×
×
☰ MENU

Immgrazione

La Lega: "Parma non può accogliere altri 200 migranti"

La Lega: "Parma non può accogliere altri 200 migranti"

Migranti i mare (foto d'archivio)

14 Agosto 2022,16:33

 “Troppi migranti a Parma e provincia: ci troviamo già in sofferenza ed ora, con l’arrivo di ulteriori 200 richiedenti asilo, rischiamo di non avere le forze per fronteggiare le emergenze sociali che l’attuale periodo storico ha ulteriormente acuito. Come Lega esprimiamo la nostra seria preoccupazione per l’aumento delle assegnazioni di migranti al nostro territorio, legate all’intensificazione del numero di sbarchi. L’immigrazione è positiva quando è legale e controllata, e ciò va di pari passo con la lotta ai trafficanti di esseri umani e allo stop agli sbarchi clandestini. Il rischio è l’alimentazione di un mercato senza scrupoli che si cela dietro ai buoni sentimenti e alle belle parole, come il caso Svoltare ci ha insegnato.
I porti aperti tolgono risorse pubbliche ad anziani, disabili, famiglie e a tutti quegli immigrati integrati nel nostro contesto sociale. E’ ora di fermare un business che mette a repentaglio il nostro sistema di welfare e, nel contempo, ripristinare i decreti sicurezza”.

Così Sabrina Alberini, referente provinciale della Lega, in merito al Bando diretto all’acquisizione di manifestazione d’interesse per l’accoglienza di 200 richiedenti asilo in arrivo nella provincia di Parma.

A farle eco Paola Zanichelli, segretaria sezione Lega di Parma: “L’insicurezza è uno dei problemi più sentiti dai parmigiani e l’aumento di numero di migranti non farà che peggiorare la situazione. Come potremo occuparci di loro quando non riusciamo a garantire i diritti umani e quindi la possibilità di avere ricoveri adeguati alle tante persone che trovano rifugio, la notte, nei treni o nelle aree abbandonate della città? L’aumento esponenziale degli sbarchi mette a repentaglio quelle azioni concrete che sono indispensabili per garantire ai cittadini la sicurezza che meritano e che chiedono: oggi la dotazione organica della polizia locale non è adeguata alle esigenze della città. E’ assurdo che, in queste condizioni, si pensi ad aumentare la pressione migratoria”.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • maribett

    16 Agosto 2022 - 08:59

    Quindi il problema non è degli immigrati, ma delle regole che ci sono, ma non si fanno rispettare, degli "italiani" che approfittano di questi poveretti per loro tornaconto, è, aggiungerei, dei partiti politici che della lotta ai migranti (e, a suo tempo, dei meridionali) ne hanno fatto la loro bandiera. Quei poveri disgraziati, che tentano di scappare (anche a rischio della vita) da situazioni che noi spesso fingiamo di ignorare, non hanno diritto di vivere nel Paese che noi chiamiamo "nostro" solo perchè ci viviamo da tempo? Ma quando i nostri migranti andavano all'estero anche solo per cercare "fortuna" ci scandalizza che venissero emarginati, sfruttati o anche non accolti. E poi, perchè gli Ucraini sì e loro no? Non sono entrambi extra-comunitari bisognosi di accoglienza? Allora perchè due pesi e due misure?

    Rispondi

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI