×
×
☰ MENU

Il test

Subaru Forester, una garanzia

Il Suv «protetto» per 8 anni di garanzia. Il model year 22 aumenta la tecnologia e cambia look. E in offroad è sempre a suo agio. Da 37.750 euro

Subaru Suv Forester

di Aldo Tagliaferro

23 Gennaio 2022,18:34

Subaru, almeno alle nostre latitudini, è sempre stata una nicchia. Una nicchia dorata e confortevole dove chi cerca originalità, una trazione integrale ormai proverbiale e l'eleganza del motore boxer, difficilmente abbandona il marchio delle Pleiadi. E infatti sebbene Subaru nel corso degli ultimi anni abbia coraggiosamente abbandonato il diesel, il cambio manuale e le sportive, mantiene la sua quota (anzi, +18% nel 2021) e vede rosa perché - al netto dei problemi di consegna che attanagliano l'automotive in questi mesi - il portafoglio ordini è zeppo, grazie anche ai contratti vinti con la Pubblica amministrazione perché le Pleiadi a livello di costi di servizio è imbattibile.


Safe8
E allora partiamo proprio da qui per raccontare il model year 22 del Suv Forester (guarda il video) che offre 8 anni di garanzia (sì avete letto bene) su ogni bullone, “bumper to bumper”. Nessuno offre tanto quanto la formula “Safe8”.
A capitanare la squadra dei Suv Subaru c'è dunque la quinta generazione di Forester, che coi suoi 464 cm vive il suo primo restyling declinato in quattro allestimenti (tutti con il 2.0 benzina hybrid e trasmissione Lineartronic) dove spiccano al top Premium e 4dventure, qiuest'ultimo decisamente votato all'offroad.


Il range di prezzo, fra 37.750 e 45.250 euro, è assolutamente competitivo con la concorrenza, soprattutto se mettiamo sul piatto la lunga garanzia e la dotazione completissima di cartucce Adas, rigorosamente di serie su ogni versione.


Cosa cambia
Esternamente i nuovi gruppi ottici (fendinebbia compresi) che lasciano più spazio alla mascherina rendono più giovane il look, così come le maniglie in tinta con la carrozzeria, gli inserti orange sulle barre e i nuovi cerchi da 18” contribuiscono ad aggiornare l'immagine.


Nell'abitacolo altri inserti cromatici riprendono l’arancione dell’esterno, ma soprattutto il pacchetto tecnologico fa un altro salto in avanti. Troviamo ad esempio il “gesture control” per comandare con le mani alcune funzioni, anche la temperatura.
E poi, dicevamo, i dispositivi di sicurezza (ovviamente 5 Stelle EuroNcap con punteggi altissimi): già completi aggiungono la sterzata che aiuta ad evitare l'impatto (se ci sono le condizioni) e la marcia esattamente al centro della corsia: siamo al quarto step dell'evoluzione di EyeSight.

Migliorano anche le prestazioni “SI Drive” perché Forester riconosce e gestisce meglio la guida sportiva. Infine la funzione X-Mode per gestire la trazione sui diversi fondi: se prima si disinseriva oltre i 40 km/h, ora rima e attiva e torna automaticamente in funzione quando si torna a velocità basse.


Come va
Rispetto alla Forester che conosciamo, non cambia molto: i 150 Cv, a cui si sommano i 17 dell'unità elettrica integrata nella trasmissione, spostano con disinvoltura i 1656 kg (a proposito, capacità di traino pazzesca: 1870 kg); l'insonorizzazione è curata e le prestazioni in offroad una garanzia. Trovare il feeling con il Lineartronic non è facile, ma ci si abitua abbastanza in fretta.

Secondo noi

CI PIACE
Migliora il look, più moderno non solo nel frontale ma anche nell'abitacolo; prestazioni in fuoristrada sempre al top; consumi onesti per un Suv benzina a trazione integrale; dotazioni Adas completissime; notevole la garanzia di 8 anni


NON CI PIACE
Ci vuole un po' per trovare il giusto feeling con il Lineartronic; listino giustificato e competitivo per la qualità, ma impegnativo

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI