×
×
☰ MENU

Grande successo per il contest di 12 Tv Parma

Torta fritta e salume? In volata vince la trattoria «Del Grillo»

Secondi ex-aequo «Scarica» e «Pane e Salame»

Torta fritta e salume? In volata vince la trattoria «Del Grillo»

17 Gennaio 2022,11:56

Alla fine ha vinto la trattoria «Del Grillo». Che nelle valutazioni finali era prima a pari merito con «Scarica» e «Pane e Salame». A fare la differenza la variabile della «parmigianità», voto previsto proprio in caso di parità. Un soffio dunque a favore «Del Grillo», dopo un lavoro lungo e difficile.


Otto puntate, centinaia di chilometri in lungo e in largo per la provincia e la città per visitare quattordici locali, tutto per decretare la migliore torta fritta e salume. Il verdetto ieri sera, su 12 Tv Parma, in una seguitissima ottava puntata di «Torta fritta e salume», condotta da Valentina Vincetti per la realizzazione e regia di Nello Fochetti. Puntata registrata in «campo neutro», dal ristorante romani di Vicomero. E allora qual è la miglior torta fritta, in abbinamento al miglior salume, di Parma? In finale erano andati la trattoria del Grillo, trattoria Scarica, Pane e Salame, trattoria Rossini, Tre Ville e Terre Verdiane, secondo le pagelle dei cosiddetti degustatori per caso, uno diverso per ogni locale, ognuno chiamato a votare vista, olfatto e gusto della torta frittà e la bontà del salume. I primi sei locali classificati sono arrivati in fianel con punteggi molto ravvicinati.


Per dare una forma «concreta» alla classifica è stato chiamato Sandro Piovani, che con le sue pagelle (stessi voti più la casella «parmigianità») ha cambiato la classifica iniziale. Anche se non di molto: infatti puntando su vista, gusto, olfatto e salume sono arrivati clamorosamente alla pari (in rigoroso ordine alfabetico) la trattoria del Grillo, Pane e Salame e trattoria Scarica, tre big della torta fritta che hanno confermato così la loro tradizione. Giusto per dare un senso alla classifica finale, ecco che la «parmigianità» ha premiato poi la trattoria del Grillo. Va detto comunque che i sei finalisti hanno proposto piatti di livello assoluto, come ha confermato proprio Sandro Piovani, in trasmissione: «Un compito difficilissimo, giudicare questi “professori” della torta fritta è un compito ingrato. Sei locali che puntano sulla qualità delle materie prime, scelte con cura e attenzione. Tutte naturalmente da fornitori parmigiani».


Soddisfazione, dopo due mesi di lavoro serrato, anche per la brava Valentina Vincetti, spigliata e soprattutto conoscitrice del mondo food nonostante la giovane età: «Un mondo che mi piace, che seguo da anni e che mi impegna ogni giorno, cercando di mettere una conoscenza in più nella memoria. E questa esperienza è stata fantastica». Unico rammarico «i pochi locali del centro storico che hanno aderito» ha spiegato Fochetti. E ora non resta che aspettare la seconda edizione, perché la trasmissione, oltre al grande seguito di pubblico che ha avuto, è stata soprattutto all'insegna del viaggio nel territorio e nelle tradizioni, in una sorta di cammino che è anche un piccolo percorso nella storia (non solo gastronomica) del nostro. L'applauso finale va alla trattoria del Grillo, a Pane e Salame e alla trattoria Scarica, fieri paladini della parmigianità. E a tutti i locali che hanno aderito a questo «gioco» con lo spirito giusto, quello di spiegare il loro duro lavoro quotidiano. Ecco perché alla fine hanno vinto davvero tutti.
r.c.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI