14°

31°

LIBRI

«Il Signor Kreck», romanzo pubblicato da Diabasis

Argentina, libertà martoriata. Juan Octavio Prenz racconta una vicenda ambientata all'epoca della dittatura militare

 Juan Octavio Prenz

Juan Octavio Prenz

Ricevi gratis le news
0

Nella traduzione di Betina Liliàn Prenz, leggiamo, con stupore e ammirazione, il nuovo romanzo di Juan Octavio Prenz «Il Signor Kreck» che Diabasis ha appena pubblicato. Prenz è uno strano narratore. Sembra nato nella Mitteleuropa, invece è di Ensenada (Argentina), classe '32. Dal 1979 risiede a Trieste dove ha insegnato Lingua e letteratura spagnola, dopo aver insegnato anche presso le Università di Buenos Aires, La Plata, Belgrado e Lubiana.
La sua opera comprende una vasta e complessa presenza di romanzi, racconti, saggi e poesia che lo pongono autorevolmente tra le voci più intense e tuttavia più imprevedibili della narrativa ispoanoamericana e spagnola. Ma quella vena che tocca di volta in volta, o sfiora, i territori del mistero kafkiano, di quello musiliano e dell'impenetrabilità tipica dei personaggi di Sebald, rimane suggestiva e inquietante.
«Il signor Kreck» è un vero e proprio testo esemplare del nascondimento che il personaggio perpetra in se stesso.
Non è un caso che questo romanzo sia stato concepito e ambientato a metà degli anni Settanta, ai tempi della dittatura militare di Videla e del fenomeno dei «desaparecidos» che costituiscono il termine di confronto sul quale tutta la sua vicenda s'imposta. Tuttavia, a ben guardare, il nostro involontario eroe ha origini istriane e un passato di famiglia che lo riconduce ad un'antica familiarità europea della quale egli è segretamente e gelosamente custode «secondo una vicenda metafisicamente privata», come ha scritto Claudio Magris, che si muove tra fede, buonafede e malafede, in contrasto netto col suo desiderio «di voler passare inosservato».
Prenz ci appare come un narratore allo stesso tempo cauto e curiosissimo, tanto che il suo Rodolfo si offre alla nostra considerazione come colui per il quale «esternare le emozioni era non solo una forma di violenza nella sua intimità, ma una specie di imposizione o di invasione nella vita altrui».
Il grumo del romanzo, la sua essenza psicologica e sentimentale è qui racchiusa, davanti al dito puntato della polizia e davanti al nucleo dell'innocenza dove «una parola di meno o il silenzio possono diventare sospetti», come dice l'avvocato alla moglie. Ma il signor Kreck, tra un sorriso cinico e uno benevolo, giunge alla fine a comprendere «senza remore i limiti inesorabili di ogni libertà» e la sua rassegnata saggezza esprimerà il concetto che «prima o poi, giustizia vien fatta» coll'ironia di un drammatico esito beffardo.


Dentro la vicenda di Kreck, del suo arresto e del suo processo (ma il termine processo è incerto e interlocutorio, come si può ben capire!) si snoda la vicenda dell'inquisitore. E qui il dramma si complica ulteriormente poiché Prenz usa questo stratagemma giudiziario in maniera del tutto inconsueta. Per lui, infatti, l'inquisitore è il pesonaggio che dovrebbe svelar il mistero, mentre, invece, lo complica ancora di più.
E scrive: «Finito l'interrogatorio Kreck venne invitato - si sa che cosa significa questo verbo in tempi di repressione - a firmare la dichiarazione. Siccome era suo diritto, chiese di leggerla.
“Un'occhiata soltanto, non perdiamo tempo” gli disse l'inquisitore. Anche se Kreck avesse avuto tutto il tempo del mondo per corroborare la veridicità del suo racconto e rivivere in qualche modo quella sconcertamente mattinata, la lettura della dichiarazione non avrebbe potuto resstituirgli tutti gli aspetti e le contraddizioni della storia reale, quella che lui aveva realmente vissuto e delle mille proiezioni, mentre la stava raccontando, di ogni passo e di ogni parola...».
L'inquisitore rappresenta perciò il termine di confronto dell'accusato con la vita, l'incertezza e l'improbabilità che essa vita possa, anche solo per un attimo, coincidere con la realtà di quanto si subisce e si patisce. Prenz è abile narratore, troppo abile, per lasciare cadere il bandolo di questa vicenda paradossale, ma sarà poi il destino a sbrogliare la matassa, non il signor Kreck, questo povero uomo «senza qualità» che s'interroga come un sopravvissuto, mentre Jacinto Bunde «spensierato e disinvolto come sempre, sentendosi quasi un personaggio - come gli era sembrato di essere stato trattato fino ad allora - attraversò con passo fermo la soglia del commissariato locale».
Bunde «che non ha mai parlato di politica» è il deuteragonista dell'avventura, è il riscontro ufficiale e naturale di Kreck e si sforza di pensare soltanto a lui e a quanto gli viene chiesto di lui.
Ma, in fondo, è come Soto, l'altro compagno di lavoro e di destino, gente che sa e che non sa. In questo modo, però, il romanzo di Prenz - che verrà presentato domani alle 18 alla Libreria Feltrinelli di via Farini da Elvio Guagnini e da chi scrive, presente l'autore - acquista una sua particolare aura di fatalità che giunge sino al tragico ridicolo dell'interrogatorio delle gemelle Salgueiro. Ma tutta la complessa e spericolata avventura del signor Kreck è una traccia «difficile da credere», ma umanamente probabile da vivere dentro quel sottile e misterioso intreccio della verità smentita e del «mondo offeso», secondo la famosa definizione di Vittorini, che ci domina, noi poveri esseri assediati dai nostri perché senza risposta.

Il Signor Kreck

di Juan Octavio Prenz
Diabasis, pag. 280, 18,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Daria Bignardi lascia la Rai

tv

Daria Bignardi lascia la Rai

Fisco: Raul Bova condannato a un anno e 6 mesi

tribunale

Fisco: Raul Bova condannato a un anno e 6 mesi

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

1commento

L'omicidio

Fred nella casa, un silenzioso dolore

LA PERIZIA

Il massacro di Gabriela e Kelly, Turco e il figlio sani di mente

salsomaggiore

Trovati con arnesi da scasso nell'auto: quattro denunciati

gazzareporter

"Ladri di biciclette... alla parmigiana": il racconto di una lettrice

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

partecipate

Stu Pasubio, chiusa l'indagine preliminare. Pizzarotti: "Resto tranquillo"

Ateneo

Iscrizioni all'Università, alcuni corsi subito "bruciati". Con polemica

Salsomaggiore

Migranti o miss, questo è il dilemma

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

1commento

MONCHIO

«Montagna creativa», una start up per il territorio

lavoro

L'osteopatia entra in Barilla: trattamenti per i dipendenti

Per migliorare la resistenza allo stress e in generale la vita dei lavoratori

Prevenzione

«Intervenire sul Baganza»

PARMA

Insigne jr: «Lorenzo è il mio modello»

Comune

Presto al Duc la «Fontana delle religioni»

2commenti

serie b

Parma, c'è passione: chiusa la prima fase degli abbonamenti a quota 4.700

E oggi seconda amichevole contro la Settaurense (ore 17)

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

16commenti

ITALIA/MONDO

Francia

Incendi in Costa Azzurra, evacuate 10.000 persone Foto

parigi

Gas al peperoncino contro i migranti di Calais

SPORT

CASSANO

Fantantonio e il contrordine del contrordine

4commenti

legino

Da Savona: "Cassano vieni qui, ti paghiamo in farinata"

SOCIETA'

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

francia

Le fiamme devastano il golfo di Saint-Tropez

MOTORI

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video