-2°

Arte-Cultura

La spinetta di Verdi torna a casa

La spinetta di Verdi torna a casa
Ricevi gratis le news
0

Egidio Bandini

Per la prima volta, dopo oltre un secolo, la spinetta sulla quale Giuseppe Verdi apprese le prime nozioni di musica, il piccolo, povero strumento di don Paolo Costa che il Maestro tenne sempre con sé, uscirà da Milano e tornerà a casa: nel Santuario del Sacro Nome di Maria a Madonna dei Prati di Busseto, dove il piccolo Peppino cercò, sui pochi tasti del “pianino” che don Costa teneva al primo piano della canonica, le sue nuovissime melodie. La storia di questa spinetta la racconta una lapide, posta sulla facciata della canonica al Santuario, ma ancor meglio la racconta Oreste Boni, nel suo libro Giuseppe Verdi «L’uomo, le opere, l’artista» edito nel 1901 all’indomani della morte del Maestro. Scrive Boni: «La vocazione per la musica si manifestò nel fanciullo sino dai primi anni, e in una forma così assoluta e prepotente da fermare subito l’attenzione della famiglia di lui e di quanti avevano col ragazzo più frequente dimestichezza. Pare che i primi rivelatori di quella vocazione felice siano stati gli organetti girovaghi, i quali, le rare volte che capitavano in paese, esercitavano su quel fanciullo di otto anni il favoloso potere delle sirene. Tutte le biografie del Verdi narrano inoltre della parte importantissima che l’organo della chiesa parrocchiale ebbe nella prima educazione musicale di lui, e nel segnalare le meravigliose attitudini, appena in germe, del suo genio. Il vecchio organista di Roncole fu il suo primo maestro: il secondo fu una spinetta più vecchia dell’organista, che il padre, vista la passione musicale del figlio, gli acquistò da un prete. Intorno alla quale spinetta è curioso ed è bello riferire un documento, il quale, mentre fa nuova e più esplicita testimonianza delle rare disposizioni del piccolo Verdi, onora il cuore di un modesto operaio. Il documento fu pubblicato per la prima volta dal Ghislanzoni, che ebbe anche la fortuna di scoprirlo. Ed ecco come. Recatosi egli a Busseto, in quella villa di Sant’Agata così cara al grande Maestro, vide la famosa spinetta, colà conservata come un ricordo prezioso. “E io l’ho interrogata – scrive il poeta dell’Aida – Ho levato dalla tastiera uno dei martelletti che lasciava intravedere delle cifre, ed ho potuto leggere delle parole altrettanto ingenue che sublimi; delle parole che mentre rivelano un animo generoso di artefice, somigliano anche ad un coscienzioso vaticinio. I miei lettori mi sapranno grado di veder qui riprodotta quella iscrizione nella sua testuale semplicità. Mi parrebbe commettere una profanazione, ritoccando pure una delle leggiere inesattezze ortografiche, che la rendono adorabile: Da me Stefano Cavaletti fu fato di nuovo questi Saltarelli, e impenati a Corame, e vi adattai la pedagliera che io ci ho regalato; come anche gratuitamente ci ho fato di nuovo li detti Saltarelli, vedendo la buona disposizione che ha il giovanetto Giuseppe Verdi d’imparare a suonare questo istrumento, che questo mi basta per esserne del tutto sodisfatto. Anno domini 1821.”» Una testimonianza commovente che, involontariamente, corrobora la tesi che il piccolo Peppino avesse già suonato l’istrumento del prete, dal momento che, nel 1821, aveva proprio otto anni e se il “cembalaro” Cavaletti poteva parlare di buona disposizione, è evidente che questa doveva datare già da qualche tempo. Appunto dalle primissime lezioni che don Paolo Costa aveva dato a Verdi in quel di Madonna dei Prati, proprio su quella spinetta: lo strumento che il Maestro tenne sempre con sé, tanto da farne dono nel testamento: «14. Lascio all’Opera Pia Casa di riposo dei musicisti, eretta in ente morale con decreto 31 dicembre 1899 oltre lo stabile da me fatto costruire in Milano, piazzale Michelangelo Buonarroti. E di cui all’istromento 16 dicembre 1899, a rogito dottor Stefano Allocchio: [...] il pianoforte grande formato Erard che trovasi nel mio appartamento di Genova, la mia spinetta che trovasi a Sant’Agata[...].» Dunque, grazie all’Associazione Madonna Prati, alla disponibilità della Fondazione Casa Verdi di Milano, all’interessamento del Comune di Busseto e dell’allora onorevole Fabio Rainieri, la spinetta dal 31 agosto al 10 settembre tornerà a casa per la prima volta: un evento che, certamente, sarà il più singolare e significativo del bicentenario verdiano. Poter vedere lo strumento sul quale Giuseppe Verdi imparò a suonare, nel luogo dove ebbe le prime lezioni di musica, sarà emozionante, come emozionante è pensare a chissà quante volte il Maestro sarà stato tentato di provare le note di Nabucco, Otello, Falstaff su quel piccolo strumento; ma siamo convinti non l’abbia fatto: dopo tanto tempo magari poteva sbagliare e il suo vecchio maestro non sarebbe stato lì... 
 
Guarda il servizio del TgParma
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi in centro: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere fuori servizio

1commento

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

20commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa