×
×
☰ MENU

Stelle al merito

Lavoro, ecco i nuovi undici Maestri parmigiani

Lavoro, ecco i nuovi undici Maestri parmigiani

01 Maggio 2022,03:01

Questa mattina verrà celebrata a Bologna nella suggestiva Aula Magna di Santa Lucia, in via Castiglione 36, la cerimonia per la consegna della «Stella al Merito», concessa dal presidente della Repubblica su proposta del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali a tutti i neo maestri del lavoro dell’Emilia-Romagna per l’anno 2022.

L’evento riprende una consolidata tradizione, interrotta negli anni 2020 e 2021 causa la pandemia, e vedrà la presenza del rappresentante del Governo, delle autorità regionali e provinciali.

Contemporaneamente si terrà la cerimonia a livello nazionale al Quirinale, alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando e del presidente della Federazione nazionale Maestri del lavoro, Elio Giovati.

Tale onorificenza viene assegnata ogni anno ad un ristretto numero di cittadini italiani che si sono contraddistinti per i valori richiamati in apertura di pagina.

Per la nostra provincia, quest’anno l’onorificenza e stata assegnata a undici persone.

I neo Maestri sono stati segnalati dalle seguenti aziende: Banco di Sardegna, Barilla, Umberto Boschi, Chiesi Farmaceutici, Credit Agricole-Cariparma, Immergas, Matthews International, espressione del qualificato e apprezzato mondo delle imprese e delle società finanziarie e di servizi del nostro territorio.

Il console provinciale Maurizio Ruggerini sottolinea come il risultato ottenuto dalla nostra provincia è di grande spessore sia per qualità che per quantità, in quanto tale riconoscimento rappresenta la pubblica testimonianza delle capacità e dell’impegno profusi nel corso della vita lavorativa, contribuendo in tal modo al miglioramento della società civile.

Grande merito va, inoltre, alle imprese e società proponenti, in particolare alla loro attenzione nel valorizzare i propri collaboratori, riconoscendone le doti di professionalità, nonché i valori espressi nella vita lavorativa.

Tutti gli insigniti, che si uniscono ai 210 Maestri del lavoro del Consolato provinciale di Parma, avranno così la possibilità di continuare la loro azione in favore della comunità locale ed in particolare delle giovani generazioni.

Nell’attuale contesto il ritorno alla cerimonia tradizionale ha un profondo significato simbolico. I Maestri del lavoro non si sono mai rassegnati di fronte ai colpi inferti dalla pandemia alle persone, all’economia, alla vita sociale delle nostre comunità.

Anzi, hanno sempre cercato di reagire con speranza e ottimismo, cercando di trasmettere con la loro azione quei valori che si sono forgiati e fortificati attraverso il lavoro.

r.c.

Pietro Alberici

Nato a Montechiarugolo il 10 novembre 1962, perito meccanico industriale, dipendente di Immergas di Brescello dal giugno 1985 a tutt’oggi. Dopo aver svolto il servizio militare a 20 anni, nel corpo di polizia giudiziaria al carcere di San Francesco - esperienza molto formativa sul piano professionale ed umano - Alberici entra nel mondo del lavoro, come operaio in linea di montaggio. Successivamente, nel 1985, viene assunto in Immergas. Si dimostra subito un lavoratore serio e capace e si impegna molto nel fornire all’azienda tutto il suo apporto e le sue migliori energie. Dal 1992 contribuisce ad avviare e sviluppare il business aziendale nei mercati esteri. L’evoluzione del suo profilo professionale lo porta ad essere, nel 1996, il primo product manager di Immergas, occupandosi, in particolare, di ideare e sviluppare prodotti destinati ai principali mercati europei. A partire dal 1998 viene nominato direttore del nuovo ente marketing strategico. Successivamente gli vengono affidati compiti di supporto alle direzioni commerciali, nella definizione delle strategie di mercato. Dal 2000 viene nominato dirigente ed entra a far parte del CdA della società. Siamo in presenza di un lavoratore di alta professionalità e di forte impegno. Lo testimonia la sua carriera e la fiducia che l’azienda gli concede, mettendolo a capo di una direzione strategica. Dotato di spiccate doti umane, oltre che professionali, coniuga competenze tecniche e direttive con relazioni corrette con i colleghi, creando un ambiente lavorativo positivo.

Marco Casamatti

Nato a Parma l’1 agosto 1963, dipendente di Barilla dal 1986 a tutt’oggi. Si è sempre distinto per le sue capacità professionali e l’impegno profuso nei compiti assegnati. Data la sua vasta esperienza costituisce un punto di riferimento fondamentale in termini di affidabilità e conoscenza dei processi produttivi e dei prodotti. Negli anni, all’interno dei reparti confezione dove ha svolto la propria attività, ha sempre contribuito al miglioramento della qualità del prodotto, all’efficienza degli impianti, nonché alla sicurezza dell’ambiente di lavoro. Si tratta quindi di un lavoratore che non solo può dare preziosi consigli e suggerimenti, ma garantisce nelle aree di lavoro assegnategli un elevato standard di efficienza e funzionalità. Nel suo percorso professionale si è sempre dimostrato disponibile ad assumere i vari incarichi che gli sono stati affidati, dimostrando grande competenza e serietà. Ha saputo trasferire la conoscenza acquisita con il costante aggiornamento professionale dei giovani neoassunti, costituendo per loro un forte esempio di competenza e dedizione. Tale attenzione alla formazione ha permesso all’azienda di avere sempre personale professionalmente preparato nel ruolo assegnato.

Lorenzo Farinotti

Nato a Torrile il 10 maggio 1964, dipendente di Matthews International (ex Caggiati) di Colorno dal 1979 a tutt’oggi. Lavora da oltre quarant’anni in Matthews International, ove attualmente ricopre l’incarico di capo reparto satinatura e capo fabbrica. Si distingue per l’attaccamento al lavoro, la dedizione e la capacità di trasmettere ai collaboratori il senso di responsabilità e l’orgoglio di appartenere ad una squadra di lavoratori di prim’ordine. Sin dai primi anni in azienda, il candidato dimostra spiccate doti di artigiano ed una non comune inventiva. Realizza prodotti di qualità, molto validi anche da un punto di vista estetico, oltre a contribuire alla progettazione ed alla realizzazione di molti impianti presenti in azienda, mettendo a disposizione la sua preziosa esperienza. Particolarmente sensibile alle problematiche della sicurezza, individua in via preventiva i rischi ed il loro livello di gravità, adoperandosi per apportare gli ammodernamenti più idonei a tutelare anche il lavoratore più inesperto. Si dedica alla formazione degli addetti alla produzione, allo scopo sia di semplificare i processi produttivi, sia di ottimizzare l’approccio dei neo-assunti alla sicurezza. La sua attività lo porta a collaborare con diversi scultori, grazie ai quali ha potuto realizzare opere statuarie importanti. Si citano, ad esempio, il monumento alla Lira a Rieti, l’altare, le poltrone ed il leggio del Duomo di Parma, la statua di Padre Lino a Parma, gruppi statuari commemorativi di guerre e dell’attentato dell’11 settembre 2001, collocati negli Stati Uniti.

Alessandra Ghiretti

Nata a Parma l’1 novembre 1967, diploma di Ragioneria, dipendente di Barilla dal 1987 a tutt’oggi. Si è sempre distinta per capacità personale e preparazione nel ruolo assegnato, doti che le hanno permesso di raggiungere negli anni la posizione di HR Manager, attualmente ricoperta. Si è distinta per le capacità organizzative nella soluzione delle diverse problematiche affrontate e per la sensibilità ed attenzione nella gestione delle persone. Nel suo operare cerca sistematicamente di coniugare l’attività organizzativa con la sensibilità alle diverse problematiche individuali. Nonostante la complessità del ruolo, ha sempre saputo mantenere ottime relazioni sindacali pur rispettando le esigenze produttive ed organizzative ed anzi sviluppandole attraverso un miglioramento delle condizioni lavorative del personale coinvolto. Nel corso del suo percorso professionale, si è sempre resa disponibile ad assumere i vari incarichi che le sono stati affidati con grande competenza e serietà. Collaborativa, ha partecipato in maniera attiva a innovazioni e miglioramenti della struttura aziendale con un grande senso di appartenenza e un forte legame ai valori e all’etica aziendale. Ha saputo trasferire la profonda conoscenza acquisita con il costante aggiornamento professionale dei componenti il team HR, curando la formazione dei giovani neoassunti con indicazioni e suggerimenti per la loro formazione e sviluppo in coerenza con il sistema dei valori aziendali.

Mauro Guareschi

Nato a Noceto il 12 aprile 1959, dipendente di Barilla dal 1982 a tutt’oggi. Si è sempre distinto per le sue doti di attaccamento al lavoro e capacità professionale, doti che gli hanno permesso di raggiungere negli anni la posizione di project specialist impianti generali attualmente ricoperta. Data la sua vasta esperienza nel campo degli impianti generali, ha gestito la realizzazione di importanti progetti che hanno riguardato la trasformazione tecnologica dello stabilimento di Pedrignano, rivelandosi un prezioso supporto tecnico per l’ufficio ingegneria. Tale esperienza si è altresì rivelata fondamentale anche nei vari siti presenti in Italia e all’estero come lo stabilimento di Thiva in Grecia. È stato promotore di un sistema centralizzato di misurazione e gestione degli utilizzi energetici, con conseguenti notevoli riduzioni dei consumi degli stessi. Guareschi ha sempre dimostrato grande serietà sul lavoro, forte competenza professionale e grande spirito collaborativo, partecipando attivamente all’apporto di innovazione e miglioramento della struttura aziendale. Inoltre ha saputo trasferire la profonda conoscenza acquisita curando l’aggiornamento professionale dei componenti del team degli impianti generali e la formazione dei giovani inseriti nei diversi percorsi lavorativi.

Mauro Guareschi

Nato a Sorbolo Mezzani il 21 dicembre 1962, perito meccanico, dipendente di Immergas di Brescello dal 1981 a tutt’oggi. Inizia a lavorare per Immergas all’età di 19 anni, dopo il servizio militare e dopo una breve esperienza come operaio. Viene assunto come impiegato, con mansioni di disegnatore meccanico. Si fa subito apprezzare per le sue qualità professionali ed umane, mantenendo sempre un elevato livello di impegno e competenza. Le non comuni doti di preparazione ed efficienza, accompagnate al senso del dovere e alla rettitudine, lo fanno emergere tanto da meritare crescenti passaggi di funzioni e miglioramenti di carriera. Professionalità, serietà e condotta morale irreprensibile sono doti che caratterizzano il suo percorso professionale. In 40 anni di attività, Guareschi ha modo di realizzare un percorso trasversale che gli consente di maturare un’esperienza unica e di lasciare un importante contributo in tutte le aree in cui è stato impiegato. Oggi è membro del Consiglio di amministrazione e dirige l’ente ricerca & sviluppo, cuore pulsante di Immergas. Durante la sua attività, ha instaurato rapporti di stima, fiducia e collaborazione sia con i colleghi che con i superiori con i quali si è sempre rapportato al meglio, favorendo la crescita umana e professionale dei propri collaboratori. Ha contribuito a diffondere, soprattutto tra i giovani, i valori del lavoro, nonché lo spirito e il senso di appartenenza all’azienda.

Maria Giovanna Murgia

Nata a Sassari il 6 ottobre 1959, laurea in Economia e commercio, dipendente del Banco di Sardegna dal 1988 a tutt’oggi. Inizia il suo percorso lavorativo nella filiale di Parma in qualità di capo reparto. L’azienda riconosce alla candidata le doti di dedizione, spirito di collaborazione ed elevata professionalità e quindi, dopo le attività di cassa, viene impiegata nelle attività di retro sportello dimostrando interesse nell’ambito del credito con la successiva assegnazione all’Unità Imprese. In virtù della professionalità acquisita e dei risultati conseguiti, dal 2005 le viene attribuita la responsabilità della filiale di Parma, raggiungendo il livello di quadro direttivo. Dal 2014 a tutt’oggi riveste la carica di responsabile della filiale di Milano del Banco di Sardegna, dove la stessa fornisce il suo prezioso contributo nella gestione e fidelizzazione della clientela nell’importante contesto economico milanese, un contesto di particolare rilievo per la sua specificità in ambito nazionale. Ottime le sue qualità morali e disciplinari e la sua condotta irreprensibile. Figura dalle spiccate doti nell’ambito della gestione della clientela, sa contemperare le esigenze tecniche aziendali con una visione ampia del ruolo a lei affidato.

Marco Riccardi

Nato a Felino il 22 febbraio 1962, dipendente della ditta Cav. Umberto Boschi di Felino dal 1977 a tutt’oggi. Si è distinto per perizia, in quanto come responsabile del reparto produttivo del salumificio, conosce alla perfezione ogni lavorazione che vi viene svolta ed è in grado di controllarne l’esatta esecuzione. Segue le lavorazioni in modo critico, proponendo migliorie e modifiche, fin dal ricevimento delle carni, agevolando e mantenendo ottimi rapporti con i fornitori. Ha contribuito ad innovare i processi produttivi, portando alla massima efficienza l’utilizzo delle macchine complesse e presentando progetti di ristrutturazione dei locali. Ha inoltre contribuito sensibilmente al perfezionamento delle misure di sicurezza, soprattutto prestando la massima attenzione all’efficienza delle macchine. Riccardi è un punto di riferimento per il personale, si è sempre prodigato per istruire le nuove generazioni, ha cercato anche di agevolare l’inserimento dei dipendenti che presentavano maggiori difficoltà, consigliandoli in modo opportuno, con reciproca soddisfazione sia dei lavoratori sia della proprietà.

Luca Rossi

Nato a Parma il 25 agosto 1969, diploma di ragioniere perito programmatore, dipendente di Matthews International dal 1991 a tutt’oggi, 31 anni di servizio. Il trentennale percorso professionale di Rossi si svolge tutto all’interno della Mattews International. Egli testimonia l’impegno, la serietà ed il rispetto dei valori etici, oltre che dei collaboratori e delle regole organizzative dell’azienda. Grazie all’approfondita conoscenza dei sistemi informatici, cura in maniera ineccepibile l’attivazione del sistema di credit management, trasformandolo in un importante strumento di controllo dell’equilibrio finanziario aziendale. In tale ambito riorganizza l’attività amministrativa, rendendosi autore della produzione di policy aziendali tali da consentire la prevenzione dei rischi. Nel corso del suo percorso professionale, si dimostra collaboratore affidabile e cordiale. Forma i colleghi, dedicando particolare attenzione al «continuous improvement». Partecipa attivamente all’apporto di innovazioni e di miglioramenti alla struttura aziendale, dimostrando un forte senso di appartenenza e collabora in prima persona nell’effettuazione di stage e di interventi formativi nei settori amministrativi. In tale ambito intrattiene contatti con gli istituti scolastici locali, al fine di offrire ai giovani validi percorsi di alternanza scuola/lavoro e di tirocinio in azienda. Ha, inoltre, sempre dedicato grande attenzione alle dinamiche connesse alla sicurezza aziendale e alla salute nei luoghi di lavoro.

Donatella Verzetti

Nata a Pavia il 22 luglio 1958, diploma di ragioneria, dipendente di Chiesi Farmaceutici dal 1984 a tutt’oggi, 37 anni di servizio. Ha supportato lo sviluppo della logistica, permettendo alle funzioni commerciali di trovare la modalità più corretta di spedizione e identificando partner affidabili e sempre più sostenibili. Gestisce un team di collaboratori e costituisce un punto di riferimento per la modalità di trasferimento dei farmaci e per la spedizione di campioni e studi clinici. Inoltre negli ultimi anni si sta adoperando per un trasporto sostenibile, con modalità a minore impatto ambientale. È stata un punto di riferimento fondamentale nel corso della pandemia per la distribuzione dei farmaci, nonostante le grosse difficoltà incontrate in quel periodo a causa del parziale blocco dei trasporti. È corretta, integra, affidabile, attenta ai minimi dettagli e dotata di un forte senso di responsabilità ed un alto senso del lavoro, qualità che cerca di trasmettere ai più giovani.

Roberto Zavaroni

Nato a Parma il 25 dicembre 1953, laurea in Giurisprudenza, dipendente di Credit Agricole e Cariparma di Parma (precedentemente Cassa di Risparmio di Parma, Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza) dal 1992 al 30 giugno 2019. Ha sempre goduto della stima e dell’apprezzamento non solo da parte dei vertici aziendali, ma anche di colleghi, collaboratori e clienti, a dimostrazione di qualità professionali e personali che hanno evidenziato le sue doti di leadership. La sua vita professionale e la sua continua progressione di carriera negli oltre quarant’anni di servizio testimoniano impegno nel lavoro, costanza nell’aggiornamento, equilibrio nella gestione delle risorse umane e nella valutazione di fatti e situazioni evidenziandone le doti professionali e morali. Le ottime doti relazionali e l’attenzione verso gli altri hanno sempre rappresentato un connubio vincente per poter ascoltare, motivare ed indirizzare le risorse gestite, trasferendo loro esperienza e competenza.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI