti mafiosi di un Comune dell’Emilia-Romagna, che accentua le nostre preoccupazioni su quanto avvenuto in questa regione con l’infiltrazione della 'ndrangheta nel tessuto economico e sociale». Così in una nota il segretario generale della Cgil dell’Emilia-Romagna, Vincenzo Colla, e il segretario di Reggio Emilia, Guido Mora.
«Le organizzazioni sindacali sono dentro il processo Aemilia come parti civili - aggiungono - per sconfiggere la cosca Grande Aracri ed ogni altra forma di criminalità organizzata che si proponga di destabilizzare il tessuto democratico e civile. A maggior ragione dopo la notizia della decisione presa dal Consiglio dei Ministri su Brescello è necessario, con ancora più determinazione, portare a conclusione il nuovo impianto legislativo regionale, con il Testo unico su Appalti e legalità, deciso nel Patto per il Lavoro e in discussione nella Consulta regionale per la Legalità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    20 Aprile @ 19.04

    QUESTA BRUTTA VICENDA DI BRESCELLO CI DOVREBBE INSEGNARE UNA LEZIONE IMPORTANTE , VALIDA ANCHE PER PARMA : la Criminalità Organizzata , Mafia , 'Ndrangheta , Camorra, Sacra Corona Unita che sia , si infiltra subdolamente nel tessuto sociale , attraverso le attività commerciali , artigianali , finanziarie. Non ignoratela solo perché , qui da noi , non ci sono (finora ) raffiche di kalashnikov per strada. Badate a dove andate al bar , a dove prendete il caffè e l' aperitivo , a dove andate a ballare , a chi affidate i vostri lavori , a chi vi rifornisce , a chi vi fa prestiti , a dove andate a mangiare , a chi vi costruisce e vi vende casa ! SEGUITE I SOLDI ! Qualche giorno fa sono andato ad un bar , vicino a casa mia . C' è una nuova gestione . Sono meridionali . Quando ho pagato il caffè non mi hanno fatto lo scontrino fiscale, come tutti gli altri bar che frequento . Non ci andrò più . Adesso si scatena la solita tiritera del "piddì" , dei "sinistri trinariciuti" e consimili corbellerie. Per fare il conto di tutti i Comuni di Destra sciolti per mafia ci vorrebbe la calcolatrice. Certo , questo è il primo , e , finora , l'unico in Emilia - Romagna , e non fa piacere. Finale Emilia l' ha schivata d' un pelo. L' EX SINDACO DI BRESCELLO , COFFRINI , NON E' ISCRITTO AL PD , ma il PD ha appoggiato la sua lista , e non ci ha fatto bella figura. Chi sa quando i Governi , di Destra e di Sinistra , prenderanno finalmente atto che l' invio di personaggi della Criminalità Organizzata del Sud in soggiorno obbligato al Nord estende l' infezione , non la ostacola.

    Rispondi

  • OsteGrogno

    20 Aprile @ 18.54

    sandro.grognardi@yahoo.it

    Brescello sciolto per Mafia! aspettiamo una commissione d'inchiesta ad hoc anche per Salsomaggiore Terme dove vi sono forti segnali di infiltrazione mafiosa; dopo Brescello vogliamo sciolti tutti i Comuni emiliani infiltrati dalla Mafia che si lega alla Politica!!!

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    20 Aprile @ 16.38

    la rivolta di atlante

    ROMA E LA DC PER ANNI HA CONCIMATO IL NORD CON QUESTA BELLA GENTE E ADESSO QUESTI SONO I RACCOLTI ..... TUTTI IN GALERA NELLE LORO REGIONI ... COMPRESI I REGGIANI COLLUSI ... E VEDRAI COME SI CALMANO.

    Rispondi

  • Uccio

    20 Aprile @ 15.45

    Michelotto anche qui è colpa di Pizzarotti?

    Rispondi

  • anastasia

    20 Aprile @ 15.26

    Ma se Coffrini è una brava persona!!! vero Cesari?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

1commento

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va