×
×
☰ MENU

METEO

«Hannibal» arroventa il weekend: mercoledì attesi i temporali

«Hannibal» arroventa il weekend: mercoledì attesi i temporali

di Pierluigi Dallapina

23 Maggio 2022,03:01

Anche le notti diventano bollenti con «Hannibal». L'alta pressione africana ha cancellato la primavera, trasformando maggio in un mese estivo, con il caldo che non picchia solo di giorno. Quella fra sabato e domenica è stata infatti la prima «notte tropicale» dell'anno, perché in città la minima non è mai scesa sotto i 20 gradi. «Si tratta di una definizione statistica ed indica appunto le notti particolarmente calde, quelle in cui, a causa del caldo, si riposa male. Una situazione del genere, riferita alla seconda metà di maggio, non capitava dal 2018». Paolo Fantini, tecnico dell'Osservatorio meteorologico dell'Università, è una miniera di dati e tutte le volte che si parla di temperature riesce a fare il paragone con il passato. Un paragone che aiuta a capire quanto il clima sia pazzo, oppure in linea con la media.

Pescando nel suo archivio, Fantini dice che no, questo non è il maggio più caldo degli ultimi anni. In città si è visto di peggio. «Il record risale al 2009, quando vennero toccati i 35,7 gradi». Una massima da piena estate.

Bollente ma non troppo

«Sabato - spiega - è stata raggiunta una massima di 31,5 gradi. La copertura dei cirri ha ostacolato la radiazione solare». Altrimenti la colonnina di mercurio sarebbe andata ancora più su. Ma tutti quelli che hanno avuto la sfortuna di rimanere in città e di dover girare sotto il sole nelle ore più calde, si sono resi conto di quanto maggio assomigliasse al mese di luglio. «I modelli - continua - per la giornata di domenica prevedevano massime tra i 34 e i 35 gradi, ma anche in questo caso il cielo velato ha fatto abbassare le temperature». La massima di ieri ha sfiorato i 30, fermandosi a 29,3 gradi. «L'alta pressione africana sta iniziando a sgonfiarsi, ma fino a martedì il caldo dovrebbe continuare». Il bel tempo dovrebbe iniziare a guastarsi a partire da mercoledì, però Fantini non si sbilancia e torna ai dati del suo archivio.

«Giorni di maggio molto caldi ci sono stati nel 2007 e nel 2009, ma anche nel 1945, quando le massime, per due settimane, rimasero sopra i 30, con punte fino a 35 gradi». Il caldo anomalo non è un fenomeno limitato agli ultimi anni. Anche se ora sembra più frequente.

Attenzione ai temporali

Dopo il gran caldo c'è il rischio dei temporali o di eventi meteo estremi. A Parma e provincia tutti si ricordano la disastrosa grandinata del 26 luglio 2021, quando chicchi di grandine grossi come palle da tennis «bombardarono» la Bassa.

«Mercoledì dovrebbe arrivare la pioggia, ma per ora è presto per azzardare previsioni, soprattutto quando si tratta di temporali. Durante la stagione calda è infatti difficile che si verifichino piogge diffuse. Per quelle bisognerà aspettare l'autunno».

Fantini - interpellato ieri mattina - mette le mani avanti e, prima di annunciare tempeste o sole pieno, preferisce consultare i modelli che verranno pubblicati nelle prossime ore. Quel che è certo è che dopo un inizio maggio insolitamente freddo, l'alta pressione ha iniziato a pompare caldo a partire da martedì 10.

«Per il periodo - conclude -le massime dovrebbero essere attorno ai 25-26 gradi, e le minime tra i 16 e i 17». Invece l'estate sembra avere già rimpiazzato la primavera.

Pierluigi Dallapina

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI