×
×
☰ MENU

edilizia

A Parma l'assemblea di Ance. Buia: "Servono nuovi strumenti per cambiare le città"

Ance: un decalogo per nuova governance della politica urbana

13 Maggio 2022,11:27

Serve «una legge di principi statale» che superi la legge urbanistica del 1942 e il decreto sugli standard urbanistici del 1968. Lo rende noto l'Associazione nazionale costruttori edili (Ance), che chiede «una nuova governance per la politica urbana nazionale» e propone un decalogo di azioni da intraprendere. La proposta è stata discussa durante il convegno 'Com'è bella la città' organizzato dall’Ance al Teatro Regio di Parma.
Tra le richieste annunciate dall’associazione nel decalogo si va dalla definizione di rigenerazione urbana e dichiarazione di interesse pubblico degli interventi al contributo di costruzioni. Inoltre, tra le altre cose, si chiede il contenimento del consumo di suolo, una nuova perequazione per la città e la semplificazione per gli interventi di riqualificazione energetica e il miglioramento sismico degli edifici esistenti. Secondo l’Ance, il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) - che destina circa 47,6 miliardi di euro a investimenti per le città e i territori, di cui nove per la rigenerazione urbana - rappresenta «l'occasione giusta» per realizzare queste proposte.

Ance: Buia, servono nuovi strumenti per cambiare le città

«Oggi il decreto del 1968, che dava un 'rangè alle espansioni delle città, esiste ancora, ma abbiamo bisogno di strumenti diversi e di qualcosa di veramente concreto affinchè si possa cambiare». Lo ha detto Gabriele Buia, presidente dell’Associazione nazionale costruttori edili (Ance), al convegno organizzato dall’associazione in corso al Teatro Regio di Parma, in riferimento alla legge urbanistica.
«Purtroppo le risposte per i tempi insiti nella normazione sono lunghissimi ma la società è molto veloce - ha aggiunto Buia - negli ultimi 26 anni ci sono stati 76 provvedimenti in sei legislature. Abbiamo provato tante volte a cambiare ma non ci siamo mai riusciti. Ora siamo arrivati alla soglia dell’approvazione di un disegno di legge, per cercare di definire un percorso che è strategico per tutti». Il presidente di Ance ha anche parlato dei nove miliardi di euro che il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) mette a disposizione delle città. «Dobbiamo spendere rapidamente queste risorse con diversi programmi - ha concluso - non possiamo lasciare andare questa grandissima opportunità». 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI