×
×
☰ MENU

tragedia sfiorata

Cede una scala del Globe Theatre a Roma al termine spettacolo scuole: 13 in ospedale

Cede una scala del Globe Theatre a Roma al termine spettacolo scuole: 10 feriti, nessuno è grave

22 Settembre 2022,15:40

L’attore sul palco porta la testa di Macbeth tra le spade alzate dei guerrieri, poi arrivano gli applausi del pubblico dalle gallerie del teatro, che precedono solo di qualche minuto il rumore delle traverse di legno franate e le urla dei ragazzi. Al termine della tragedia shakespeariana in scena al Globe Theatre di Roma si sono succedute immagini reali di un incidente che ha rischiato gravi conseguenze: la scala dell’ultimo anello del teatro ha ceduto e dodici persone, tra studenti e professori, sono rimaste ferite con vari traumi e contusioni, ma per fortuna non sono in pericolo di vita.
Tra di loro ci sono ragazzi di 16 e 17 anni del liceo 'Saffò di Roseto degli Abruzzì, nel Teramano, che in mattinata erano andati in gita al Globe, la struttura clone di quella londinese che subito dopo questo episodio è stata chiusa dal Campidoglio. Le scale di legno massello, materiale che caratterizza l’intero teatro all’aperto in stile elisabettiano, erano state oggetto di un intervento di manutenzione e nonostante tutto si sarebbero sganciate le piastre di tenuta della rampa: sulla parte di quell'anello è rimasto soltanto il corrimano.
«E' grave, bisogna capire quanto è successo», ha detto il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, il quale ha già istituito una commissione per verifiche compiti e ruoli nella gestione del teatro affinchè si accertino le responsabilità. Lo stesso ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, è intervenuto per monitorare la situazione tramite l’Ufficio scolastico regionale del Lazio. Sulla vicenda la procura di Roma, che è in attesa di un’informativa, aprirà presto un fascicolo e l’area è stata sequestrata.
Aldilà dello spavento il racconto dei liceali, che improvvisamente non hanno «più sentito il pavimento sotto i piedi», è lucido e dettagliato. «Stavamo scendendo le scale per uscire, queste hanno ceduto mentre alcuni di noi le stavano percorrendo e sono caduti. E’ successo tutto in pochi attimi», hanno riferito ai soccorritori gli studenti ricordando quei momenti di panico al piano più alto, il terzo anello. Altri aggiungono ancora sotto shock: «abbiamo sentito le urla dei nostri compagni e visto crollare tutto, è stata una frazione di secondo. Dopo il boato c'era la scala a pezzi con dei ragazzi sotto. Qualcuno piangeva per la paura». Una docente dell’istituto teramano, che ha accompagnato alcuni dei 140 ragazzi delle scolaresche partite in tre pullman dall’Abruzzo, ha spiegato che gli alunni sono caduti tra le travi da un’altezza di circa tre metri, dal terzo al secondo piano».
Gli studenti hanno spiegato che non c'è stato un grosso rumore perchè la scala si è staccata per intero e ha fatto rumore solo quando ha toccato terra. «Io e i miei compagni - racconta Antonio - abbiamo capito che l’unica cosa da fare era girarsi, rientrare nella struttura e non appendersi al balconcino. Ero ad un passo di distanza».
Il 112 regionale ha inviato in poco tempo sul posto ambulanze del 118, forze dell’ordine e vigili del fuoco, che hanno rimosso in una corsa contro il tempo il cumulo di detriti che si era formato dopo il crollo. I ragazzi sono stati fatti scendere dalle scale antincendio che usano gli attori, quella a pioli. Tra i feriti, tutti portati in diversi ospedali della capitale, alcuni hanno traumi e contusioni alle gambe e al bacino, altri sono stati già dimessi. L’epilogo, dicono tutti, avrebbe potuto essere di gran lunga peggiore.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI