×
×
☰ MENU

Fidenza

Usava il permesso per disabili della madre morta da anni: furbetto di «beccato» dalla Polizia locale

Usava il permesso per disabili della madre morta da anni: furbetto di «beccato» dalla Polizia locale

31 Luglio 2022,03:01

Utilizzava il permesso per disabili della madre, deceduta da oltre un anno. A Fidenza i furbetti del permesso disabili sono decisamente molto intraprendenti.

Una storia incredibile che ha visto coinvolto un 60enne fidentino, che si è visto sanzionare per l’utilizzo improprio del permesso disabili dopo che, controllando la targa del veicolo, era emerso che il documento era scaduto nell’agosto del 2021. Un difetto che in sé non sarebbe stato gravissimo, non fosse che verificando i dati è emerso che il permesso era intestato alla madre che oggi avrebbe 86 anni, non fosse deceduta da tempo.

«Certe cose si tende a credere che possano accadere solo altrove. Invece, purtroppo, succede anche a Fidenza che qualche furbo manifesti tutta la sua inciviltà con azioni come quella sanzionata dalla Polizia locale», commenta il vice sindaco Davide Malvisi. «Non si tratta purtroppo di casi isolati: nel 2021 abbiamo elevato - continua Malvisi - 234 contravvenzioni a gente che banalmente ha parcheggiato sulle strisce gialle senza aver alcun titolo, ma a questi si aggiungono ben 18 persone colte ad utilizzare in modo improprio un permesso. E la tendenza decisamente non migliora nel 2022, considerato che nei primi sette mesi dell’anno abbiamo già sanzionato 163 persone incorse nella prima casistica e addirittura 16 nella seconda. Si tratta di una situazione intollerabile per la quale ho chiesto alla Polizia locale di porre nei prossimi mesi particolare attenzione».

«Sembra incredibile che possano esistere campioni di egoismo capaci di parcheggiare su un posto riservato ai disabili solo per la briga di non voler parcheggiare qualche metro più in là»: questa la reazione del sindaco Andrea Massari.

Che aggiunge: «È un’azione meschina che non ha nessuna scusante e che da sola definisce la povertà d’animo di chi la commette. Fidenza non ha le dimensioni di New York e i posti dove parcheggiare non mancano. Se si decide scientemente di lasciare la propria auto su un posto riservato o, come in questo caso, di usare un permesso in modo improprio, lo si fa per estremo egoismo e per quanto mi riguarda in una comunità come la nostra non c’è spazio per comportamenti di questo genere».

r.c.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • maribett

    03 Agosto 2022 - 17:02

    Spiegartelo anche alla Polizia Locale di Parma come hanno fatto a Fidenza. Ho chiesto spiegazioni ai Vigili che fanno servizio in strada e mi è stato risposto che loro non hanno la possibità di controllare se i permessi sono validi o meno!

    Rispondi

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI