×
×
☰ MENU

VOLONTARIATO

Una nuova casa «a colori» per la Lega fibrosi cistica

Il presidente Garattini: «Al lavoro da 35 anni». L'associazione è ora ospitata in via Leonardo da Vinci

Una nuova  casa «a colori» per la Lega fibrosi cistica

di Anna Pinazzi

07 Dicembre 2021,14:47

E' stato un taglio del nastro speciale quello che ha inaugurato la nuova sede dell’associazione Lega italiana fibrosi cistica Emilia (Lifc).
Sono spazi più ampi, confortevoli e coloratissimi quelli di via Leonardo da Vinci 32, che d'ora in avanti saranno il luogo di incontro e confronto per coloro che vogliono conoscere, avvicinare e sperimentare modi diversi di fare solidarietà verso i pazienti con fibrosi cistica.
Dato l’avvicinarsi delle Feste e il traguardo dei 35 anni di Lifc, l'inaugurazione della nuova sede stata anche l’occasione per tracciare un bilancio e per riflettere sulle prospettive future. «Da 35 anni l’associazione opera in ambito socio-assistenziale a favore dei malati di fibrosi cistica – ha fatto sapere il presidente Danilo Garattini –. L’impegno di volontari, medici, infermieri è prezioso: lavorano con cura e dedizione, migliorando ogni giorno i nostri servizi». Un impegno «che porta con sé anche tanta speranza – ha rimarcato il presidente – quella di trovare la cura definitiva per questa malattia». Presente alla cerimonia di inaugurazione, anche l’assessore comunale Michele Alinovi: «Questo è un momento molto bello e importante – ha spiegato – non solo per l’associazione, ma anche per la città: è importante che sul nostro territorio, ci sia il segno concreto e tangibile dell’impegno del mondo dell’associazionismo che opera a Parma».
I locali della nuova sede sono infatti del Comune: «Il nostro supporto c’è e ci sarà sempre» ha concluso Alinovi. In rappresentanza dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria e dell’Azienda Usl era presente il dottor Gianfranco Bertè: «Aprire una nuova sede – ha affermato – significa aprire il proprio sguardo al futuro. In questo caso, anche a nuovi approcci di sostegno nei confronti dei pazienti». Una mattinata di confronto che si è conclusa con l’assaggio dei panettoni solidali offerti dai maestri pasticceri Athletichef e dell’accademia dei maestri del lievito madre e del Panettone italiano.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI