-5°

Arte-Cultura

Verdi, monumento al mito

Verdi, monumento al mito
1

di Egidio Bandini
Hanno giustiziato anche Verdi», titolava il «Candido» nel n° 50 del 1950 e, sotto il titolo Giovannino Guareschi scriveva: «A Parma il monumento a Giuseppe Verdi fu demolito nel Maggio del 1945. Il monumento a Verdi, opera dello Ximenes, era una maestosa costruzione che sorgeva nel piazzale antistante la stazione e veniva chiamato il “cementissimo” perché costruito massimamente in cemento armato. “Era stato danneggiato dalle bombe”, mi spiegarono, “e non valeva la pena di spendere quattrini a ripararlo perché era brutto”». Alla vigilia delle celebrazioni per il cinquantesimo della morte del Maestro, Guareschi se l’era presa con chi decise, quattro anni prima, di demolire il grandioso anfiteatro che, di fronte alla stazione, chiudeva la vista verso il centro di Parma con un doppio porticato semicircolare che ospitava le statue raffiguranti le opere verdiane ed una sorta di arco di trionfo sotto al quale, al centro dell’emiciclo, stava l’ara in granito con i bassorilievi di bronzo (sempre opera di Ettore Ximenes) oggi collocata  accanto al palazzo della Pilotta.
Nel 1950, però, le cose non stavano così e le poche statue rimaste, bassorilievi ed ara compresi erano finiti in una sorta di deposito rottami. Il tutto a poche settimane dall’anno del cinquantenario. Ovvio che Guareschi, inguaribile appassionato verdiano, ne fosse sconcertato: «Durante il periodo di preparazione al referendum istituzionale, a Parma venne fatto saltare con la dinamite il monumento a Vittorio Emanuele II nella piazzetta dell’ex Prefettura. Gli uomini della “liberazione” perciò non perdonarono a Verdi il fatto che egli, nell'altorilievo bronzeo del monumento stringesse la mano di Vittorio Emanuele II, né gli perdonarono il “Viva V.E.R.D.I.” ricordato nella stessa figurazione».
Dunque, proprio quel «Viva V.E.R.D.I. (acrostico di Vittorio Emanuele Re D’Italia)» che, oggi, viene preso a modello per celebrare, assieme al 150° dell’Unità d’Italia, anche l’impegno del Maestro a sostenere il Risorgimento appariva, allora, come motivo non solo della demolizione, ma anche dell’oblio in cui caddero i resti del monumento. Oggi, avvicinandoci al 2013, secondo centenario della nascita di Giuseppe Verdi, ci si interroga sul come dare maggior evidenza almeno a ciò che rimane del «cementissimo» inaugurato nel 1920 e, fra le tante proposte, arriva pure quella di riportare il monumento dov’era, o quasi: nel piazzale della stazione, facendo sloggiare lo storico inquilino Vittorio Bottego, finito anch’egli, nell’immediato dopoguerra, vittima del «piccone demolitore». Scriveva Guareschi nell’inchiesta di Candido: «Ora a Parma hanno distrutto e cercano di distruggere altre cose. E qui per esempio, si potrebbe domandare al sindaco di Parma dove sono andate a finire le due grandi figure in bronzo (fiumi Omo e Giuba) che prima facevano compagnia a Vittorio Bottego sul suo monumento. Il Comune non era alla “liberazione”, retto dai comunisti c’era una gestione provvisoria democristiana che prese due piccioni con una fava: accontentare gli estremisti antimonarchici ed eliminare l’enorme bronzeo altorilievo centrale che “dava scandalo” perché alcune delle allegorie erano piuttosto svestite. La giustificazione di fronte all’opinione pubblica nazionale sarebbe stata invece quella del danneggiamenti per via delle bombe, ma ciò è falso. Nella nostra inchiesta ci siamo anche preoccupati di sapere dove siano andate a finire le statue del monumento. Perché i parmigiani giustizieri di Verdi le regalavano a chiunque volesse portarsele via. Ne abbiam trovate alcune nel cinematografo d’un paese vicino al Po. E non ci siamo preoccupati di cercare le altre perché ci bastava quella malinconia». Cosa succederà? A giudicare da quanto accaduto nel 2001, ben poco. Anche lo sfratto a Bottego appare improbabile.
Più plausibile la collocazione delle copie delle statue di Ximenes lungo via Verdi, in un percorso che conduca direttamente (o quasi) all’ara in Pilotta, quattordici statue da una parte, quattordici dall’altra. Sì, perché oltre le 27 opere canoniche, per simmetria Ximenes aggiunse anche «L’inno di guerra».
Ora che via Verdi è a senso unico e il mercato bisettimanale torna in Ghiaia, la cosa è assai più facilmente realizzabile. Vedremo se si farà o, al contrario, come diceva Tomasi di Lampedusa, tutto cambierà perché tutto resti uguale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Angelo

    23 Giugno @ 22.37

    è un vero peccato che sia stato demolito,perchè Parma avrebbe potuto vantare un bellissimo monumento!!dalle foto sembra davvero maestoso!!peccato Davvero!!!i resti si trovano sotto l'attuale Palazzo della luce!!tra l'altro in rifacimento! con mio stupore ho notato che sono saliti alla luce durante i lavori di scavo per i garage sotterranei, resti di mura del monumento!!ormai saranno stati demoliti anche quelli!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli stuzzichini per aperitivo della Peppa

LA PEPPA

Ricette in video: gli stuzzichini per aperitivi

Lealtrenotizie

Ecoincentivi per auto metano o gplmetanogp

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

5commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

24commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

9commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

TV PARMA

Primarie del centrosinistra: i candidati scenderanno a tre? Video

1commento

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

17commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

5commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

WASHINGTON

Trump ha giurato: è il nuovo presidente

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

SOCIETA'

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta