17°

32°

Arte-Cultura

Verdi, monumento al mito

Verdi, monumento al mito
Ricevi gratis le news
1

di Egidio Bandini
Hanno giustiziato anche Verdi», titolava il «Candido» nel n° 50 del 1950 e, sotto il titolo Giovannino Guareschi scriveva: «A Parma il monumento a Giuseppe Verdi fu demolito nel Maggio del 1945. Il monumento a Verdi, opera dello Ximenes, era una maestosa costruzione che sorgeva nel piazzale antistante la stazione e veniva chiamato il “cementissimo” perché costruito massimamente in cemento armato. “Era stato danneggiato dalle bombe”, mi spiegarono, “e non valeva la pena di spendere quattrini a ripararlo perché era brutto”». Alla vigilia delle celebrazioni per il cinquantesimo della morte del Maestro, Guareschi se l’era presa con chi decise, quattro anni prima, di demolire il grandioso anfiteatro che, di fronte alla stazione, chiudeva la vista verso il centro di Parma con un doppio porticato semicircolare che ospitava le statue raffiguranti le opere verdiane ed una sorta di arco di trionfo sotto al quale, al centro dell’emiciclo, stava l’ara in granito con i bassorilievi di bronzo (sempre opera di Ettore Ximenes) oggi collocata  accanto al palazzo della Pilotta.
Nel 1950, però, le cose non stavano così e le poche statue rimaste, bassorilievi ed ara compresi erano finiti in una sorta di deposito rottami. Il tutto a poche settimane dall’anno del cinquantenario. Ovvio che Guareschi, inguaribile appassionato verdiano, ne fosse sconcertato: «Durante il periodo di preparazione al referendum istituzionale, a Parma venne fatto saltare con la dinamite il monumento a Vittorio Emanuele II nella piazzetta dell’ex Prefettura. Gli uomini della “liberazione” perciò non perdonarono a Verdi il fatto che egli, nell'altorilievo bronzeo del monumento stringesse la mano di Vittorio Emanuele II, né gli perdonarono il “Viva V.E.R.D.I.” ricordato nella stessa figurazione».
Dunque, proprio quel «Viva V.E.R.D.I. (acrostico di Vittorio Emanuele Re D’Italia)» che, oggi, viene preso a modello per celebrare, assieme al 150° dell’Unità d’Italia, anche l’impegno del Maestro a sostenere il Risorgimento appariva, allora, come motivo non solo della demolizione, ma anche dell’oblio in cui caddero i resti del monumento. Oggi, avvicinandoci al 2013, secondo centenario della nascita di Giuseppe Verdi, ci si interroga sul come dare maggior evidenza almeno a ciò che rimane del «cementissimo» inaugurato nel 1920 e, fra le tante proposte, arriva pure quella di riportare il monumento dov’era, o quasi: nel piazzale della stazione, facendo sloggiare lo storico inquilino Vittorio Bottego, finito anch’egli, nell’immediato dopoguerra, vittima del «piccone demolitore». Scriveva Guareschi nell’inchiesta di Candido: «Ora a Parma hanno distrutto e cercano di distruggere altre cose. E qui per esempio, si potrebbe domandare al sindaco di Parma dove sono andate a finire le due grandi figure in bronzo (fiumi Omo e Giuba) che prima facevano compagnia a Vittorio Bottego sul suo monumento. Il Comune non era alla “liberazione”, retto dai comunisti c’era una gestione provvisoria democristiana che prese due piccioni con una fava: accontentare gli estremisti antimonarchici ed eliminare l’enorme bronzeo altorilievo centrale che “dava scandalo” perché alcune delle allegorie erano piuttosto svestite. La giustificazione di fronte all’opinione pubblica nazionale sarebbe stata invece quella del danneggiamenti per via delle bombe, ma ciò è falso. Nella nostra inchiesta ci siamo anche preoccupati di sapere dove siano andate a finire le statue del monumento. Perché i parmigiani giustizieri di Verdi le regalavano a chiunque volesse portarsele via. Ne abbiam trovate alcune nel cinematografo d’un paese vicino al Po. E non ci siamo preoccupati di cercare le altre perché ci bastava quella malinconia». Cosa succederà? A giudicare da quanto accaduto nel 2001, ben poco. Anche lo sfratto a Bottego appare improbabile.
Più plausibile la collocazione delle copie delle statue di Ximenes lungo via Verdi, in un percorso che conduca direttamente (o quasi) all’ara in Pilotta, quattordici statue da una parte, quattordici dall’altra. Sì, perché oltre le 27 opere canoniche, per simmetria Ximenes aggiunse anche «L’inno di guerra».
Ora che via Verdi è a senso unico e il mercato bisettimanale torna in Ghiaia, la cosa è assai più facilmente realizzabile. Vedremo se si farà o, al contrario, come diceva Tomasi di Lampedusa, tutto cambierà perché tutto resti uguale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Angelo

    23 Giugno @ 22.37

    è un vero peccato che sia stato demolito,perchè Parma avrebbe potuto vantare un bellissimo monumento!!dalle foto sembra davvero maestoso!!peccato Davvero!!!i resti si trovano sotto l'attuale Palazzo della luce!!tra l'altro in rifacimento! con mio stupore ho notato che sono saliti alla luce durante i lavori di scavo per i garage sotterranei, resti di mura del monumento!!ormai saranno stati demoliti anche quelli!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

LA STORIA

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti