16°

Mostra

Emozioni da Giotto a Gentile

A Fabriano fino al 30 novembre. Opere del '200 e del '300. Tra le riscoperte gli affreschi del Maestro di Compodonico

Emozioni da Giotto a Gentile
0

La mostra «Da Giotto a Gentile pittura e scultura a Fabriano fra Due e Trecento» ospitata, fino al 30 novembre, presso la Pinacoteca Civica Bruno Molajoli di Fabriano ed in alcune chiese storiche della città, (le chiese di Sant’Agostino e San Domenico e la Cattedrale di San Venanzio), accende i riflettori su di un patrimonio artistico inscindibile dal contesto paesaggistico e ambientale. Sul finire del XIII secolo, infatti, aveva avuto inizio da Fabriano quel processo di trasformazione economica, sociale e religiosa che ha dato origine alla civiltà dell’Occidente cristiano. Così mentre sui ponteggi della Basilica Superiore di Assisi Giotto affermava un nuovo eloquio pittorico compiutamente occidentale, la rivoluzione figurativa si propagava anche attraverso i valichi appenninici fino alla città della carta dove maestri anonimi, assai esperti nella pratica dell’affresco, lasciavano tracce del loro operato nelle più importanti chiese degli Ordini Mendicanti, ma anche nelle sperdute pievi sorte sui monti. Un contesto unico che si apre oggi ad una riscoperta fra nomi certi dell’arte e maestri poco noti ma destinati a sorprendere per la loro personalità. Curata da Vittorio Sgarbi la mostra propone oltre 100 opere: dipinti, pale d’altare, tavole, affreschi staccati, sculture, oreficerie rarissime, miniature, manoscritti, codici, concessi in prestito da musei italiani e stranieri. Da Giotto, del quale sono da citare due tavolette raffiguranti San Francesco e San Giovanni Battista – furono pubblicate per la prima volta nel 1997 fino ad allora ignoti alla letteratura artistica ed attribuiti allo stesso Giotto da Luciano Bellosi, paternità poi ripresa nel tempo – alla vera scoperta della mostra, il Maestro di Campodonico. Da questa località trae il suo nome un oscuro affreschista, capace di coniugare la spazialità giottesca con una carica umana profonda e modernissima, nei gesti e negli sguardi. Le sue opere rivelano una creatività di spicco, testimonianza di un uomo che molto aveva viaggiato, che aveva visto tanta grande arte: umbra, toscana, senese, Lorenzetti in particolare. Realizza solo affreschi, le cui figure rivaleggiano con un Giotto o con Gentile soprattutto per il peso dei corpi, e la straordinaria capacità di sintesi delle forme. Un’ampia sezione della mostra è dedicata anche ai raffinati dipinti su tavola realizzati da Allegretto Nuzi, dopo il suo rientro dalla Toscana in occasione della peste del 1348: tavole e polittici caratterizzati da elette figure ispirate ai modelli fiorentini e senesi, rielaborati in chiave cortese, come testimoniano le varie redazioni della “Madonna dell’Umiltà”. E’ questo un soggetto frequentemente trattato sia dal Nuzi che dal suo allievo fabrianese Francescuccio di Cecco Ghissi, la cui produzione appare improntata ad una spiccata sontuosità decorativa che soddisfa le esigenze della committenza di provincia. Alla cifra stilistica del caposcuola Allegretto si collega poi la produzione di sculture in legno intagliato e dipinto, a grandezza naturale, destinate all’allestimento di presepi scenografici, attribuite ad un anonimo Maestro dei Magi. Gli esemplari conservati a Fabriano e quelli del Museo di Palazzo di Venezia a Roma compongono un nucleo omogeneo riferibile a questo artista attivo a Fabriano e ben noto anche oltre i confini cittadini. La mostra si chiude con alcuni capolavori di Gentile: la Crocefissione del polittico proveniente da Valleromita di Fabriano, ora nella Pinacoteca di Brera, la raffinata Madonna dell’umiltà del Museo nazionale di San Matteo di Pisa in cui lo stile elegante e forbito, esibito dal caposcuola del Gotico Internazionale rivela la consuetudine giovanile con i pregiati ed eleganti apparati presenti nella città di origine. Tra le opere anche «Stimmate di San Francesco» prestata dalla Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo.Arriva, infine, da un castello bavarese, dove stava ancora prima degli inizi del Novecento, la figura in legno di pioppo, databile al 1375/78, raffigurante, come afferma Vittorio Sgarbi, Elena madre di Costantino il Grande, opera appena scoperta dallo storico dell’arte presso un antiquario e attribuita al Maestro dei Magi di Fabriano. Le cromie appaiono le stesse delle statue del Maestro dei Magi conservate al Museo Diocesano di Fabriano. Il panneggio è sontuoso, l’intaglio fine tanto da far pensare che possa far parte della serie del presepe fabrianese. C’è, in più, un particolare prezioso: la traccia negli alveoli, ancora ben leggibili, delle pietre dure che dovevano impreziosire il manto.La mostra (promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana, con il sostegno della Fondazione Veneto Banca e del Comune di Fabriano ed importanti collaborazioni e patrocini istituzionali) si avvale di un Comitato Scientifico e di un catalogo edito da Mandragora, curato da Vittorio Sgarbi insieme a Giampiero Donnini e Stefano Papetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

1commento

fotografia

Il "Mercante" secondo il fotografo Fabrizio Ferrari Gallery

comune

Casa: "Positivo il 2016, ma ci mancano 40 agenti" Tutti i numeri

L'assessore ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

1commento

GAZZAREPORTER

Ancora rifiuti selvaggi a San Leonardo Fotogallery

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia