×
×
☰ MENU

ELEZIONI

Ballottaggio tra Cavandoli e Fiazza nel centrodestra

Camera, per il collegio parmigiano ballottaggio tra Cavandoli e Fiazza

di Gian Luca Zurlini

18 Agosto 2022,03:01

Mettiamola così: se non ci saranno exploit o «posizionamenti» in liste proporzionali o collegi uninominali a oggi imprevedibili, la possibilità tutt'altro che remota è che Parma abbia un solo parlamentare (o al massimo due) nel prossimo Parlamento. Con una rappresentanza dimezzata rispetto all'attuale, ma soprattutto minore rispetto a tutti gli altri capoluoghi di provincia dell'Emilia.

Questo perché gli equilibri interni alle due coalizioni principali (ma anche al cosiddetto «terzo polo») sembrano lasciare spazio solo a candidature «di bandiera» per i politici parmigiani. Con l'unica eccezione del collegio uninominale della Camera, da cui uscirà certamente un esponente del teeritorio.

Centrodestra, oggi le liste?
Per quanto riguarda il centrodestra, tutto è ancora in alto mare. Dei tre collegi uninominali, però, uno soltanto andrebbe a un candidato parmigiano, espresso dalla Lega: e in «pole position» ci sarebbe Laura Cavandoli, anche se ancora qualche chance potrebbe esserci per il sindaco di Fontevivo Tommaso Fiazza. Piacentino di Fratelli d'Italia sarà il candidato nell'altro collegio della Camera. Fra i parlamentari uscenti si è chiamata fuori Maria Gabriella Saponara, mentre si è messo a disposizione GianBattista Tombolato. Maurizio Campari, invece, sarà quasi certamente ricandidato nel proporzionale, ma la sua rielezione dipenderà a quel punto dalla posizione in lista e dal risultato della Lega in regione, in quanto al Senato gli eletti sono su base regionale. In lista ci sarà con ogni probabilità anche Sabrina Alberini, sindaco di Lesignano e referente provinciale, ma anche qui conterà la posizione. Per quanto riguarda Fratelli d'Italia, potrebbe essere in lizza nel proporzionale il segretario provinciale Federico de' Belvis. Infine, alcune voci danno per possibile la candidatura dell'ex sindaco Pietro Vignali nel proporzionale alla Camera per Forza Italia.

Pd, ancora in attesa
Per quanto riguarda il centrosinistra, i tre collegi uninominali (due della Camera e uno del Senato) del territorio, nelle previsioni, vengono assegnati al centrodestra. Ma per quanto riguarda le candidature l'unica «parmigiana» dovrebbe essere nel collegio provinciale della Camera, dove ancora ieri sera non c'era stata la scelta fra il ministro Andrea Orlando (che comunque avrebbe il «paracadute» del proporzionale in Liguria) e il segretario cittadino del Pd Michele Vanolli, che, non senza malumori interni piuttosto rilevanti nel partito, sarebbe il prescelto come candidato «locale». Negli altri due collegi, invece, nessuno spazio per parmigiani, mentre nel proporzionale, c'è spazio solo per il secondo posto al Senato di Barbara Lori (dietro l'ex sindaco e ex ministro reggiano Graziano Del Rio, sicuro dell'elezione). Il suo ingresso a Palazzo Madama è però vincolato a un ottimo risultato elettorale del Pd che al momento appare difficilmente pronosticabile.

L'incognita Pizzarotti
Detto che per tutte le altre liste minori le eventuali candidature parmigiane sarebbero di «bandiera» resta ancora l'incognita dell'ex sindaco Federico Pizzarotti. l'unica certezza è che sarà candidato con il «terzo polo». Il dubbio, non di poco conto, riguarda il fatto se sarà in lizza nel collegio uninominale della Camera, dove la sua candidatura andrebbe indubbiamente a «pescare» nel bacino del centrosinistra. Pizzarotti dovrebbe anche essere in campo nel proporzionale, ma qui la posizione sarà determinante per in Parlamento possa essere una concreta possibilità. Ancora pochi giorni, comunque e il quadro sarà definito. E Parma capirà se e quanti parlamentari avrà nella prossima legislatura.

Gian Luca Zurlini

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI