Libri

Il pallone secondo Sacchi

"Calcio totale. La mia vita raccontata a Guido Conti". Da Fusignano al mondo: l'allenatore narra la propria carriera allo scrittore parmigiano. Pagine avvincenti che ripercorrono le gloriose vicende del Parma, del Milan e della Nazionale"

Il pallone secondo Sacchi

Arrigo Sacchi

0

Prendete la cosa più futile e... più seria in Italia: il calcio. Prendete poi un signore, ex calciatore mediocre: Arrigo Sacchi. Con occhi spiritati e un'idea quasi folle: trasformare la concezione italica del calcio (furbizia e contropiede) e arrivare con questa rivoluzione fin sul tetto del mondo. Prendete infine uno scrittore fra i più noti dell'ultima generazione, parmigiano innamorato del Po e di Guareschi ma di calcio assolutamente digiuno: Guido Conti.

Mettete insieme il tutto, come ha fatto con una felice intuizione il parmigiano Antonio Riccardi alla Mondadori, e avrete in mano una esemplare storia di 283 pagine: «Calcio totale. La mia vita raccontata a Guido Conti». Un racconto ben al di là dei confini sportivi: una lunga e complicata battaglia ideale controcorrente, che racconta tanto della nostra Italia. La storia del libro è appunto quella dell’Arrigo da Fusignano, al cui fianco per una volta anche Silvio Berlusconi è solo un comprimario, seppure fondamentale. E' invece proprio il «visionario» romagnolo/lombardo a disegnare attraverso le parole di Conti una parabola che, a rileggerla oggi, appare ancor più straordinaria. O «straordinéria», come avrebbe detto il Crozza delle prime parodie.

Tutto inizia da quel primo regalo del padre, un pallone di cuoio per i buoni risultati scolastici, che oltre a simboleggiare la vita futura di Arrigo gli offre un insegnamento che lo accompagnerà per sempre: «Se ti impegni, avrai una ricompensa». Questo prologo sugli anni romagnoli, con godibilissime atmosfere degne dell'Amarcord felliniano, è sicuramente da ascrivere a merito di Conti, che proprio perché meno sensibile all'aspetto strettamente calcistico, si sofferma su questa prima parte della vita di Arrigo anziché buttarsi subito su zona, pressing e ripartenze. Così spunta il bel ritratto di «Pulsèina», ovvero il bibliotecario-dirigente Alfredo Belletti. Al neo allenatore Sacchi che gli chiede di acquistare per il Fusignano un libero, Pulsèina regala la prima lezione calcistica mostrandogli una maglia numero 6: «Il libero è qui: se sei un bravo allenatore, lo costruisci tu». E da lì, applicandosi con un impegno maniacale e in qualche modo sempre identico da Fusignano alla finale dei Mondiali, Arrigo inizia il suo cammino verso la professione dell'allenatore, sacrificando a questo sogno incerto la più sicura fabbrica del padre, che si era trovato a dirigere dopo la malattia del genitore.

Ed è bello riscoprire e ricordare che è proprio Parma, alla fine degli anni '80, ad offrire a Sacchi il più fertile dei terreni in cui coltivare quell'idea di calcio. Qui ci sono le parole di stima verso la lungimiranza di un dirigente come Riccardo Sogliano e soprattutto l'affettuoso ricordo di «una persona perbene innamorata del calcio»: Ernesto Ceresini. La promozione dalla serie C alla B, poi un campionato cadetto che fa accarezzare a Parma il sogno della serie A, e infine un doppio vincente confronto in Coppa Italia con il Milan da poco berlusconiano ma non ancora protagonista... E' qui che scatta l'intuizione con cui il miliardario di Arcore affida la sua costosissima squadra proprio a quel tecnico che non ha mai allenato in serie A e in una grande città.

L'impatto milanese, inevitabilmente, è difficilissimo. Ma Berlusconi decide di insistere, nonostante un avvio con insuccessi e critiche, su Arrigo e sulle convinzioni di quell'allenatore senza pedigree. Il resto è storia nota: al primo tentativo lo scudetto in rimonta sul Napoli di Maradona, con il San Paolo in piedi ad applaudire i rivali nel giorno del sorpasso; poi due Coppe dei campioni in sequenza (con la «partita perfetta» del 5-0 al Real Madrid); e due Coppe intercontinentali. Sul tetto del mondo, appunto: ed è davvero istruttivo leggere i passaggi di quella cavalcata, soprattutto nei momenti negativi che Arrigo riesce a superare moltiplicando ulteriormente la sua applicazione e il suo lavoro. Però arriva anche l'altra faccia della medaglia: lo stress, sempre più difficile da gestire. Né vale «alleggerire» il lavoro, trasformandosi da allenatore quotidianamente in campo con il suo club a selezionatore della Nazionale. Perché anche in azzurro Sacchi insegue la perfezione impossibile. E la sua Italia arriverà a disputare un eccezionale Mondiale in Usa: prima solo epico e di carattere (la vittoria sulla Norvegia in 9, la rimonta sulla Nigeria ancora in 10 per l'espulsione di Zola) ma poi anche spettacolare, quando Roby Baggio esalta il suo talento contro Spagna e Bulgaria. In finale, con i brasiliani più forti sarà un braccio di ferro alla pari, fino ai decisivi e fatali rigori. Ma Sacchi capisce subito che nell'Italia che ama i furbi e il successo, quel «solo» secondo posto sarà vissuto come una sconfitta e come una condanna, che sarà eseguita due anni dopo agli Europei, nonostante proprio lì si veda davvero il gioco alla Sacchi.

Ci sono poi tanti altri capitoli, da scoprire direttamente nel racconto di Sacchi-Conti: i ritorni (Milan, Parma), e le avventure di Madrid (Atletico, Real), sempre nella convivenza fra passione totale e ansia di fuggire, e di tornare alla calma di Fusignano. Così l'ultimo fotogramma è ancora in Romagna ed è ancora quello di un calcio al pallone: quel pallone nel quale oggi nonno Arrigo sa di avere lasciato per sempre un segno indelebile. Ma questa volta, anziché una coppa, da sollevare al cielo c'è qualcosa di ancora più bello: la piccola nipotina.
Calcio totale. La mia vita raccontata a Guido Conti di Arrigo Sacchi - Mondadori, pag.283

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video