Stranieri

I musulmani di Parma contro l'Isis: "No all'odio"

Musulmani di Parma a Kuminda: foto di gruppo

Musulmani di Parma a Kuminda: foto di gruppo

5

C’erano tante associazioni al Museo Guatelli, all’incontro realizzato nell’ambito di Kuminda, Festival dedicato al tema della sovranità alimentare. Volontari ed esperti hanno parlato di sviluppo e di progetti che permettono il sostentamento dei piccoli agricoltori.
Per le associazioni che raccolgono i musulmani di Parma e provincia è stata l’occasione per far sentire la propria voce su quello che sta accadendo in Iraq, in Siria e in Medio Oriente in generale e condannare l’ISIS. In particolare, ad esprimere dissenso erano l’Associazione della Comunità marocchina di Parma e provincia, l’Associazione Donne di qua e di là e la Comunità Islamica di Parma e provincia.
Ecco cosa hanno affermato: “Il diritto al cibo non è garantito a tutti nel mondo ed è un dispiacere ancora più grande sapere che sono i bambini a soffrire di più. Tra le cause ci sono soprattutto la siccità e le guerre, come quella intrapresa dall’ISIS in Iraq e in Siria”.
“L’ISIS, hanno proseguito i portavoce delle associazioni, non può rappresentare l’Islam o i musulmani e non ha il diritto di parlare in nome nostro. La loro interpretazione della religione islamica si limita alle sanzioni. Tutti noi abbiamo visto le orribili immagini di persone sgozzate e decapitate, gente che non aveva niente a che fare con il conflitto armato come i giornalisti o, peggio ancora, i volontari in campo umanitario la cui unica colpa era semplicemente voler aiutare la gente in difficoltà o far arrivare le informazioni e raccontare ciò che accadeva nei territori dove l’ISIS ormai sta regnando. Tutto ciò è fonte di radicalismo ed estremismo, la nostra religione non accetta gruppi di questo tipo che seminano violenza e spargono sangue in nome di Dio.
L’Islam non può essere rappresentato dall’ISIS; tutti i sapienti del mondo musulmano hanno preso le distanze da ciò che fa, perché contrario agli insegnamenti dell’Islam. Può essere cosa logica un gruppo che si autoproclama come stato islamico e chiede a tutti il riconoscimento, senza se e senza ma, minacciando la morte come punizione?
I primi a subire il danno dell’ISIS sono i musulmani stessi, anche la maggior parte delle vittime musulmane; tutto questo danneggia fortemente l’immagine dell’Islam.
L’Islam è una religione di pace, d’amore e misericordia, non è una religione di guerra, di odio e crudeltà. L’estremismo non fa parte della nostra fede e siamo noi per primi a denunciarlo e a essere contrari.
Non sappiamo nulla sulla nascita dell’ISIS, né su come si sostenga economicamente. Ciò che i media trasmettono è che si tratti del gruppo terroristico più ricco e finanziato del mondo. Ma da dove vengono tutti questi soldi? E come mai, questo gruppo ha combattenti che vengono almeno da 80 paesi? Dov’è l’intelligence internazionale? E’ consapevole di questo flusso?
L’ISIS sfrutta l’ignoranza religiosa di certi musulmani e promette uno stato islamico con tante opportunità di successo per tutti. Promette l’eldorado e il paradiso terreno”.

E’ un’ulteriore domanda quella che conclude l’intervento dei musulmani di Parma e provincia: “per combattere l’ISIS, quale sarebbe la soluzione? L'ISIS si combatte con la conoscenza tra i popoli e con un vero dialogo consapevole e sincero. L’ISIS si combatte con la presa di distanza, informando su quanto sia pericoloso per la pace nel medio oriente e nel mondo. L’ISIS si combatte instaurando la stabilità, la democrazia e la giustizia in Iraq, in Siria e non solo, anche in tutto il medio oriente.
Le nostre associazioni dichiarano la loro posizione contro l’ISIS e la sua ideologia di odio, e affermano che l’Islam è tutt’altro rispetto a ciò nell’ISIS che si manifesta.”
Le tre associazioni invitano tutta la cittadinanza di Parma a un dialogo aperto e a una conoscenza reciproca approfondita, per togliere ogni pregiudizio.


Per l’Associazione della Comunità Marocchina di Parma e Provincia, l’Associazione Donne di qua e di là e la Comunità Islamica di Parma e Provincia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Matteo

    23 Ottobre @ 17.12

    le moschee fatele a casa vostra! non qua!! io non vi odio, ma vi amerei se tornaste da dove siete venuti!!!!

    Rispondi

  • Paolo

    23 Ottobre @ 15.55

    OOOHHHH razzisti anche a parma???? Hei comunisti i rumeni vanno bene e i musulmani no? I rom che rubano ( oooo poverini è la sua cultura) vanno capiti, e i musulmani perchè vestono in un certo modo vanno condannati?? Mi sa che qualcuno a sinistra deve decidersi.

    Rispondi

  • filippo

    23 Ottobre @ 13.42

    tutte velate..tutte integrate....si si se ci crede qualcuno

    Rispondi

  • Biffo

    23 Ottobre @ 12.36

    Ma non sarebbe ora che la piantassero di velare le loro donne, fin da quando sono preadolescenti, mentre loro se ne girano abbigliati all'europea? Non arrivano a capire che, quando qui in Pianura padana ci sono 35° e il 70% di umidità, loro, in braghette corte e maglietta di cotone a mezza manica, riescono a stare appena meglio delle loro signore, coperte, dalla testa ai piedi, sotto pesanti camicioni?

    Rispondi

  • RENZ

    23 Ottobre @ 09.24

    R E N Z

    Bene! Adesso... DUE MOSCHEE ! E senza badare a spese... non vorremo mica farci compatire...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

4commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

referendum

seggi

Referendum, urne aperte e discreta affluenza. Istruzioni per l'uso

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

1commento

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

5commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

COMMENTO

Un post per i posteri

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti