×
×
☰ MENU

reggio emilia

L'urlo rock dei centomila del Campovolo... delle sette superstar (e degli ospiti) sul palco: basta alla violenza di genere - Le foto

Il più grande evento musicale di sempre contro le violenze di genere: Laura Pausini, Fiorella Mannoia, Emma, Alessandra Amoroso, Giorgia, Elisa e Gianna Nannini

L'urlo dei centomila del Campovolo... delle sette superstar (e degli ospiti) sul palco: basta alla violenza di genere

11 Giugno 2022,20:30

«Questo è un concerto-messaggio che non vogliamo solo cantare. Ma gridare 'Bastà, con tante 'A' finali urlate forte». Laura Pausini presenta così il live «Una. Nessuna. Centomila» alla Rcf Arena Campovolo di Reggio Emilia di stasera dove si esibisce assieme alle altre 'sorelle' della musica italiana: Fiorella Mannoia, Emma, Alessandra Amoroso, Giorgia, Elisa e Gianna Nannini. Davanti a quasi centomila spettatori (alle 14 erano stati staccati 96.217 biglietti) e su 5,7 milioni di incasso, due milioni di euro sono stati devoluti a nove centri anti-violenza italiani.


E’ il più grande evento di beneficenza contro la violenza di genere del quale Pausini si assume, nella conferenza stampa pre-concerto, un pò il ruolo di 'madrinà. In modo sentito ha raccontato di come «una volta una donna di Torino mi ha chiamata per chiedermi aiuto dopo aver subito violenze. E più volte ho mandato la polizia a casa sua per intervenire». Per poi fissare il nobile obiettivo: «Se riusciamo a sensibilizzare anche una sola donna, a denunciare e chiedere aiuto, allora noi avremo già vinto».
Fiorella Mannoia (che ha aperto il concerto alle 19,30 in punto) sceglie di riflettere su numeri drammatici. «Da inizio dell’anno sono state uccise 20 donne, mentre nel 2021 i femminicidi sono stati 118. Questo è un problema che ci affligge da sempre e dobbiamo attuare una forma di prevenzione, non intervenire quando è troppo tardi. Non sarà l’ultimo concerto di questo genere, abbiamo intenzione di continuare affinchè non vengano spenti i riflettori».

 
E per questo le sette artiste hanno deciso di coinvolgere altrettanti colleghi uomini coi quali duettano stasera sul palco (Caparezza con Fiorella Mannoia, Brunori Sas con Emma, Diodato con Alessandra Amoroso, Sottotono con Giorgia, Tommaso Paradiso con Elisa, Coez con Gianna Nannini ed Eros Ramazzotti con Laura Pausini). «Oggi siamo qui per un motivo importante, il gesto di invitare gli uomini è stato bellissimo. Nel 99,99% dei casi quello della violenza di genere è un problema nostro, di noi uomini. E dobbiamo affrontarlo noi per primi», spiega Diodato.
Gianna Nannini si presenta in sala stampa con una maglietta che riporta una frase provocatoria ("Feminity, the trap» ossìa «la femminilità è una trappola") di Simone De Beauvoir. Giorgia le dà un bacio. E poi arrivano dal backstage Elisa con Tommaso Paradiso in bicicletta ed Emma su un monopattino. Oltre al messaggio c'è aria di festa e grande musica che si respira all’Arena Campovolo coi fan che attendono il concerto da due anni (due i rinvii a causa della pandemia per il live che era previsto originariamente a settembre 2020).

 
Ed è proprio per questo che alle proteste che divampano sui social sul fatto che non sia trasmesso in diretta tv o su altre piattaforme, ha risposto il manager degli artisti Ferdinando Salzano, amministratore delegato di Friends&Partners che organizza il concerto: «Sarebbe stata una mancanza di rispetto nei confronti di chi ha il biglietto in tasca da due anni». A suo supporto anche Laura Pausini: «La pelle d’oca e il messaggio che vogliamo dare stasera, si avvertono solo dal vivo.
La maratona musicale - con 54 musicisti complessivamente ad alternarsi sul palco (ogni artista porterà la sua band) come fossero mini-concerti - durerà fino a mezzanotte inoltrata.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI