16°

Stranieri

I musulmani di Parma contro l'Isis: "No all'odio"

Musulmani di Parma a Kuminda: foto di gruppo

Musulmani di Parma a Kuminda: foto di gruppo

5

C’erano tante associazioni al Museo Guatelli, all’incontro realizzato nell’ambito di Kuminda, Festival dedicato al tema della sovranità alimentare. Volontari ed esperti hanno parlato di sviluppo e di progetti che permettono il sostentamento dei piccoli agricoltori.
Per le associazioni che raccolgono i musulmani di Parma e provincia è stata l’occasione per far sentire la propria voce su quello che sta accadendo in Iraq, in Siria e in Medio Oriente in generale e condannare l’ISIS. In particolare, ad esprimere dissenso erano l’Associazione della Comunità marocchina di Parma e provincia, l’Associazione Donne di qua e di là e la Comunità Islamica di Parma e provincia.
Ecco cosa hanno affermato: “Il diritto al cibo non è garantito a tutti nel mondo ed è un dispiacere ancora più grande sapere che sono i bambini a soffrire di più. Tra le cause ci sono soprattutto la siccità e le guerre, come quella intrapresa dall’ISIS in Iraq e in Siria”.
“L’ISIS, hanno proseguito i portavoce delle associazioni, non può rappresentare l’Islam o i musulmani e non ha il diritto di parlare in nome nostro. La loro interpretazione della religione islamica si limita alle sanzioni. Tutti noi abbiamo visto le orribili immagini di persone sgozzate e decapitate, gente che non aveva niente a che fare con il conflitto armato come i giornalisti o, peggio ancora, i volontari in campo umanitario la cui unica colpa era semplicemente voler aiutare la gente in difficoltà o far arrivare le informazioni e raccontare ciò che accadeva nei territori dove l’ISIS ormai sta regnando. Tutto ciò è fonte di radicalismo ed estremismo, la nostra religione non accetta gruppi di questo tipo che seminano violenza e spargono sangue in nome di Dio.
L’Islam non può essere rappresentato dall’ISIS; tutti i sapienti del mondo musulmano hanno preso le distanze da ciò che fa, perché contrario agli insegnamenti dell’Islam. Può essere cosa logica un gruppo che si autoproclama come stato islamico e chiede a tutti il riconoscimento, senza se e senza ma, minacciando la morte come punizione?
I primi a subire il danno dell’ISIS sono i musulmani stessi, anche la maggior parte delle vittime musulmane; tutto questo danneggia fortemente l’immagine dell’Islam.
L’Islam è una religione di pace, d’amore e misericordia, non è una religione di guerra, di odio e crudeltà. L’estremismo non fa parte della nostra fede e siamo noi per primi a denunciarlo e a essere contrari.
Non sappiamo nulla sulla nascita dell’ISIS, né su come si sostenga economicamente. Ciò che i media trasmettono è che si tratti del gruppo terroristico più ricco e finanziato del mondo. Ma da dove vengono tutti questi soldi? E come mai, questo gruppo ha combattenti che vengono almeno da 80 paesi? Dov’è l’intelligence internazionale? E’ consapevole di questo flusso?
L’ISIS sfrutta l’ignoranza religiosa di certi musulmani e promette uno stato islamico con tante opportunità di successo per tutti. Promette l’eldorado e il paradiso terreno”.

E’ un’ulteriore domanda quella che conclude l’intervento dei musulmani di Parma e provincia: “per combattere l’ISIS, quale sarebbe la soluzione? L'ISIS si combatte con la conoscenza tra i popoli e con un vero dialogo consapevole e sincero. L’ISIS si combatte con la presa di distanza, informando su quanto sia pericoloso per la pace nel medio oriente e nel mondo. L’ISIS si combatte instaurando la stabilità, la democrazia e la giustizia in Iraq, in Siria e non solo, anche in tutto il medio oriente.
Le nostre associazioni dichiarano la loro posizione contro l’ISIS e la sua ideologia di odio, e affermano che l’Islam è tutt’altro rispetto a ciò nell’ISIS che si manifesta.”
Le tre associazioni invitano tutta la cittadinanza di Parma a un dialogo aperto e a una conoscenza reciproca approfondita, per togliere ogni pregiudizio.


Per l’Associazione della Comunità Marocchina di Parma e Provincia, l’Associazione Donne di qua e di là e la Comunità Islamica di Parma e Provincia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Matteo

    23 Ottobre @ 17.12

    le moschee fatele a casa vostra! non qua!! io non vi odio, ma vi amerei se tornaste da dove siete venuti!!!!

    Rispondi

  • Paolo

    23 Ottobre @ 15.55

    OOOHHHH razzisti anche a parma???? Hei comunisti i rumeni vanno bene e i musulmani no? I rom che rubano ( oooo poverini è la sua cultura) vanno capiti, e i musulmani perchè vestono in un certo modo vanno condannati?? Mi sa che qualcuno a sinistra deve decidersi.

    Rispondi

  • filippo

    23 Ottobre @ 13.42

    tutte velate..tutte integrate....si si se ci crede qualcuno

    Rispondi

  • Biffo

    23 Ottobre @ 12.36

    Ma non sarebbe ora che la piantassero di velare le loro donne, fin da quando sono preadolescenti, mentre loro se ne girano abbigliati all'europea? Non arrivano a capire che, quando qui in Pianura padana ci sono 35° e il 70% di umidità, loro, in braghette corte e maglietta di cotone a mezza manica, riescono a stare appena meglio delle loro signore, coperte, dalla testa ai piedi, sotto pesanti camicioni?

    Rispondi

  • RENZ

    23 Ottobre @ 09.24

    R E N Z

    Bene! Adesso... DUE MOSCHEE ! E senza badare a spese... non vorremo mica farci compatire...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Bullismo

«Non voglio più andare a scuola»

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

LEGA PRO

Parma, pronto a cambiare

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling