×
×
☰ MENU

Il test

Mazda CX-60, al volante del nuovo Suv Plug-in Hybrid

Non solo design: comfort e qualità a bordo, consumi ridotti

CX-60, magia Mazda

di Aldo Tagliaferro

18 Settembre 2022,16:31

In principio fu il design: bello, proporzionato, dinamico. Poi l’appeal tecnologico - motore longitudinale, sospensioni raffinate con i bracci multipli al posteriore - e infine è arrivata la prova della verità: abbiamo guidato il nuovo Suv di Mazda, quel CX-60 che da qualche mese ha catalizzato l’attenzione sulla casa di Hiroshima.

Per il momento ci siamo seduti al volante della versione ibrida plug-in da 327 Cv, l’unica disponibile al lancio, promossa ma con qualche riserva: nel senso che siamo convinti che le versioni più leggere con motore endotermico (soprattutto l'inedito diesel 3.3 litri di cui si dicono meraviglie) possano rappresentare il connubio perfetto anche se di questi tempi ci rendiamo conto che rinnegare l’ibrido suoni un po’ eretico. Ma la realtà è che ancora nel 2029 (previsioni IHS) si venderanno nel mondo più di 8 milioni di veicoli a gasolio…

Ma mettiamoci al volante: CX-60 digerisce le info sulla nostra altezza e ci guarda negli occhi (con gli specchietti) per settare automaticamente la posizione di guida ideale per noi. La aggiustiamo comunque, anche perché ogni guidatore ha esigenze proprie, ma è evidente che Mazda ha lavorato con cura maniacale su questo Suv di 4 metri e 74 splendidamente portati. Così come è evidente al primo sguardo che finiture e materiali non temono il confronto con nessuno nell'allestimento Takumi. L’artigianalità giapponese trasuda dalle portiere fino alla levigatissima plancia, semmai quello che può disturbare è il tunnel centrale davvero grande (su quell’unico asse passa del resto tutto il cuore pulsante di CX-60) mentre la visibilità pur buona soffre un po’ perché i montanti inclinati riducono la luce in altezza.

Sedile perfetto, pedaliera assolutamente simmetrica al corpo (è una rarità), siamo pronti per partire: i 192 Cv del 2.5 benzina si uniscono ai 136 dell’unità elettrica, capace di garantire una sessantina di km a zero emissioni. Guidando in ogni condizione (inclusa l’Autobahn tedesca senza limiti…) abbiamo concluso il test con un consumo di 4,3 litri per 100 km, davvero notevole. Diciamo che con il pieno di energia i consumi sono veramente ridotti.

La potenza non manca ma il peso di CX-60 si fa sentire se spingiamo un po’ nel misto utilizzando la modalità di guida Sport (le altre sono Normal, EV, Offroad e Traino, ma solo in presenza del gancio). La frenata è molto decisa, il nuovo cambio automatico a 8 rapporti veloce e preciso, il comportamento in curva è un filo sottosterzante, ma l’allungo è sontuoso, quasi rumoroso se si affonda con decisione sul gas, ma a regime si veleggia nel silenzio (e cullati da un impianto audio cristallino).

Altro punto di forza di CX-60 è la praticità: portiere che si aprono quasi a 90 gradi per un comodo accesso, un bagagliaio perfetto per altezza, dimensioni e sfruttabilità, con tanto di tendina solidale al portellone elettrico (da 570 a 1726 litri).

Se Mazda può guardare negli occhi le tedesche a livello di qualità, con il listino può giocare una carta in più (si parte da 49.900 euro). Interessante l’offerta di lancio fino al 30 settembre per la Exclusive Line (con Convenience & Sound Pack e 3 anni di manutenzione): 36 rate di 452 euro (più Iva) dopo un anticipo di 5.500 euro. E vale la pena ricordare che il 65% dei preordini (boom di 14mila unità in Europa, 750 in Italia, tantissime nel segmento big Suv) è figlio per oltre il 60% di leasing e noleggio a lungo termine.

Secondo noi

CI PIACE
Design dinamico ed elegante, molto spazio a bordo, assemblaggi curati e materiali di qualità, bagagliaio grande e ben sfruttabile, consumi ridotti. Frenata potente. Prezzo molto interessante.
NON PIACE
Lieve sottosterzo nel misto (il peso delle batterie si sente), un po' rumoroso il motore quando si affonda il gas.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI