×
×
☰ MENU

UNINDUSTRIA

Reggio, Pil +8%. "Cresciamo come la Cina"

Reggio, Pil +8%. "Cresciamo come la Cina"

14 Dicembre 2021,18:13

Archiviato «il negativo risultato del 2020 che aveva registrato un -10,3%, la crescita dell’economia reggiana, a fine 2021, sarà largamente superiore a quella italiana ed europea. Per il nostro territorio, infatti, si prevede un tasso di variazione del Pil pari al +8% rispetto al 2020, dato che supera di un punto e mezzo percentuale la previsione sul Pil regionale e di due punti quello nazionale». A fare il punto della situazione sullo stato di salute del tessuto economico reggiano è il presidente di Unindustria Reggio Emilia, Fabio Storchi, in un passaggio del suo intervento al tradizionale incontro di fine anno dell’associazione intitolato, in questa occasione. 'Capitale umano e digitalizzazione».

«In termini di crescita del valore aggiunto, con un +8%, l'economia reggiana dovrebbe collocarsi tre punti al di sopra della media dell’area Euro - argomenta - due più in alto degli Usa e del Pil mondiale, rispettivamente +6% e +5,9%, avvicinandosi così ai livelli di crescita della Cina». In particolare, puntualizza il leader degli industrialo reggiani, «la crescita della domanda, soprattutto estera, si conferma come il principale motore di questa ripresa dell’economia locale. Le esportazioni, a fine 2021, sono previste in crescita del 18,6%».

Inoltre, argomenta ancora Storchi, «l'aumento atteso per il reddito disponibile delle famiglie appare rilevante, con un +5,4% che dovrebbe ridare maggiore slancio anche ai consumi e positivi, infine, anche i segnali del mercato del lavoro. Le stime sul numero degli occupati parlano, infatti, di un +1,5%, grazie, soprattutto, al traino di costruzioni e industria il cui andamento ha più che raddoppiato le previsioni sull'occupazione del luglio scorso».

Ad ogni modo, a giudizio del presidente di Unindustria Reggio Emilia, «questo formidabile recupero economico va considerato con soddisfazione, ma senza enfasi e illusioni. La vera sfida che abbiamo davanti - conclude Storchi - è il tasso di crescita dal 2022 in avanti, che dovrà essere solido e duraturo».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI