×
×
☰ MENU

Fidenza

Al lavoro in bici, esperimento riuscito

Al lavoro in bici, esperimento riuscito

15 Gennaio 2022,03:01

Come da programma il primo ciclo del progetto Bike to Work si è chiuso il 31 dicembre scorso e, in attesa di dare vita nelle prossime settimane al nuovo ciclo, adesso è tempo di bilanci.

L’iniziativa è partita a novembre con l’obiettivo di promuove l’uso della bicicletta nei percorsi casa-lavoro attraverso un incentivo economico, da erogare sotto forma di contributo o buoni spesa da utilizzare nei supermercati dello sponsor Coop Alleanza 3.0.

La prima edizione si è conclusa con la partecipazione di ben 104 persone le quali complessivamente hanno percorso su due ruote, a partire dal 15 ottobre, ben 10.725 chilometri.

Il record appartiene a un singolo fidentino che ha messo insieme addirittura 800 chilometri, ma non si tratta di un caso isolato: in generale sono poco meno di quaranta quelli che hanno superato i cento chilometri complessivi, a testimonianza della grande passione con la quale è stato affrontata la partecipazione a questo progetto.

Altrettanto significativi i contributi economici maturati: in tutto oltre 2.174 euro, mille dei quali erogati sotto forma di buoni spesa. Questi sono stati maturati al ritmo di 0.20 centesimi al chilometro, per un massimo di 50 euro al mese, e verranno liquidati quanto prima.

«Sostenibilità ed educazione ambientale non sono concetti vuoti a Fidenza - ha spiegato l’assessore all’Ambiente Franco Amigoni - ma temi trasversali dei quali è permeata tutta l’attività dell’amministrazione comunale. In questo senso Bike to Work è la punta dell’iceberg di una politica che mira a promuovere l’adozione di stili di vita amici della salute e dell’ambiente. Questa prima edizione assolutamente sperimentale si è conclusa in modo più che positivo, considerata l’ampia partecipazione e i risultati. Aver tolto dalle nostre strade in così poco tempo 10mila chilometri percorsi da auto inquinanti va al di là delle più rosee aspettative. A primavera torneremo con una nuova edizione che riteniamo possa essere uno stimolo utile a lasciare nel garage la propria auto e riappropriarsi del piacere di muoversi con un ritmo diverso, consapevoli di non danneggiare l’ambiente». r.c.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI